Cerca

Risultati per: arte


Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Manifattura, Live Talk con Palazzo Strozzi

Un modo diverso di vivere e interagire con l'ambiente, la costruzione di una comunità consapevole, aperta alla collaborazione e intenzionata a cambiare le forme di mobilità e la relazione con il pianeta, un nuovo rapporto tra uomo e natura basato sulla sostenibilità.

Sono alcuni dei temi trattati mercoledì 13 maggio, alle ore 18.30,  dall'artista Tomás Saraceno attraverso una diretta Facebook sulla pagina di Manifattura Tabacchi, con Arturo Galansino (Direttore Generale, Fondazione Palazzo Strozzi), Lisa Signorile (biologa e giornalista scientifica) e Stefano Mancuso (Direttore del Laboratorio Internazionale di Neurobiologia Vegetale – LINV).

Al centro dell'incontro dal titolo AEROCENE: UN VIAGGIO NELLA NUOVA ERA, la necessità di superare l'Antropocene – il nostro presente, caratterizzato dall'impatto invasivo della specie umana sul pianeta e dallo sfruttamento incontrollato delle risorse naturali – ma soprattutto la ricerca di soluzioni e la costruzione delle basi per inaugurare una nuova era, quella dell'Aerocene.

Tematiche come la sostenibilità, la relazione tra uomo e natura e la costruzione di comunità e di forme alternative di abitazione e di interazione, hanno fatto da motore alla collaborazione tra Manifattura Tabacchi e Palazzo Strozzi, nata in occasione della mostra Tomás Saraceno. Aria, che riaprirà a breve.

Fondazione Scienza e Tecnica, le iniziative

In attesa della riapertura al pubblico la Fondazione, ha potenziato, la sua attività digitale, sul sito ufficiale e attraverso i canali social. 

Sul sito della Fondazione, oltre a una riflessione sull’Intelligenza Artificiale a cura del Dr. Andrea Barucci, è stata recentemente pubblicata un’importante intervista alla virologa Alberta Azzi. Già professore di Microbiologia e Virologia presso l’Università di Firenze, punto di riferimento nel 2009, quando si verificò l’ultima pandemia di influenza, ha accettato di rispondere ad alcune domande, per inquadrare la situazione.

Sempre sul sito, il percorso del Museo appare sempre più inclusivo e accogliente. Alla pagina Accessibilità infatti,  si può ascoltare l’audioguida on line, dotata di immagini e audio in italiano e inglese. Nella stessa pagina video di presentazione relativi alle varie sezioni del Museo, con sottotitoli e audio. Novità assoluta: la traduzione in LIS (Lingua Italiana dei Segni). Grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, nell’ambito del bando “Laboratori Culturali - innovazione digitale e nuovi pubblici nei musei”, la Fondazione Scienza e Tecnica ha ampliato l’offerta divulgativa, rivolgendosi non soltanto al pubblico standard (studenti, docenti, famiglie, turisti) ma anche a categorie difficilmente raggiungibili con i linguaggi tradizionali. Particolare attenzione è stata dedicata a persone con disabilità uditiva, agli anziani e a persone che hanno difficoltà a comprendere la lingua italiana. 

Sul canale YouTube e sulla pagina Facebook è disponibile la conferenza L’infanzia violenta del sole, del Prof. Francesco Fontani (Istituto Nazionale di Astrofisica di Arcetri), del 27 marzo e sono disponibili anche le lezioni future, qualora venissero sospese, per nuove disposizioni legate all’emergenza coronavirus. Sugli stessi canali sono disponibili  i video didattici a cura della dott.ssa Silvia Giomi, utile ausilio anche per lo studio, in questo periodo di sospensione della frequenza scolastica.

Uffizi, visita in rete in 10 sale

La Galleria degli Uffizi si può visitare comodamente da casa con un semplice clic, gratuitamente, entrando in alcune delle sue più belle sale, digitalizzate ad alta definizione, e ammirandone i capolavori proprio come in un tour dal vivo. 

Per farlo basta collegarsi al sito da computer, tablet o smartphone, per godersi in ogni dettaglio 10 sale, tra quelle inaugurate lo scorso anno. Il percorso suggerito inizia dalla sala delle Dinastie, con i ritratti dei membri più in vista delle due famiglie – i Medici di Firenze e i Della Rovere di Urbino – che nel Cinquecento hanno contribuito alla formazione delle straordinarie collezioni degli Uffizi. Si entra così in un ambiente dove si trovano tra le più famose opere del Bronzino, come la celeberrima Eleonora da Toledo, vera e propria “regina” di questi spazi, Lorenzo il Magnifico, e il Duca Alessandro de’ Medici, dipinti da Giorgio Vasari, Cosimo il Vecchio e Cosimo I de’ Medici, del Pontormo, Eleonora Gonzaga e suo marito Francesco Maria I della Rovere di Tiziano.

