La Settimana a Teatro

Il meglio di Prosa, Danza e Classica a Firenze e oltre...

PERGOLA
Da martedì 18 a domenica 23 CON IL VOSTRO IRRIDENTE SILENZIO Studio sulle lettere dalla prigionia e sul memoriale di Aldo Moro ideazione e drammaturgia e con Fabrizio Gifuni; foto Musacchio, Ianniello & Pasqualini. Biglietti in omaggio per abbonati vecchi e nuovi a Firenze Spettacolo. Scoprite l’offerta sul nostro sito > firenzespettacolo.it/store
Un “meteorite”, un esperimento teatrale “fantasmatico” da maneggiare con cura. Da Fabrizio Gifuni scritto, diretto e interpretato, lo spettacolo si basa sul volume filologicamente aggiornato nel 2019 del carteggio dell’allora presidente della Democrazia Cristiana, Aldo Moro. Barbaramente assassinato dalle Brigate Rosse dopo 55 giorni di prigionia tra il 17 marzo e il 9 maggio 1978, la sua vicenda tenne col fiato sospeso l’Italia, dolorosamente divisa tra “trattativisti” e intransigenti. Moro durante la prigionia parla, ricorda, scrive, risponde, interroga, confessa, accusa, si congeda. Moltiplica le parole su carta: scrive lettere, si rivolge ai familiari, agli amici, ai colleghi di partito, ai rappresentanti delle istituzioni; annota brevi disposizioni testamentarie. E insieme compone un lungo testo politico, storico, personale – il cosiddetto memoriale – partendo dalle domande poste dai suoi carcerieri. A distanza di quarant’anni il destino di queste carte non è molto cambiato. Poche persone le hanno davvero lette, molti hanno scelto di dimenticarle. Brecht nella versione che la vide protagonista diretta da Giorgio Strehler. Nella capitale della provincia cinese del Sezuan giungono tre dèi alla ricerca di qualche anima buona e ne trovano solo una nella prostituta Shen Te, che accorda loro ricovero per la notte. Il compenso per tale atto di bontà è una tonda sommetta, mille dollari d’argento, ossia, per Shen Te, la possibilità di vivere bene. Ma il compenso è accompagnato dal comandamento di continuare a praticare la bontà. La povera Shen Te apre una tabaccheria e si trova subito addosso uno sciame di parassiti, falsi e veri parenti bisognosi, esigenti fino alla ferocia, da cui Shen Te è costretta a difendersi. Per farlo, una notte, si traveste da cugino cattivo e spietato con tutti ma poi ama… debolezze tu non avevi. Io si… una… amavo.
Via della Pergola 12/32 – biglietteria: 055 0763333 - orari spettacoli: mar-sab 20.45, gio 18.45, dom 15.45 - teatrodellapergola.com



VERDI
Lunedì 17 ENRICO NIGIOTTI
Uno spettacolo emozionante che, grazie alla sincerità della sua musica, crea un’empatia unica con il pubblico. Il cantautore che ha fatto della semplicità il suo marchio di fabbrica, torna live dopo il successo del “Cenerentola tour” per riabbracciare i fan di tutta Italia che hanno iniziato a conoscerlo nei talent musicali televisivi (da 23 a 40.25 euro). 
Da venerdì 21 a domenica 23 MARCO MASINI
Celebra 30 anni di carriera artistica il cantautore toscano. Nel 1990 usciva infatti nei negozi Marco Masini, l’omonimo primo di ben undici album in studio rimasti nel cuore di tutti noi. Indimenticabili perle come T’innamorerai, Bella Stronza, Ci vorrebbe il mare, L’uomo volante, Raccontami di te o, ancora, Spostato di un secondo, brano con cui ha partecipato per l’ottava volta al Festival di Sanremo. Atteso a Primavera il prossimo disco (da 28.75 a 51.75 euro).
Teatro Verdi - Via Ghibellina, 99 - 055 212320 - spettacoli 20.45, domenica ore 16.45 - teatroverdifirenze.it



