Cerca

Risultati per: ristoranti


Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Atelier de' Nerli: un ristorante fatto a... mano

L’ATELIER DE’ NERLI, che si affaccia sull’omonima piazza di San Frediano, è una vera chicca d’autore creata da Daniele Cavalli, visionario giovane figlio del noto stilista, con una convinta passione per l’artigianato fiorentino d’eccellenza dal quale ha attinto a piene mani per ispirare, realizzare, decorare, arredare, questo ambiente intrigante e davvero originale. Tavoli, sedute, divanetti, pavimenti, specchi, luci, tutto si riflette nei toni rosati e intensi che dettano la luce naturale e morbida che avvolge la sala: linde e impeccabili tovaglie bianche, cristalleria e candele sui tavoli, fiori qua e là.

Lo spirito dell’artigianato più elegante e originale regala dunque un tocco di esclusività a questo ristorante dove anche la cucina riprende il meglio della tradizione fiorentina in una versione che beneficia dell’incontro solido e creativo tra due chef diversi, il fiorentino Gianluca Camilotto e l’indiano Victor Elangovan.

Occhio ai “classici dell’atelier” in primo piano in un menù denso di proposte tra terra e mare, con forte ispirazione stagionale. Durante la nostra visita abbiamo gustato carciofi al forno ripieni del proprio gambo, grana e prezzemolo e la cruditè di branzino marinato in olio, limone, prezzemolo e peperoncino jalapeno, lasciandoci la curiosità per l’uovo in camicia su crema di zucca con formaggio erborinato e scaglia di mandorle tostate, e la delicata stracciatella con agrumi, mandorle, miele e timo.

Tagliatelle e tagliolini, spaghetti, ravioli, risotto, accendono la carta dei primi con ragù bianco di cortile o agli scampi con agrumi o al tartufo bianco di San Miniato. Tra i secondi gustosi piatti di mare – mazzancolle di Mazara del Vallo al guazzetto, branzino su spinaci freschi con julienne di porri fritti, polpo in galera su crostone… - o classiche tagliate, cotoletta di vitella alla milanese con acciugata, vitella al forno… Ricca la scelta di insalate e verdure colte dalla freschezza del mercato con arguzia e curiosità culinaria non comune.

Anche i dolci sona in gran spolvero: dalla crème brulée con pistilli di zafferano, gelati di Vivoli con frutti di bosco o scaglie di tartufo bianco e pepe, ma anche un crostone di pane con marmellata di mirtilli, burro al timo e miele. Carta dei vini con ampia scelta; plus per l’american bar per ottimi aperitivi e cocktail per tirardi tardi, qui la notte davvero rosa!

ATELIER DE’ NERLI - Piazza de’ Nerli 11 – 055 7602982 – aperto pranzo e cena (chiuso lun) info@atelierdenerli.it | Prezzi: primi 16-20, secondi 20-28, insalate e verdure da 8 euro, dessert 8-12

La Buca San Giovanni

Una cucina toscana trionfante ed elegante, in un ambiente affascinante, una delle “buche” storiche della città, di fronte al Battistero, amata da attori e celebrità ritratti in tante foto esposte sulle pareti.

Gianni Frijia, imprenditore-ristoratore, con i fratelli ha fatto della Buca un nuovo “classico”, frequentato da sportivi di fama. Cucina di netta impronta toscana, in piatti classici e godibili: pappa e ribollita, rigatoni e tagliolini (ai porcini, al tartufo), pici ai carciofi e lardo, ma anche paccheri con gamberi e cozze e linguine vongole e broccoletti. Poi stracotto, ossobuco, maialino confit, filetto Rossini e Chateaubriand: anche pesce con salmone arrosto, baccalà mantecato, branzino e orata arrosto. Dolci fatti in casa: millefoglie con crema arancia e cannella, cheese cake all’amarena, tiramisù, tortino e crème caramel. Carta dei vini con focus sui migliori rossi di Toscana.

Piazza San Giovanni, 8 - 055 287612 - aperto tutti i giorni pranzo e cena fino alle 23 - www.bucasangiovanni.it
Prezzi: primi 10/15 euro, secondi 19/25, dessert 8.

 

Osteria Belguardo

In una suggestiva piazzetta dei lungarni più eleganti, in Oltrarno, di fronte a Palazzo Corsini, si apre l’invidiabile terrazza esterna di uno dei locali più belli aperti a Firenze di recente. Ambienti disegnati con stile per donare un tono contemporaneo all’atmosfera tipica delle classiche osterie, legno e ottone e un tocco cosmopolita. Cucina a vista per un menù di tradizione con slanci moderni. Specialità carni alla griglia, vini in primo piano

Piazza degli Scarlatti 1r - 055 2654541 - aperto tutti i giorni a cena, sabato e domenica anche a pranzo – ampia terrazza dehors - firenze@osteriabelguardo.it - www.osteriabelguardo.it

LA NOSTRA RECENSIONE - maggio 2019

L'AMBIENTE - Ci accoglie un’ambiente elegante e accogliente, ideale per ogni situazione: una cena di coppia o un ritrovo tra amici. Il legno è l’elemento dominante per sale calorose e familiari. La cucina a vista ispira fiducia e il personale è educato e gentile. La parete della sala principale è dominata da una mappa storica della Toscana decorata con il logo di Belguardo: il solido tridimensionale di Leonardo da Vinci. Un’idea originale che caratterizza e identifica la location. Curato dall'architetto di famiglia Agnese Mazzei presenta tavoli in legno che riprendono il marrone scuro dei divani in velluto e delle sedie, alternando diverse tonalità di marrone e nero. Lampade di vetro rendono l’atmosfera sofisticata e illuminata nel modo giusto. Noi abbiamo cenato nel dehor esterno, spazioso e confortevole, arredato con gli stessi divani del ristorante e, crediamo, scelta gettonata durante la bella stagione per la romantica vista sui Lungarni.

