Irene all'Hotel Savoy

Gli appuntamenti del mese.

Architettura storica, eleganza e accoglienza italiana a cinque stelle in questo locale ispirato dal grande chef Fulvio Pierangelini con l’head Chef Giovanni Cosmai. Un luogo chic & smart per gustare il meglio della cucina toscana con i vini più pregiati. 

ATTIVITÀ E ALTRI EVENTI

Due le notizie in rilievo:

San Valentino
La dimensione è conviviale e d’allegria se trascorso al “The Table of Love”. Una soluzione per la cena di mercoledì 14 febbraio al tavolo in condivisione proposto per l’occasione, che affianca l’offerta tradizionale. La proposta “The Table of Love” si arricchisce di coccole d’occasione. Tre i signature cocktail dell’Head Barman Federico Galli: Dream Date Negroni; Savoy Passion Potion; Love Elixir. MENÙ San Valentino 75 euro p.p. 

La seconda è la vittoria del contest Club Sandwich Mania nell'ambito del Fuori di TasteFulvio Pierangielini si è aggiudicato il premio e questa versione speciale di club sandwich si trova in carta a Irene tutto il mese. 

Prosegue fino al 20 Febbraio 2024 la mostra "Love is in the bear". Un'insolita fusione tra lusso e pop art in collaborazione con uno degli artisti pop più celebrati in tutto il mondo, Gianpiero D'Alessandro, celebre per la sua abilità creativa e le stimate collaborazioni con i migliori brand del mondo. Tra creazioni in plexiglass, tele e soggetti che hanno il fascino della quotidianità, spicca la celebre testa di Medusa di Caravaggio, reinterpretata in chiave moderna nell’opera intitolata “SEEEELFIE”, in pieno stile Gianpiero, e realizzata in esclusiva per Firenze. A dimostrazione di come arte classica e pop art possano coesistere e fondersi perfettamente, dando vita a una creazione originale e fuori dagli schemi, ma assolutamente attuale. 

Gianpiero ha inoltre realizzato una speciale mini serie di grafiche in edizione limitata che adornano l'albero di Natale nella lobby dell'Hotel Savoy e che sono in vendita. Il 100% del ricavato è devoluto in beneficenza alla Fondazione Istituto degli Innocenti di Firenze, che da oltre 600 anni opera ininterrottamente per la difesa e la promozione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Per acquistare queste speciali creazioni in edizione limitata e dare un contributo alla Fondazione Istituto degli Innocenti Ets, cliccare al seguente LINK .

Hotel Savoy - Piazza Repubblica 7 - 055 2735891 - concierge.savoy@roccofortehotels.com


INTERVISTA CHEF: Giovanni Cosmai, Irene Bistro, Hotel Savoy

In Cucina ho scoperto la Magia

Nato a Bisceglie, terra di agricoltori e pescatori, cresce in una famiglia che ama il cibo. La mamma è la creatrice di tutte le bontà con cui cresce. Il suo lavoro nasce seguendo le orme del padre, Chef di un noto ristorante locale. La voglia e la curiosità crescono sempre di più e decide così di intraprendere un cammino fuori dal territorio italiano, trasferendosi in Inghilterra. Un’esperienza formativa, acquisisce tante conoscenze, sviluppa e affina le sue potenzialità culinarie. Il primo Ristorante è Teca Restaurant, con Chef della scuola di Gualtiero Marchesi. Impara a bilanciare sapori nostrani con saori orientali. In seguito a Nobu, celebre ristorante giapponese. I metodi di lavorazione e conservazione del pesce, le tecniche di taglio, l’utilizzo di salse fermentate, la tradizione dei coltelli. Poi al fusion Spoon Restaurant e al Ritz. Dopo sette anni rientra in Italia, a San Cassiano, poi Roma, Hotel De Russie, da dove, grazie allo Chef Fulvio Pierangelini, icona della cucina italiana, si rimette in gioco all’Hotel Savoy di Firenze.

Per cominciare, ci incuriosisce molto la tua collaborazione con Fulvio Pierangelini. Come funziona esattamente, raccontaci esordi e qualche aneddoto…
La prima volta che ho visto Pierangelini è stato nel 2007, all’Hotel de Russie di Roma. Stavo lavorando nella mia partita, e vedo dietro di me un omone con i capelli lunghi che mi osservava con aria curiosa, non avevo capito chi fosse. Da quel momento un percorso di sorprese, scoperte e avventure. Un viaggio culinario che pochi hanno avuto la fortuna di intraprendere. Siamo stati nei mercati, alzandoci all’alba; abbiamo visitato macellerie antiche, scoprendo tradizioni e innovazioni. In Sicilia in un forno dove l’odore del pane si sentiva dalla strada, fatto con grani antichi tipo la tumminia. Da un allevatore di pecore, per la ricotta fresca consegnata ancora calda, dai pastori che la producono. Da un agricoltore che coltiva caffe, banane, papaie e avocadi, prodotti quasi ‘’fantastici’’. Tutto si trasforma poi sui fornelli, è qui che comincia la vera magia, dove le caratteristiche di ciascun prodotto vengono esaltate. La magia è come si puliscono gli alimenti, si cucinano, si abbinano fra loro per renderli perfetti. La cosa più bella che mi ha insegnato Fulvio, è trasmettere emozioni attraverso il cibo, cucinare con accuratezza, rispettare le materie prime.

Il vostro “piatto forte”...
La minestra di fagioli, ravioli di salvia e sedano caramellato. Un piatto vegetariano della tradizione toscana, chiamato ‘Fagioli all’uccelletto’, che deriva dagli ingredienti usati nell’antichità per cucinare gli uccelletti. Un piatto semplice, ma di grande complessità: gli elementi si mescolano e ad ogni boccone si distinguono.

Il piatto più difficile da realizzare, ma di maggior soddisfazione.
Il risotto, decisivo ed identificativo per uno chef. Noi non lo sfumiamo con il vino, ne lo bagnamo con brodo, ma acqua. Vogliamo sapori decisi e puri.

La pietanza che preferisci lavorare.
La pasta fresca, creando sfoglie sottili, alle quali aggiungere ripieni gustosi ed accattivanti. Da Irene i ravioli di pappa al pomodoro.

Un ingrediente o un piatto sopravvalutato?
Il tartufo. Ha un prezzo puramente commerciale e da solo non lo puoi assaggiare.

Un ingrediente o un piatto sottovalutato?
Pesci sconosciuti, anche chiamati, “poveri”. Sono tanti quelli che non trovano posto nei menu. Più di una volta ho provato a “sfidare” i miei ospiti inserendoli in carta, ma il cliente quasi sempre preferisce spigola e orata!

A cena con un buon vino. Le tue preferenze…
Conte della Vipera e Pinot Nero.

In breve, facci venire l’acquolina in bocca, raccontandoci i piatti salienti del menù di dicembre…
Crudo di ricciola, pesto di un giardino pantesco e sorbetto al limone; Battuto di bovino adulto, maionese alla senape, tartufo nero e misticanza; Risotto, radicchio tardivo, aglio nero, parmigiano stravecchio e melograno; Fusilloni, crema di cavolo nero, limone, scampi e pomodoro candito; Maialino imbottito alla toscana, crema di patate all’olio evo, funghi di bosco e salsa al timo; Sampietro, finocchi brasati agli agrumi e bietolina; Raviolo croccante di ricotta, capperi, arancia e salsa al cioccolato; Crepes all’arancia e sorbetto ai frutti rossi.

A cena a Firenze o in Toscana da un altro Chef... Chi?
Matteo Gambi, Cantinetta Antinori.

site map