PUCCINI

Martedì 18 CAPPUCCETTO ROZZO di e con Jonathan Canini e con Riccardo Di Marzo
Canini rivisita la nota favola, “trascinando” in Toscana tutti i suoi personaggi: fiorentina la protagonista, livornese la nonna, pisano il cacciatore, lucchese il lupo… Alla storia originale si sovrappongono così vernacoli e questioni di campanile, in un esilarante botta e risposta che rivela il talento di Jonathan Canini, ideatore e regista dello spettacolo, oltre che autore dei testi.
Via delle Cascine, 41 – 055 62067 – orari spettacoli 21, dom 16.45 - biglietti: Box Office/Ticketone e teatropuccini.it
Per grandi e Puccini, spettacoli per famiglie - ore 16.45
Dom 23 LE AVVENTURE DI PINOCCHIO Pupi di Stac di Enrico Spinelli 


MAGGIO MUSICALE
Fino a domenica 23 DIE FLEDERMAUS di Johann Strauss jr, Zubin Mehta Maestro concertatore e direttore, Regia e luci Josef Ernst Köpplinger.
Il genere dell’operetta nato nella Parigi di Napoleone III si era diffuso rapidamente in tutta Europa e a Vienna aveva trovato la sua seconda patria. Tra i tanti a esserne sedotto anche il più noto e prolifico dei figli del Padre del valzer, che ne sancì la fortuna con Die Fledermaus (Il pipistrello), operetta ispirata a Le réveillon di Meihlac e Halévy. Al centro vi è il classico triangolo amoroso, con conseguenti inganni e scene di gelosia, nella gaudente cornice di una festa in maschera dove il travestimento garantisce una libertà altrimenti impossibile per i protagonisti. Il cuore pulsante batte a ritmo di valzer ma il potpourri musicale creato da Strauss prevede anche polke, arie che fanno il verso all’opera italiana, citazioni delle hit del momento (le operette di Offenbach) e brani folcloristici. Nuovo allestimento in coproduzione con Staatstheater am Gärtnerplatz (Monaco).
Mercoledì 19 Zubin Mehta, direttore e Maurizio Pollini al pianoforte in un programma Sinfonia n. 1 in re maggiore D. 82 di Schubert, Concerto in si bemolle maggiore K. 595 di Mozart e Sinfonia n. 104 in re maggiore London di Haydn. RINVIATO
Sabato 22 e lunedì 24 LO SPOSO DI TRE, E MARITO DI NESSUNA di Luigi Cherubini Maestro concertatore e direttore Diego Fasolis, regia di Cesare Lievi. DATE ANNULLATE, PROSSIME DATE 4/6/8 FEBBRAIO
Unica opera buffa scritta da Luigi Cherubini per Venezia. Il dramma giocoso in due atti su libretto di Filippo Livigni debuttò con successo al Teatro San Samuele nel novembre del 1783. Cherubini, al tempo poco più che ventenne, si cimentò con un genere per lui inconsueto, realizzando un divertissement in linea con la tradizione di scuola napoletana pieno di verve musicale e brio. 
Piazza Vittorio Gui 1 - 055 2001278 - spettacoli ore 20, dom 23 ore 15.30 - info biglietti e abbonamenti: maggiofiorentino.com


POPOLO DI CASTELFIORENTINO
Sabato 22 GIBSY Scritto e diretto da Francesco Mattonai con Con Mirko Batoni, Diego Conforti, Alessandra Niccolini.
Johann Trollmann è stato uno straordinario uomo di sport: trent'anni prima di Muhammad Alì sul ring lui balla, schiva, danza con una frequenza di passi impressionante; col nome di Gibsy domina la categoria dei pesi medio/massimi della Germania anni ‘30, negli stessi anni in cui Hitler sale al potere. Però Gibsy è uno zingaro Sinti. Una vicenda in parte Storia e in parte leggenda, come molti aspetti dei gitani, popolo abituato a parlare poco di sè, ma dalle usanze ricche e molteplici. Racconto affascinante del dimenticato “pugile ballerino”, un precursore del proprio tempo, personalità rare in ogni epoca. 
Piazza Gramsci, 80 - 0571 633482 – spettacoli ore 21 - biglietteria: teatrocastelfiorentino.it