Il tour continua nelle sale verdi della pittura veneta del Cinquecento, che accolgono capolavori quali la leggendaria Venere di Urbino e la Flora, entrambe di Tiziano, la Leda e il Cigno del Tintoretto, la “Fornarina” di Sebastiano del Piombo, il ritratto di Giuseppe da Porto con il figlio Adriano, e Venere e Mercurio del Veronese

Infine, una curiosità: nella sala che ospita La Nuda, di Licinio, è anche possibile affacciarsi alla finestra e ammirare una suggestiva veduta del cuore di Firenze e dell’Arno in una splendida giornata di sole, il tutto minuziosamente digitalizzato. 

Grazie alla tecnologia all’avanguardia nella realizzazione di tour virtuali le sale del museo, minuziosamente riprodotte in ogni singolo dettaglio con tutte le loro opere (sono in tutto 55) possono essere viste dall’alto, nella forma di visualizzazione detta a “casa delle bambole” (“dollhouse”), oppure immergendosi in esse e camminando virtualmente al loro interno, fermandosi davanti ai quadri, proprio come si farebbe nel museo.

Il tour virtuale è realizzato e prodotto da Le Gallerie degli Uffizi con la collaborazione di Opera Laboratori Fiorentini, di Gestione Multiservizi e di Review.

Ristoranti e #fase2

Impegno chiaro della grande associazione del commercio a fianco dei Ristoratori Toscani. 


“È il momento di fare uno sforzo straordinario tutti insieme – ha detto il Presidente toscano Nico Gronchi – in particolare per il settore food, ristorazione, bar, pubblici esercizi. Dobbiamo mantenere alta l'attenzione, anche con iniziative sul territorio come quelle dei ristoratori toscani; in quel movimento e in tanti altri che stanno nascendo, ci sono tanti nostri associati e colleghi e allora raccogliamo la sfida tutti insieme." 

"Noi ci siamo e questa diventa la sfida di Confesercenti: 10 proposte per ristorazione e food, su cui vogliamo convogliare le forze di tutti i ristoratori della Toscana"


L'asporto e il delivery sono strumenti e non la soluzione:  bene manifestazioni ed eventi, pur di tenere alta l'asticella, ma non ci fermiamo a questo perché sulla ristorazione e tutti i comparti del food occorrono, subito, risposte specifiche. 


1 Prolungamento cassa integrazione.


2 Decontribuzione per i lavoratori che tornano attivi.


3 Azzeramento tributi locali per i mesi di chiusura e abbattimento per i mesi di restrizioni.


4 Abbattimento commissioni sui ticket restaurant e pagamento tramite app per fluidificare il servizio.


5 Ampliamento spazi all’aperto dei locali in deroga alle normative attuali senza oneri aggiuntivi.


6 Indennizzo a fondo perduto per i mesi di chiusura


7 Azzeramento costi moneta elettronica.


8 Intervento sugli affitti per ridurne drasticamente il peso.


9 Misure di distanziamento concretamente applicabili.  


10 Garanzia dello Stato al 100% sui prestiti e restituzione in 10 anni. 


Chiunque ha voglia e proposte dia una mano - conclude Gronchi - Confesercenti, in ogni territorio, è la casa delle imprese, tutte le imprese e in particolare quelle che oggi stanno affrontando le difficoltà di una chiusura pesantissima e le paure e le incertezze per il futuro della propria attività.”


Boboli a casa tua

Ancora oggi, come nel Settecento, lo splendido edificio rococò offre riparo invernale per gli agrumi, ed è uno dei luoghi simbolo di Boboli. A raccontarlo è la curatrice del Giardino, Bianca Maria Landi, che apre così anche il nuovo ciclo di video su Facebook in lingua inglese, a poco più di una settimana dall’inizio di quelli in lingua spagnola.  

Il tour virtuale celebra anche la prima Giornata Europea dei Giardini Storici, promossa dall’European Route of Historic Gardens.

Le iniziative social e green delle Gallerie degli Uffizi proseguono poi anche su Instagram con un post dedicato al Giardino delle Camelie: Con una collezione di oltre 60 cultivars (quasi tutte della specie Camelia japonica), si tratta di uno dei pochissimi giardini ad aver conservato il suo disegno originale: è un’area stretta e lunga che si sviluppa lungo l’ala meridionale di Palazzo Pitti, e che si può vedere dal plateau davanti alla Palazzina della Meridiana, guardando verso nord.