IL MENÙ - Spazia tra terra e mare, ispirato dalla tradizione toscana. Tra gli antipasti convincono il gran piatto con prosciutto grigio, crudo di parma e cocciotto di fegatini con pane croccante e l’intramontabile tortino di carciofi, qui servito “bavoso”, come amano i veri cultori. Da segnalare anche salmone selvaggio leggermente affumicato con verdure croccanti e gamberoni in guacamole e i calamari fritti con salsa tartara, oltre alle insalatone, ideali per pranzi e/o cene light.

Tra i primi anche la possibilità, non comune, della mezza porzione. Otto scelte dalla tradizione italiana più verace: carabaccia (zuppa di cipolle toscana), Crespelle alla Fiorentina, Maccheroncetti all’amatriciana, risotto all’ossobuco e zafferano; dalla costa linguine alle vongole veraci con bottarga di muggine e tagliatelle di pasta fresca con piselli sgranati e calamaretti. Fino al classico spaghetto alla pomarola con basilico e parmigiano. Noi abbiamo provato le linguine: generose e gustose, uno di quei primi di cui presto sentiremo la ...mancanza.

Capitolo secondi: dieci scelte che sanno interpretare al meglio la nostra tradizione. Prevalgono proposte di terra: Grigliata Mista di carne con contorni, Ossobuco con purè di patate di Sansepolcro, Involtini di vitella al Vermentino di Belguardo, ripieni di capocollo e scamorza, Filetto di Black Angus al Fonterutoli con zolfini, Tagliata di Scottona e carciofi al tegame, Tartare di manzo Belguardo condita secondo  tradizione e, immancabile, Bistecca alla Fiorentina con patate arrosto.

Il “mare” si difende con la Catalana: astice, scampi, gamberoni, cozze, calamari, ostriche e vongole - scenografica oltre che ricca; Gran Fritto di mare con verdure e pescato del giorno, per noi un cubo di tonno con asparagi di stagione, fresco e particolarmente saporito.

Sette dolci: cheese cake, tiramisù, millefoglie, cantucci e vin santo, crumble di mele, gelato e sorbetto.

Capitolo vini: Una carta essenziale che presenta tutta la gamma dei vini Mazzei: Maremma (Belguardo), Fonterutoli (Chianti Classico), Zisola (Sicilia). In aggiunta il prosecco di Villa Marcello (Treviso Doc) e una curata selezione divisa per regioni di rossi, bianchi e bollicine. Anche Champagne, vini da dessert e grappe Mazzei e Nonino.

Una menzione per la tecnica Flambè applicata al tavolo per gli Spaghetti alla Belguardo o la crêpes Suzette servita, volendo, anche con gelato.

Prezzi corretti considerando le porzioni, le materie prime utilizzate e, last but not least, il sapore di ogni piatto.

Hard Rock Cafe fa 50 e si regala Leo Messi

Lunedì 14 giugno in tutto il mondo si sono festeggiati i primi 50 anni di Hard Rock, la catena famosa in tutto il mondo per la ristorazione ‘American style’, il merchandising e la collezione di cimelil musicali più grande al mondo. 

Al ristorante-store fiorentino, che ne ha compiuti 10, si è tenuta una cena spettacolo che ha visto protagonista, oltre alle grandi ricette iconiche, uno spettacolo di luci e musica inedito curato da Lumen Invoco, una suggestiva performance luminosa di ballerine professioniste che ha intrattenuto il pubblico durante la serata, conclusasi con il tradizionale taglio della torta e un discorso di incoraggiamento per l’uscita dal periodo pandemico del General Manager Daniele Beretta.



Una bella serata che è servita anche per festeggiare l’annuncio della storica collaborazione con la leggenda del calcio Lionel Messi. Il sei volte Pallone d’Oro e numero 10 della nazionale Argentina ha firmato un accordo quinquennale come ambasciatore mondiale del brand, il primo tra gli sportivi a ricoprire questo ruolo.

La collaborazione richiama le radici di Hard Rock: le Classic T-Shirt, ormai famose in tutto il mondo, sono state realizzate quando il primo Cafe di Londra ha sponsorizzato una squadra di calcio locale agli inizi degli anni '70, mettendo il proprio logo sulle maglie da gioco. Le casacche inutilizzate furono restituite al Cafe e poi regalate ai clienti più affezionati. Alla fine, il ristorante ha dovuto allestire uno stand separato per gestire proprio la vendita di questo materiale. Fino ad oggi, la Classic T-shirt di Hard Rock rimane parte integrante dell'identità del marchio.


In virtù della prestigiosa partnership, Hard Rock ha realizzato una nuova collezione ispirata al suo nuovo ambasciatore. Oltre allo speciale logo del 50° anniversario, il concept esalta alcune delle caratteristiche più importanti del campione argentino, come il leone, il numero 10 e il suo stesso logo. Questa collezione si unisce alla linea di merchandising del marchio, disponibile in tutti i suoi negozi e nello shop online.

La partnership fa parte di "Live Greatness" la nuova campagna che Hard Rock lancia per il suo 50° anniversario, per segnare un prima e un dopo nella storia del brand: onorando il passato, ma facendo brillare una luce nuova nel futuro.

