L’Anastasia dei due Mondi

In molti ricordano sicuramente questo nome, un hot spot della movida 80-90 poco sopra Scandicci, alle pendici di verdeggianti colline.

Oggi la singolare villetta in stile pagoda circondata da una grazioso giardino con veranda, ha cambiato completante stile e umore.

La nuova proprietà, un imprenditore con la passione della buona tavola già attivo in Versilia, l’ha finemente ristrutturata donandole un aspetto elegante, contemporaneo, molto curato. E la cucina è all’altezza del progetto. Affidata a un giovanissimo chef, Gabrio Dei, con esperienze in locali stellati, propone uno squisito menù di vena gourmet, piatti dai nomi familiari da riscoprire ex novo, disegnati ma consistenti, sapori nuovi, abbinamento felici, scoperte e proposte che intrigano.

Piatto veg del mese: KIMCHI fresco, tuorlo d’uovo, Sesamo tostato, Pomodori Verdi in crosta di Nocciole.

Via di Mosciano, 5, 50018 Scandicci Fi 055 2396470 - aperto pranzo e cena (chiuso lun)
prezzi medio-alti, 60-80 euro

INTERVISTA CHEF - OTTOBRE 2022

Gabrio Dei, fiorentino, classe 1986, semi-autodidatta, dopo la scuola alberghiera a Montecatini Terme collabora con ristoranti in Toscana, Piemonte e Liguria: tra le esperienze più importanti SousChef di Loretta Fanella nel 2016, e nello stesso anno anche semifinalista italiano del concorso SanPellegrino Young Chef. Grande amante dei viaggi e delle culture gastronomiche internazionali, dal 2016 è anche ambasciatore italiano a Okinawa durante la Settimana Internazionale della Cucina Italiana nel Mondo. Da Febbraio 2022 guida la cucina del rilanciato Ristorante Anastasia a Scandicci.



Raccontaci, in breve, le tue esperienze e facci un bilancio di questi primi mesi alla guida di Anastasia.
Ho iniziato giovanissimo a Cucina Sant’Andrea di Empoli; poi stage da “Bracali” a Massa Marittina e il primo ruolo di Responsabile di cucina nel 2008, alternando corsi di aggiornamento presso Chef e Maitre Chocolatier; un concorso sull’Olio d’oliva ad Alicante. Importante la mia esperienza al Concept Dessert Restaurant avviato nel 2016 da Loretta Fanella.
A febbraio 2022 sono approdato al Ristorante Anastasia con la mia compagna Maria Luisa, responsabile di Crudi e Dessert. In questi primi mesi abbiamo scontato la vecchia immagine di Anastasia-pizzeria, ma adesso stiamo affermando il nuovo concept di ristorante di Pesce e miglioriamo quotidianamente. C’è un bel gruppo in cucina, giovanissimo e determinatissimo, e in sala abbiamo Valentina Porretta, Maitre Sommelier di esperienza.

La Vostra cucina spiegata con poche parole semplici a chi non vi conosce…
Combiniamo ingredienti regionali e internazionali con profumi mediterranei, alternando qua e là aromi e tecniche della corrente tropicale dell’Isola di Okinawa (che richiama anche la Nikkei e quindi il mix con l’America Latina).

Il vostro “piatto forte”…
In questo momento, stagione ancora estiva, Fichi, Alici fresche, Agro allo Zafferano.

Il piatto più difficile da realizzare, ma di maggior soddisfazione.
Trovare il giusto equilibrio di gusto e la giusta cottura della nostra “Ricciola e Melanzana a Cotoletta, purè di Albicocche e Capperi, KIMCHI fresco di Pomodoro”.

La pietanza che preferite lavorare.
Data la richiesta, lavoriamo molto sul pesce crudo applicando i principi del crudismo, ovvero senza superare i 42 gradi nelle lavorazioni, prediligendo frutti di Mare da pesca sostenibile.

Un ingrediente o un piatto sopravvalutato?
Il Salmone. Lo utilizziamo solo in quello che è un mio stuzzichino storico, il Salmon Stick, eseguito con baffe di salmone affumicate o marinate in casa, ma non è un pescato del nostro mare e della nostra cultura mediterranea e spesso lo si mette davanti a specie ittiche molto più importanti in termini di resa e gusto, come Sgombro, Alici e Ombrina.

Un ingrediente o un piatto sottovalutato?
Il fritto. Difficile promuovere un piatto così importante, con olii altoleici e frutti di mare di qualità senza che il prezzo finale non superi la media dei canonici 18-20 euro.

A cena con un buon vino. Quale?
Lascio la parola in sala alla nostra Sommelier per etichette fuori dai soliti noti!

Il breve, facci venire l’acquolina in bocca, raccontandoci i piatti salienti del menù autunno/inverno…
Vedranno la luce una Pizza d’Uovo e Baccalà in ricordo di una tecnica appresa da Paolo Parisi, l’Okinawa Soba quasi originale- scandita da una Chitarrina di Farina di grano Saraceno in ricco brodo di Maiale e Katsuobushi con una Cappasanta al Vapore al posto della classica Fish Cake, un Tofu di Arachidi passato in pastella e fritto e immerso in una Zuppetta di Verdure al Miso, e il mio Riso Venere e Calamari. In arrivo una nuovissima carta dei dessert con Schiacciate dolci di Frutta e Brioches Fritte.  Tra gli altri progetti pranzi domenicali e delle feste a carattere Mediceo, con una grande Anatra all’Arancia alla ribalta!

A cena a Firenze o in Toscana da un altro Chef… Chi?
Ce ne sono veramente tanti, è difficile scegliere! Per il mio essere molto legato al mondo nipponico Francesco Preite al Moi di Prato, e nei due locali di Masaki Kuroda nel lucchese. Per altra corrente gastronomica: Vito Mollica, Edoardo Tilli, Antonio Geri, Barbara Simocini e Tatiana Porciani tra Firenze e Pisa.

ANASTASIA
Via di Mosciano, 5, 50018 Scandicci Fi - 055 2396470 -aperto pranzo e cena (chiuso lun) – prezzi medio-alti, 60-80 euro.

RECENSIONE GIUGNO 2022 - C’e’ una nuova Anastasia. Molto nuova!

In molti ricordano sicuramente questo nome, un hot spot della movida 80-90 poco sopra Scandicci, alle pendici di verdeggianti colline.

Oggi la singolare villetta in stile pagoda circondata da una grazioso giardino con veranda, ha cambiato completante stile e umore. La nuova proprietà, un imprenditore con la passione della buona tavola già attivo in Versilia su questo fronte, l’ha completamente e finemente ristrutturata donandole un aspetto elegante, contemporaneo, molto curato. E la cucina è all’altezza del progetto.

Affidata a un giovanissimo chef, Gabrio Dei, con esperienze in locali stellati, propone uno squisito menù di vena gourmet, piatti dai nomi familiari da riscoprire ex novo, disegnati ma consistenti, sapori nuovi, abbinamento felici, scoperte e proposte che intrigano. Ecco l’uovo al pomodoro con pane croccante, la crema di fagiolini con more e bottarga, una versione delicatissima dell’insalata russa, la capesanta con ribollita scomposta, i golosissimi ditoni al polpo fritto e ragù in crema di patate, la minestra primavera con gnocco di patate in brodo di zucchine, l’ombrina nella salsa di cacciucco e quinoa.


Servizio attento, dirige la signora Angela, in sala un brava e nota sommelier Valentina Porretta Merolli sa come accogliervi e presentarvi la carta dei vini dove i capitoli francesi vi entusiasmeranno. Anastasia, sei una bella scoperta!

site map