Doppio invito da Martarè!

Una storia di cucina, passione, dedizione. Marta e Massimo sono anima e corpo di Martarè un grazioso ristorantino a pochi passi dalla Santissima Annunziata, in pieno centro storico a Firenze.

Notizie del mese:

dalle 12 alle 15, da martedì a venerdì, oltre al consueto menu alla carta, c’è PRANZOGANZO: un piatto allegro, composito, gustoso, bello da vedere e buono da mangiare, con pesce o carne o vegetariano, più acqua, un bicchiere di vino e caffè a 18 euro. 

Poi due cene/evento: a San Valentino, mercoledì 14 febbraio, con antipasto di cocktail di gamberi rossi affumicati, marinati al Martini in spuma rosa; timballo di riso al caffè verde con cappasanta e salsa di finocchi; mosaico di pescato, millefoglie di patate e pistacchi; e per finire in dolcezza il Cuore di Martarè - 48 euro; vini al calice dalla carta o una proposta che comprende Philipponnat Champagne Royal Resérve Brut, Marina Romin Dama Bianca, Dama del Rovere Bortolo Soave Classico e La Querce Dama Rosa passito. 

La seconda venerdì 23 febbraio, cena di Carnevale...in ritardo! Antipasto tonno di cortile e cipolla agrodolce, poi zuppa di fagiolini del Trasimeno con coriandoli di guanciale e noci. arrosto di maiale porchettato con cotenna e fegato, quaresimali per concludere; in abbinamento i vini abruzzesi della Tenuta Cerulli Spinozzi - 35 euro vini inclusi

Il locale è una storia di cucina, passione, dedizione. Marta e Massimo ne sono anima e corpo a pochi passi dalla SS Annunziata.

Via degli Alfani 91r - 055 2396466 - 339 4252115 - da mar a dom, pranzo e cena – martare.it – prezzi €€

RECENSIONE GENNAIO 2023

Sono qui da molti anni, in principio come sola gastronomia. Oggi invece un caldo salotto, dove fermarsi a pranzo o a cena e godere di un’atmosfera classica arricchita da elementi di design: sedute, lampade e tavoli. Un contesto che ben introduce all’identità culinaria di Massimo: creativa, spontanea, concreta.


Il menù cresce su radici toscane con ingredienti e ricette tipiche come il crostino di fegatini o la tortina di ceci o ancora il risotto al Vin Santo e i tortelli della Val d’Elsa. Ma anche piccione, tartare, baccalà e polpette. Ogni piatto è arricchito dal tocco dello chef sia in alcune tecniche, che nell’utilizzo di elementi e ingredienti che elevano la tradizione in qualche cosa di contemporaneo. In carta prevalgono elementi di terra, ma non mancano anche sfiziose scelte di mare come gnocchi di patate, senza farina e uovo e per questo cotti al vapore, con calamari spillo e limone. I piatti sono espressi e si possono abbinare ad una ricca scelta di vini con etichette anche di nicchia.
I dolci sono tutti realizzati in casa. Impossibile non citare la mitica Martarè, la torta al cioccolato spolverata di cacao che ha reso celebri Massimo e Marta nel mondo della pasticceria fiorentina e che qui si gusta accompagnata da una pallina di gelato home made.

Anche il pane - aiutateci a dire buono - è realizzato in loco con lievitazione naturale. Tanto buono da essere quasi pericoloso in quanto è praticamente impossibile non finire l’intero cestino prima che arrivino i piatti, ma d’altro canto ci sembra una delle migliori amuse-bouche che un ristorante possa offrire!

Da segnalare anche al possibilità di acquistare prodotti da portare a casa come confetture, biscotti e altre leccornie.



PIATTI DA PROVARE
Croissant con crostino toscano di fegatini, al Vin Santo DOC del Chianti
Piccione farcito al forno, funghi e crema di tobinambur
Gnocchi di patate senza farina e uovo, con calamari spillo e limone
Risotto al Vin Santo “Belcaro” doc del Chianti Classico con funghi e caciocavallo
Tartare di Fassona con aceto dolce al miele
Polpette di manzo e patate in salsa di pomodoro e ortaggi
Baccalà in salsa di uva, pomodoro e pinoli

site map