In questa campagna, Messi fa il suo debutto come ambasciatore, protagonista di uno spot che unisce in modo originale le sue abilità con il pallone, e che prende posto tra gli amati cimeli del marchio.

Via de’ Brunelleschi 1 - Piazza della Repubblica - 055 277841 -  info e prenotazioni: florence.sales@hardrock.com - www.hardrockcafe.com/location/florence

Ville sull'Arno

Sul Lungarno Colombo, a Bellariva, un’intrigante piscina a sfioro e un delizioso ristorante, adiacente ma indipendente all’affascinante Ville sull’Arno, poetico Relax Hotel Resort diretto da Riccardo Balconi. Un secret place. Flora e Fauno, romantico ristorante-brasserie, si affaccia sulla piscina e il giardino. Chef Kevin Mazzolin firma una cucina innovativa nel solco felice della tradizione toscana. Aperitivi a bordo piscina tra il ristorante e il lounge bar Dante’s, location perfetta per banchetti, eventi e cene private.

Lungarno Colombo, 3/5 - 055 670971, ristorazione@hotelvillesullarno.com – pranzo e cena - www.hotelvillesullarno.com


INTERVISTA CHEF: Kevin Mazzolin, ristorante Flora & Fauno (giugno 2022)

Su Lungarno Colombo, verso Bellariva, un cancellino nel verde si apre su un’intrigante piscina a sfioro. Qui si affaccia un delizioso ristorante, adiacente ma indipendente all’affascinante Ville sull’Arno, poetico Relax Hotel Resort diretto da Riccardo Balconi. Un vero e proprio secret place. Flora e Fauno, romantico ristorante-brasserie, si affaccia sulla piscina e il giardino, un angolo affascinante da godere open air con la bella stagione. Sala interna molto charmant con grandi vetrate, in colori tenui e pastellati e camino acceso d’inverno.

Al timone un giovane chef, Kevin Mazzolin, per una cucina innovativa che trae ispirazione dal solco felice della tradizione toscana. Lo abbiamo intervistato per conoscerlo meglio…




La cosa che hai fatto della quale sei più orgoglioso.
Partito con una valigia vuota per raccogliere ciò che le esperienze all’estero potevano insegnarmi, sono arrivato a Manchester all’età di 18 anni senza conoscere nulla, nè della vita, nè della lingua inglese; quello è stato l’inizio di una serie di “avventure” che mi hanno portato a Helsinky per un anno e poi, per i 3 successivi, che definirei fantastici, a Londra. Mi hanno forgiato così tanto da essere pronto per la seconda più importante esperienza stellata con lo chef Alain Ducasse a Castiglione della Pescaia.

Quella che (eventualmente) non rifaresti.
Rifarei ogni singolo passo inclusi gli sbagli, l’elemento fondamentale per la mia crescita!

Ingredienti e ricetta per un locale di successo.
Nessuna ricetta può aver successo senza tre ingredienti fondamentali: passione, dedizione e amore. Così be as you are, concetto fondante qui a Ville sull’Arno, abbraccia il mio pensiero.

La Vostra cucina spiegata con poche parole semplici a chi non vi conosce…
Innovazione, creatività e eleganza senza dimenticare la tradizione.

Il vostro “piatto forte”…
Lo decide il cliente ogni qualvolta si siede, tutti i piatti sono … forti!

Il piatto più difficile da realizzare, ma di maggior soddisfazione.
La Bistecca alla Fiorentina è un piatto imprescindibile della cucina toscana e stravolgere la ricetta con la realizzazione della bistecca fritta è un azzardo, ma avere riscontro positivo non può che dare soddisfazione!

La pietanza che preferite lavorare.
Senza dubbio il pesce, per via della sua versatilità.

Un ingrediente o un piatto sopravvalutato?
Il caviale perché mi diverto troppo poco, essendo un prodotto che non richiede grandi lavorazioni.

Un ingrediente o un piatto sottovalutato?
Sicuramente il pane, elemento “povero” che richiede conoscenza e maestria nella preparazione.

A cena con un buon vino. Quale?
Chianti Classico riserva tenuta Perano Frescobaldi. Per il bianco solo ed esclusivamente Franciacorta, date le mie origini. In particolare Alma di Bellavista.

In breve, facci venire l’acquolina in bocca, raccontandoci i piatti salienti del menù primavera/estate…
Raviolo all’amatriciana con coulis di pomodorini datterini confit, pecorino romano liquido e gocce di basilico. Risotto all’nduja e burrata affumicata a crudo. Filetto di rombo in crosta di panzanella.

A cena a Firenze o in Toscana da un altro Chef… Chi?
Aspetto le occasioni importanti per andare da Marco Stabile all’Ora D’aria.

Firenze a tavola? Un parere sulla ristorazione nella nostra città….
Non posso che condividere la piacevolezza degli ingredienti semplici, padroni in una cucina di recupero come quella Toscana a partire dalla pappa al pomodoro, bistecca alla fiorentina, passando per la Carabaccia.

FLORA E FAUNO
Ristorante brasserie di Ville sull’Arno
Lungarno Cristoforo Colombo, 3/5 - 055 670971 – aperto pranzo e cena - www.hotelvillesullarno.com -  Prezzi: antipasti 13/16, primi 16/18, zuppe 12, secondi 24/28.