In occasione della Giornata Europea dei Giardini storici vengono presentati anche altri quattro video che a partire dal 30 aprile andranno in onda ogni giovedì sempre su Facebook.
Il giardiniere Gianni Simonti racconta la tradizione del cotto dell’Impruneta, usato per le nuove “conche” (i vasi) degli agrumi medicei. Una delle iniziative incluse nel progetto Primavera di Boboli, finanziato dalla Maison Gucci, infatti, ha previsto la produzione della nuova vaseria per questa sezione storica. La collezione di agrumi infatti, uno dei vanti del Giardino, è tra le più grandi e rilevanti d’Europa con più di 500 piante in vaso e circa 60 varietà di cui 30 antiche, già coltivate all’epoca dei Medici.


I Giardini della Bizzarria

Da venerdì 12 giugno la Direzione regionale musei della Toscana del Mibact riapre in successione la Villa medicea di Cerreto Guidi e il suo giardino e i Giardini della Villa medicea di Castello e della Villa medicea di Petraia.

Ingresso gratuito esclusivamente su prenotazione per le visite e i percorsi narrativi “I giardini della bizzarria” realizzati con il sostegno di Unicoop Firenze e in collaborazione con Stazione Utopia. 

Le prenotazioni sono già attive con link eventbrite sul sito della Direzione regionale musei della Toscana  e di Stazione Utopia.

PROGRAMMA

Villa medicea di Cerreto Guidi e giardino

Via Dei Ponti Medicei 7, Cerreto Guidi  (FI)
VISITE ALLA VILLA E AL MUSEO STORICO DELLA CACCIA E DEL TERRITORIO 
Dal 12 giugno al 5 luglio, tutti i venerdì, sabato, domenica 
ore 10.00 - 11.00 - 12.00 - 14.00 - 15.00 – 16.00 > 40 min - per piccoli gruppi max 6 persone
VISITE NARRATE
Sabato 13 giugno, 20 giugno, 27 giugno, 4 luglio h. 16.00 - durata 40 min.

Giardino della villa medicea di Castello

Via Di Castello 44, Firenze 
VISITE AL GIARDINO DELLA VILLA MEDICEA DI CASTELLO
Sabato 13 giugno, 20 giugno, 27 giugno, 4 luglio
ore 9.30 - 11.00 - 15.30 - 17.00 - durata 1h e 15 min
VISITE NARRATE – BAMBINI DAI 6 AI 10 ANNI
Sabato 13 giugno, 20 giugno, 27 giugno, 4 luglio h. 11.30 - durata 40 min.

Giardino della villa medicea di Petraia

Via Della Petraia 40, Firenze
VISITE AL GIARDINO DELLA VILLA MEDICEA DI PETRAIA
Domenica 14 giugno, 21 giugno, 28 giugno, 5 luglio
ore 9.30 - 15.30 - 17.00 - durata 1h e 15 min.
VISITE NARRATE - BAMBINI DAI 3 AI 6 ANNI
Domenica 14 giugno, 21 giugno, 28 giugno, 5 luglio h. 11.30 - durata 40 min

Novecento: arte, teatro, musica

CentoNovecento è un programma di eventi serali gratuiti aperti al pubblico, nel rispetto delle norme di sicurezza e il distanziamento fisico. Si tratta di un progetto di grande valore culturale e simbolico, una vera e propria rinascita dopo i mesi di chiusura dei musei e lo stop alle rappresentazioni teatrali e musicali.

Il Museo Novecento si trasforma in uno spazio teatrale corale per ospitare fino a cento posti seduti, distribuiti tra il chiostro e il loggiato rinascimentale, luoghi suggestivi e con un’ottima acustica.

Lunedì 14 ore 18, spazio al primo dei tre appuntamenti di Reading Pratolini, progetto teatrale in collaborazione con Fondazione Teatro della Toscana, incentrato sull'opera del celebre romanziere fiorentino e su un ideale confronto con le opere di Ottone Rosai contenute nella collezione permanente del Museo Novecento. Durante la serata lo storyteller e drammaturgo Luca Scarlini legge “La ragione dell’altro: ombre e luci di Cronaca familiare”, un racconto tratto dall'omonimo romanzo di Pratolini. 

Giovedì 17 ore 21 sbarca invece nel chiostro Made in Italy, progetto curato dal direttore artistico del museo Sergio Risaliti – in collaborazione con Controradio – che, durante il lockdown ha commentato ogni settimana (per dieci settimane) un’opera della collezione permanente per gli ascoltatori della radio. Serata dedicata a Filippo De Pisis, Felice Casorati, Carlo Levi e Arturo Martini.

Venerdì 18 (ore 21) Andrea Cassano chiude la serie di concerti esibendosi nelle celebri Variazioni Goldberg di Johann Sebastian Bach, monumento della musica classica occidentale.

Tutti gli eventi si svolgono negli ambienti all’aperto del museo. L’ingresso è gratuito fino a esaurimento posti.

MUSEO NOVECENTO 

Piazza S.M. Novella, 10 – sab-lun 15-20 (mer-ven) - 9,50 euro

site map