ORCHESTRA DELLA TOSCANA
Mercoledì 19 ore 21.15 Castelnuovo di Garfagnana (Lu), Teatro Alfieri MORRICONE & PIAZZOLLA: compositori in eterno Ottoni e Percussioni dell'ORT musiche di Ennio Morricone e Astor Piazzolla arrangiamenti di Donato De Sena - in collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo.
Continua la con molti concerti sul territorio regionale (anche ven 21 ore 20.45 Chiusi (Si), Teatro Mascagni).
Giovedì 20 ore 21 Altopascio, Teatro Puccini MYA CANTA BATTISTI Quintetto di Ottoni dell’ORT e Trio Jazz, Mya Fracassini cantante, musiche di Lucio Battisti, arrangiamenti di Gianpaolo Mazzoli - in collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo (anche sab 22 Bagnone (MS), Teatro Comunale F. Quartieri).
Domenica 23 ore 11 Teatro della Compagnia CONTATTI: La musica da camera dell'ORT I Concerti Aperitivo: DANZANDO NEL MONDO ORT Attack ensemble d'archi musiche di Respighi, Piazzolla, Akhunov, Gardel.
Vari luoghi - 055 0681726 – (Biglietteria del Teatro Verdi, punti vendita d Box Office e su Ticketone) - orchestradellatoscana.it


METASTASIO, PRATO
Da giovedì 20 a domenica 23 GIUSTO LA FINE DEL MONDO di Jean-Luc Lagarce traduzione Franco Quadri regia Francesco Frangipane con Anna Bonaiuto, Alessandro Tedeschi, Barbara Ronchi, Vincenzo De Michele, Angela Curri.
Un testo poetico e lancinante, un trionfo dell’incomunicabilità incastonato in una messinscena commovente e superba. Louis - uno scrittore malato di Aids e prossimo alla morte - torna nel suo paese natale per rivedere i suoi familiari e comunicare la notizia della sua malattia. I membri della famiglia reagiscono tutti in maniera diversa all’incontro ma ogni dialogo si riduce a inutili tentativi di riempire il vuoto con le parole, tanto che Louis andrà via la sera stessa, senza aver confessato il vero motivo della sua “visita”. 
via Cairoli, 59 Prato - biglietteria: 0574 608501/338 5213739 – orari spettacoli: 20.45, sab 19.30, dom 16 - metastasio.it


MANZONI DI PISTOIA
Sabato 22 ORCHESTRA LEONORE Felix Mildenberger, direttore; Enrico Bronzi, violoncello – musiche di Biscione, Šostakóvic e Haydn.
Giovane talento tedesco della direzione d’orchestra, arriva sul podio dell’Orchestra Leonore Felix Mildenberger, vincitore del concorso internazionale Donatella Flick e con al suo attivo numerose importanti collaborazioni con orchestre di altissimo profilo. A lui è affidata l’ultima e più celebre Sinfonia di Haydn, la n. 104. Con lui Enrico Bronzi, violoncellista talentuoso, colto e versatile, protagonista del il Concerto n. 1 op. 107 di Šostakovic. La serata si apre con la raffinata Overture “Dalla soffitta” di Federico Biscione.
Teatro Manzoni di Pistoia - Corso Gramsci, 129 (salvo diversa indicazione) – orario spettacoli 21, sab 15 ore 18 - prev Teatro Manzoni Pistoia 0573 991609/27112 - teatridipistoia.it
site map