Flora & Fauno: Cucina toscana 2.0 - Recensione gennaio 2022

Poco dopo il Ponte da Verrazzano, sul Lungarno Colombo, verso Bellariva, un cancellino nel verde si apre su un’intrigante piscina a sfioro e invita a scendere le brevi scale. Qui si affaccia un delizioso ristorante, adiacente ma indipendente (anche come ingresso) all’affascinante Ville sull’Arno, poetico Relax Hotel Resort diretto da Riccardo Balconi. Un sofisticato restauro di un’antica dimora di campagna, già bottega d’arte dei pittori macchiaioli, è da tempo il rilassante boutique hotel 5 stelle del gruppo Planetaria Hotels, che invita in un luogo affascinante, prossimo ma alternativo al classico centro storico.

Un vero e proprio secret place: chi ancora non lo conosce deve colmare la lacuna, anche per ammirare, prima di cena, il contesto esterno su cui Flora e Fauno – questo il nome del romantico ristorante-brasserie - si affaccia: due piscine, una con idromassaggio riscaldata, giardino ombreggiato affacciato sul fiume, un angolo davvero affascinante e inaspettato da godere open air con la bella stagione o da rimirare nella sala interna molto charmant con grandi vetrate, in colori tenui e pastellati e il camino acceso d’inverno.

Da poche settimane un giovane chef, Kevin Mazzolin, è al timone della cucina portandovi entusiamo, idee innovative, pur inserendosi e traendo ispirazione dal solco felice della tradizione toscana. La classica pappa al pomodoro diventa una gustosa polpetta croccante su pecorino liquido con pomodorino disidratato e gocce di basilico; lo spaghetto aglio e olio e pecorino è servito con crema di cozze e tarallo croccante; i fusillotti con pesto di cavolo nero e foglie di cavolo croccante sono un perfetto piatto… green! Segni di piacevolezza e rinnovamento anche nell’angolo delle zuppe con i legumi toscani risvegliati dal guanciale croccante. Poi il baccalà in olio di cottura su crema di leticchie e puntarelle croccanti o la guancia di vitello cotta a bassa temperatura su crema di sedano rapa e spinacino croccante,

Spicca infine la griglia a carbone per succulente fiorentine, costate e filetti. Carta dei vini adeguata con ampia scelta.

Cena a quattro mani a Villa La Massa

VENERDÌ 22 OTTOBRE - CENA A 4 MANI

Lo chef di Villa La Massa Stefano Ballarino con Michele Zambanini Executive chef di Villa D'Este per una cena gourmet al sapore d'autunno.
MENU



IL VERROCCHIO
Ristorante di Villa La Massa - Via della Massa 24, Candeli - 055 62611 aperto a cena tutte le sere - www.villalamassa.com

LA NOSTRA RECENSIONE - SETTEMBRE 2021

Un nuovo Verrocchio a Villa La Massa
Un giovane chef al timone del ristorante del fascinoso hotel. Stefano Ballarino viene dal Trentino per… “rinfrescare” i sapori toscani.

La location romantica e inconsueta c’era già. Un ex mulino del XV secolo, una terrazza a filo d’acqua, le ombre cangianti delle notti d’estate e le fiamme flebili delle candele. Villa La Massa é un gioiello architettonico dell'epoca medicea, e il Ristorante Il Verrocchio si sviluppa in sale raffinate, con imponenti vetrate per godere della vista sul fiume in ogni stagione, ma è la terrazza sull’Arno in estate il luogo che dovete scegliere per una serata intima e suggestiva.

Ora che poi si è aggiunta una nuova energia in cucina, un vento del nord che scuote le arie toscane e ci propone piatti inediti e diversi. Lo Chef Stefano Ballarino viene dalla casa madre dell’Hotel, Villa d’Este sul Lago di Como, ed è originario del Trentino, per cui sapete come vi accoglie? Con un delicato canederlo avvolto nel lardo di Colonnata e già vi introduce al suo mood particolare.



Ecco, sempre in “zona antipasti”, la classica panzanella Toscana rivisitata con il pomodoro farcito e il gazpacho di lattuga (una delicata freschezza) e la Tartare di manzo con fegatini, insalata di asparagi e tartufo estivo. Tre i piatti forti del menù provato: il Tortello di peposo di cinghiale con zafferano di San Gimignano e cacio di fossa (che sicuramente ritroverete in autunno), una suadente proposta estiva, lo Spaghetto mantecato al burro al Martini e gambero Rosso fresco e un’altra “firma” dello chef, il piccione con cavolfiore affumicato, salsa all’albicocca, salsa alla mandorla, ben farcito con mandorle di fegatini (superbo!).

Nella carta anche piatti di pesce, il filetto di ricciola con melanzana al sesamo nero e pomodoro, un’intrigante triglia con prosciutto di San Miniato, broccolo arrosto e pinoli. Anche piatti per celiaci, vegetariani o vegani e una nutrita carta dei vini con oltre 400 etichette.
Se arrivate presto, suggeriamo un aperitivo al Bar Mediceo dove una carta interessante e particolare si unisce alla suggestiva vista della campagna toscana dalla nuova Piazza sull'Arno.

Regina Bistecca

Atmosfere brunite, legno caldo e luci smorzate. Sugli scaffali bottiglie importanti e anche libri, in omaggio all’ex libreria che in passato occupava questi ambienti ed era ritrovo di intellettuali e artisti del ‘900. Molte opere pittoriche si possono ancora ammirare sui muri e sono affiancate da altre, di fattura contemporanea, come a voler segnare il passo, ma non troppo in fretta.


Qui la celebre “fiorentina”, insieme ai piatti tipici della nostra tradizione, si annuncia più morbida e succulenta di sempre. Il tono e l’atmosfera sono dati dai due soci Simone Arnetoli e Matteo Perduca che hanno fortemente voluto dedicare questo spazio alla bistecca fiorentina che qui è “Regina”.  Protagonisti anche primi al tartufo, hamburger, roastbeef e altri piatti della tradizione eseguiti con cura e fedeltà. 


Ogni domenica Pranzo della Domenica con protagonista il girarrosto!


Via Ricasoli 14R - 50122 Firenze - +39 055 2693772 - aperto a cena da mar a gio - pranzo e cena ven, sab e dom, chiuso lun - reginabistecca.com

Le Specialità degli Antellesi

Nella Storica trattoria della famiglia Bartoloni nel cuore di San Lorenzo. Inverno goloso e fiorentino! Tra le specialità la “fiaccheraia”, spaghetto piccantino ispirato dai “fiaccherai”, tagliatelle ai porcini, Pappardelle sul cinghiale, Tortelli “mugellani” di patate al ragù bianco di chianina, Ravioli “Maremmani” di ricotta e spinaci al burro e salvia, Spaghetti alla “Carbonara Fiorentina” tartufata. E il Tegamino di trippa, le polpettine di lesso al pomodoro con contorno, il Pollo alla diavola con patate al forno, l’Ossobuco, le tagliate, il filetto e una bistecca superlativa.

Tagliando gratuito scaricabile qui per 10% di sconto, o 20% se siete in 4.
Più un omaggio a sorpresa per ordina la Fiorentina.

Via Faenza 9 – 055 2654616 – aperto pranzo e cena

RECENSIONE SETTEMBRE 2021

Se c’è una quartiere di Firenze dove convivono insieme da tempo il Vero e il Falso della nostra città questo è San Lorenzo. Qui si incontrano isole di autentica fiorentinità nel cibo e nello spirito dei gestori, nel tempo purtroppo un po’ sopraffatte dalla paccottiglia delle bancarelle e dei negozi per il turismo di massa. La Pandemia e i suoi effetti hanno inferto un duro colpo un po’ a tutti, ma c’è da sperare che sia il Falso a marciare in ritirata, mentre una luce diversa, più ampia e generosa può aiutarci a riscoprire il cuore vero di San Lorenzo.

Come ci accade per esempio all’inizio di Via Faenza dove la famiglia Bartoloni, ristoratori da sempre, ha preso le redini di una simpatica trattoria “on the road”, gli Antellesi, indirizzo storico dal 1930.


Punto di forza “ambientale” la strada pedonale e gli accattivanti tavolini che si susseguono per un bel tratto regalando al locale quell’atmosfera tipica che il gustoso menù si incarica di confermare appena siete a tavola.

Qui ritrovate la “fiaccheraia”, spaghetto piccantino ispirato proprio dai “fiaccherai” - olio, peperoncino, cipolla sottile, pancetta dorata, salsa di pomodoro, prezzemolo – le tagliatelle ai porcini, le Pappardelle sul cinghiale, i Tortelli “mugellani” di patate al ragù bianco di chianina, i Ravioli “Maremmani” di ricotta e spinaci al burro e salvia, gli Spaghetti alla “Carbonara Fiorentina” tartufata. E il Tegamino di trippa, le polpettine di lesso al pomodoro con contorno, il Pollo alla diavola con patate al forno, l’Ossobuco, le tagliate, il filetto e un bistecca superlativa. Una cucina di sostanza alimentata da una valida scelta di materie prime, offerta a prezzi onesti, ci fa riscoprire il piacere fiorentino e casalingo della tavola in un posto senza tempo dove è sempre piacevole passare un po’ di… tempo!
Sui vini andate sul sicuro: Castelli del Grevepesa, Marchesi Frescobaldi, Antinori, Banfi, Ruffino.

Trattoria ANTELLESI
Via Faenza, 9 – 0552654616 – 329 6027473 – aperto pranzo e cena fino alle 24
Prezzi: antipasti 6-10, primi 8-12, secondi 10-22, bistecca 44/48 al kg

Caffé dell'Oro: un bistrò con vista

Un bistrò italiano aperto tutto il giorno, luogo ideale per una colazione di lavoro, un pranzo tra amici o una romantica cena, godendo di una splendida vista su Ponte Vecchio. Il menu rispetta la tradizione culinaria italiana, seguendo la stagionalità delle materie prime, ma non manca mai un pizzico di squisita innovazione. Interessante anche l’offerta della cantina e la lista dei cocktail classici, per un indimenticabile aperitivo.

Da non perdere il Brunch della domenica.

Lungarno degli Acciaioli, 2P - 055 27268912, WhatsApp 342 1234710 - aperto tutti i giorni ore 7-22 - oro@lungarnocollection.com - www.caffedelloro.com

 

Cena gratis? Con i nuovi orari l'invito del Sexy Disco Excelsior

La reazione al nuovo DPCM arriva e accontenta tutti. Apertura anticipata alle 17.30 con annesso inizio degli spettacoli alle 18.
Sul palco protagoniste le ragazze del Sexy Disco, a seguire l'ospite internazionale con lap dance e balletti.
Inoltre alle 20 cena gratis per tutti. Il programma del mese resta invariato, cambia l'orario di chiusura anticipato alle 24. 


50 streghette hot per la festa erotica di Halloween. Tra queste, due ospiti speciali, venerdì 30 e sabato 31, la selvaggia Marica Chanelle e la prorompente Jesse Jey, per una serata da urlo. Ma non finisce qui, la festa è continua! Il weekend pre-halloween è presieduto dalla focosa Justine Gromoda.  

Dal martedì alla domenica Excelsior è sinonimo di “varietà erotico”, mix di lapdance, spettacoli e danze dove non manca mai un pizzico di ironia. Il ristorante, con le sue proposte sfiziose di carne, pesce e pizza servita da sexy cameriere. Il desco è molto gettonato anche per ricorrenze particolari come compleanni – tutto gratis per il festeggiato – cene aziendali e feste di laurea. Qualcosa di più intimo? Provare l’elegante Vip Room, con spettacoli personalizzati. 

Sexy Disco Excelsior - via Pistoiese, 185 – San Donnino Firenze – info e prenot 329 1333483 - aperto mar-dom ore 17.30-24 – www.sexydiscoexcelsior.it

Una passione per la carne

Alessio Mori, classe 1989, mette a servizio della cucina del Caffè dell'Oro un’esperienza maturata nelle cucine di grandi realtà italiane (tra cui il ristorante Sabatini a Firenze) ed internazionali. La sua cucina conta molto sul legame con il territorio grazie alla collaborazione con orti locali biologici i cui prodotti freschi danno vita e sapore ai piatti del giorno.

La cosa che hai fatto della quale sei più orgoglioso e quella che (eventualmente) non rifaresti.
Ho viaggiato molto, i primi anni che ho iniziato mi sono spostato in continuazione, questo mi ha permesso di conoscere tante persone ed imparare molteplici stili di cucina. Fortunatamente non ho grossi rimpianti, tutto quello che ho fatto, compreso le brutte esperienze, mi hanno portato ad essere ciò che sono oggi.

Ingredienti e ricetta per un locale di successo.
Capire a che tipo di clientela ci stiamo rivolgendo, perseguire l’obiettivo con costanza senza farsi distrarre dalle mode temporanee e la cosa più importante di tutte: la comunicazione e l’affiatamento con tutto lo staff.

La Vostra cucina spiegata con poche parole semplici a chi non vi conosce…
Una cucina italiana che valorizza la materia prima senza eccessive lavorazioni.

I vostri “piatti forti”, la vostra “specialità”…
Il piccione in crosta, un grande classico.

Una pietanza che preferite lavorare.
La carne in generale: dalla ricerca di produttori, ai diversi tagli con le rispettive cotture, l’importanza di utilizzare tutte le parti dell’animale per evitare gli sprechi e riscoprire vecchie ricette, anche con i tagli considerati più “poveri”.

Il vostro piatto più difficile da realizzare, ma di maggior soddisfazione.
Lo spaghetto Fabbri, con sugo vegetale e pecorino di fossa. Ho fatto diversi tentativi per capire che tipo di verdure utilizzare per il fondo, ma alla fine è il piatto che mi ha dato maggiore soddisfazione proprio perché ci ho perso tanto tempo.

Un ingrediente o un piatto sottovalutato. E uno sopravvalutato….
Le animelle di vitello: molte persone non ne gradiscono la consistenza, invece io lo trovo un ingrediente molto versatile sia per i primi in abbinamento, che come portata principale. L’Astice invece a mio avviso è un prodotto molto sopravvalutato.

A cena con un buon vino. Quale?
Asfodelo 2018, azienda La Piana.

In breve, facci venire l’acquolina in bocca, raccontandoci i piatti salienti del Vostro menù attuale…
Quaglia in crépinette con funghi cardoncelli, classico risotto alla pescatora e cinghiale cacciato con mela cotogna e salsa al pan di ramerino.

A cena a Firenze in un altro ristorante… Chi?
Il Fusion Bar: mi piace l’abbinamento cibo/cocktail e lo chef Andrea Magnelli è una persona competente.

E in Toscana chi?
Il ristorante Paca di Prato, da loro mi sento a casa: personale giovane con tanta voglia di fare.

Firenze a tavola? Un parere sulla ristorazione nella nostra città….
Escluso i locali storici fiorentini e poche altre eccezioni, l’offerta si è abbastanza standardizzata ai desideri e alle aspettative turistiche della clientela estera.

Hai la bacchetta magica. Tre cose che faresti per Firenze.
I parcheggi (quelli a Firenze servono sempre). Una bellissima scuola di hotellerie a Firenze su modello svizzero. Aiutare le piccole botteghe in centro: rischiamo di perdere pezzi di storia dell’artigianato.

IL LOCALE

Caffè dell’Oro
Un bistrò italiano, luogo ideale per una colazione di lavoro, un pranzo tra amici o una romantica cena, godendo di una splendida vista su Ponte Vecchio. Il menu rispetta la vera tradizione culinaria italiana, seguendo la stagionalità delle materie prime, ma non manca mai un pizzico di squisita innovazione. Interessante anche l’offerta della cantina e la lista dei cocktail classici, per un indimenticabile aperitivo.
Lungarno degli Acciaiuoli, 2P - tel 055 27268912, WhatsApp 342 1234710 - aperto tutti i giorni dalle 7 alle 15 e dalle 18 alle 22 - oro@lungarnocollection.com - www.caffedelloro.com

Chalet Fontana: sorpresa gourmet

Lo Chalet Fontana è da decenni una location di richiamo a Firenze. Conosciuta da generazioni ha avuto negli ultimi anni una svolta decisiva, imboccando senza incertezze la strada di una ristorazione di qualità che abbiamo raccontato e accompagnato con piacere sulle nostre pagine. Il giovane chef Luigi Bonadonna, insieme alla proprietà (Niccolò Conti), propone una cucina davvero innovativa, senza quelle eccessive ricercatezze estetiche che spesso fanno la gioia di instagram ma sacrificano poi l’essenza vera di un piatto. Qui gustiamo invece una versione corposa, suadente e moderna della tradizione italiana e toscana in particolare.

EVENTI SPECIALI

DOMENICA 8 MARZO FESTA DELLA DONNA - Un menu studiato dallo chef Bonadonna dedicato alla femminilità.

Entrée dell’orto
Torta integrale di carciofo nero e robiola stagionata e bollicina di benvenuto
Antipasto dell’orto
Zuppetta calda di lenticchie con spuma di patate, nocciole e cavolo nero croccante

Primo a scelta tra

Linguine alle acciughe, briciole di pane e agrumi
Riso zafferano al salto con ragù di verdure e scamorza affumicata

Secondo
Pesce spada con bietola, pinoli e uvetta

Dolce
Mimosa

45 euro, coperto, acqua e caffè inclusi - Info e prenotazioni 055 228 0841 o info@chalet-fontana.it


Sorpresa gourmet sul viale dei Colli - Recensione ottobre 2019

Complice la splendida location, valida tutto l’anno, grazie anche alla veranda in vetro che regala una splendida vista “verde” sul grande giardino, eccoci alla scoperta del nuovo menù d’autunno. Punto fermo la materia prima e i prodotti stagionali, imprenscindibili per una ristorazione di alta qualità. Molti ingredienti provengono dall’orto adiacente, il bioattivo più grande d’Italia. Siamo rimasti piacevolmente stupiti dalla convincente evoluzione di Bonadonna che sta affinando le sue abilità realizzative e di accostamento dei sapori, come sempre senza troppi fronzoli, con un’attenta cura dei dettagli. 

Il menù è ispirato da tre fili conduttori orto, tradizione e gourmet. Noi abbiamo provato come antipasti una Crema e cubi di Zucca, amaranto soffiato, pomodori secchi e olive e il Carpaccio d’anatra, cruditè di carciofi e fegatini. In entrambi un bel contrasto di morbido e croccante che non guasta mai! Qualche punto in più (personale) all’anatra. Tra i primi i Bottoni di pappa al pomodoro e burrata e lo Spaghettoro con scampi, zucca e broccoli. Gustosi e abbondanti come, a nostro avviso, devono essere i primi piatti. Come secondi la triglia in crosta di pane su letto di cavolo viola tra due fini fette di pane che si può mangiare anche a ‘mo’ di panino. Poi un Coniglio in porchetta, polenta croccante e salsa alle mele. Anche qui eccellenti esecuzioni, oltre che nella totalità del piatto anche nella realizzazione di salse e maionesi che in entrambi calzano a pennello. 

Restano poi in menù i “classici” di questo giovane chef come la Quaglia farcita alla toscana su manto di rigatino, il suo uovo e cremoso di fegato grasso o la Carbonara 2.0 piatto di cui, fino al 31 dicembre, parte del ricavato viene devoluto all’Associazione contro la Fame Italia Onlus. Chalet Fontana vanta anche un bel carnet di eventi: i giovedì di musica dal vivo, incontri letterari e conferenze. Insomma una piatto davvero completo per un autunno gustosissimo in viale Galilei che vi consigliamo vivamente di provare.

Ps. A pranzo menù light lunch al piano superiore, zona caffè-bistrot.

CHALET FONTANA - Viale Galileo, 7 - 055 2280841 - da mar a dom 07.30-23.30 (dom sera cena solo al caffè-bistrot) - parcheggio interno - ristorante@chalet-fontana.it - www.chalet-fontana.it

Ristoranti e #fase2

Impegno chiaro della grande associazione del commercio a fianco dei Ristoratori Toscani. 


“È il momento di fare uno sforzo straordinario tutti insieme – ha detto il Presidente toscano Nico Gronchi – in particolare per il settore food, ristorazione, bar, pubblici esercizi. Dobbiamo mantenere alta l'attenzione, anche con iniziative sul territorio come quelle dei ristoratori toscani; in quel movimento e in tanti altri che stanno nascendo, ci sono tanti nostri associati e colleghi e allora raccogliamo la sfida tutti insieme." 

"Noi ci siamo e questa diventa la sfida di Confesercenti: 10 proposte per ristorazione e food, su cui vogliamo convogliare le forze di tutti i ristoratori della Toscana"


L'asporto e il delivery sono strumenti e non la soluzione:  bene manifestazioni ed eventi, pur di tenere alta l'asticella, ma non ci fermiamo a questo perché sulla ristorazione e tutti i comparti del food occorrono, subito, risposte specifiche. 


1 Prolungamento cassa integrazione.


2 Decontribuzione per i lavoratori che tornano attivi.


3 Azzeramento tributi locali per i mesi di chiusura e abbattimento per i mesi di restrizioni.


4 Abbattimento commissioni sui ticket restaurant e pagamento tramite app per fluidificare il servizio.


5 Ampliamento spazi all’aperto dei locali in deroga alle normative attuali senza oneri aggiuntivi.


6 Indennizzo a fondo perduto per i mesi di chiusura


7 Azzeramento costi moneta elettronica.


8 Intervento sugli affitti per ridurne drasticamente il peso.


9 Misure di distanziamento concretamente applicabili.  


10 Garanzia dello Stato al 100% sui prestiti e restituzione in 10 anni. 


Chiunque ha voglia e proposte dia una mano - conclude Gronchi - Confesercenti, in ogni territorio, è la casa delle imprese, tutte le imprese e in particolare quelle che oggi stanno affrontando le difficoltà di una chiusura pesantissima e le paure e le incertezze per il futuro della propria attività.”


I Ristoratori Toscana scendono in piazza

Appuntamento lanciato dal combattivo gruppo FB Ristoratori Toscana (oltre 7500 iscritti guidati da Pasquale Naccari della Pizzeria "Il Vecchio e il Mare" di Firenze) per ribadire le istanze promosse sin dall’8 marzo.

 

In particolare le richieste sono concentrate su:

-                 Tutela per i dipendenti: la maggior parte non ha ricevuto la cassa integrazione.

-                 Assenza di linee guida per la ripartenza  (su come aprire in piena sicurezza): si parla di date ma non viene fatto riferimento specifico al COME. L’unica regola certa è che hanno attributo ai titolari delle attività una responsabilità penale per l’eventuale contagio dei dipendenti alla quale i Ristoratori Toscana si oppongono fermamente.

-                 Assenza dei sostegni “promessi” dalle istituzioni: tutte le nostre richieste presentate formalmente sono rimaste inascoltate e i sostegni previsti sono inadeguati e insufficienti (in allegato i documenti inviati formalmente al Comune e alla Regione)

-                 Sarà esposto il cartello in solidarietà ai colleghi di Milano.


I ristoratori Toscana si dissociano da ogni strumentalizzazione politica o associazionistica riferita all’iniziativa e ribadiscono: “ la nostra è una passeggiata spontanea organizzata per noi e i nostri dipendenti, del tutto pacifica e ci impegneremo al massimo perché avvenga tutto nel rispetto delle regole imposte dai DPCM”.

 

Ecco nel dettaglio le istruzioni da seguire per chi volesse aderire.

 

-                 LA PASSEGGIATA DIMOSTRATIVA VUOLE SVOLGERSI IN COMPLETA SICUREZZA, NEL RISPETTO DELLA NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE, DELLA SALUTE DI TUTTI E SENSO CIVICO.  Queste le linee guida per chi vorrà partecipare: RICORDIAMO A TUTTI CHE L’EVENTO DOVRA’ SVOLGERSI IN COMPLETA SICUREZZA,

NEL RISPETTO DELLA NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE, DELLA SALUTE DI TUTTIE SENSO CIVICO.SIETE, PERTANTO, TUTTI INVIATI A RISPETTARE LE SEGUENTI ISTRUZIONI.

 

- INDOSSATE (OBBLIGATORIO): GUANTI E MASCHERINE NONCHE’ INDUMENTI DALAVORO (CHE RISPECCHI LA VOSTRA OCCUPAZIONE) E/O SIMBOLI DELLA PROPRIAAZIENDA

 

- RISPETTATE UNA DISTANZA DI ALMENO 2,00 MT. – A TAL RIGUARDO EVIDENZIAMOCHE LA CAMMINATA AVRA’ INIZIO IN P.ZZA DUOMO E TERMINERA’ IN P.ZZA DELLASIGNORIA A FIRENZE (PASSANDO DA VIA CALZAIUOLI).L TERMINE DELLA CAMMINATA (P.ZZA DELLA SIGNORIA) SIETE CALDAMENTEINVITATI A NON CREARE ASSEMBRAMENTI (E RISPETTARE LE MISURE DI SICUREZZASOPRA RICHIAMATE), PERTANTO LADDOVE LO “SPAZIO” NON CONSENTA IL RISPETTO DELLA DISTANZA DI SICUREZZA MINIMA (V.D. SOPRA) LE PERSONE POTRANNO (E DOVRANNO) “DISTRIBUIRSI” IN VIA CALZAIUOLI E (A SEGUIRE) PIAZZA DUOMO).

 

- SE POSSIBILE SEDUTI A TERRA SU DEGLI ASCIUGAMANI E/O TAPPETTINI (AL FINE DIEVITARE DI ENTRARE IN CONTATTO DIRETTO CON L’ASFALTO) SEMPRE RISPETTANDOLE DISTANZE DI SICUREZZA. RESTA INTESO CHE IN CASO DI PIOGGIA E/O IN ASSENZADELLE DOVUTE PRECAUZIONI IN MATERIA SANITARIA, RESTEREMO TUTTI IN PIEDI.E’ SEVERAMENTE VIETATO ASSUMERE ATTEGGIAMENTO VIOLENTO, NONCHE’CANTARE E/O URLARE.

 

Ufficio stampa Ristoratori Toscana : Valentina Paolini paolinivale@gmail.com 339.8434196

                                               

 

 

La marcia dei 1000

12 Maggio 2020, Firenze – L'hanno chiamata "passeggiata dimostrativa". Ma le grida di dolore e furore dei Ristoratori Toscana sono riecheggiate forti e decise nelle parole urlate al microfono da Pasquale Naccari, portavoce del movimento che conta circa 8000 iscritti al gruppo Facebook, e interpreta con decisione e passione le ragioni della categoria.
Tutto in una Piazza della Signoria spettrale, con Palazzo Vecchio sprangato, la pioggia scrosciante e le limitazioni di spostamento imposte a causa del covid.

 

E' stato un corteo silenzioso e pacifico, ma per niente rassegnato quello che ha visto stamani protagonisti 1000 imprenditori e lavoratori della ristorazione.

Confermate per l'ennesima volta le legittime richieste, tuttora disattese dal governo e dalle istituzioni. 


-                Tutela per i dipendenti: la maggior parte non ha ricevuto la cassa integrazione.

-                Assenza di linee guida per la ripartenza (su come aprire in piena sicurezza): si parla di date ma non viene fatto riferimento specifico al COME. L’unica regola certa è che hanno attributo ai titolari delle attività una responsabilità penale per l’eventuale contagio dei dipendenti alla quale i Ristoratori Toscana si oppongono fermamente.

-                Assenza dei sostegni “promessi” dalle istituzioni: tutte le richieste presentate formalmente sono rimaste inascoltate e i sostegni previsti sono inadeguati e insufficienti.


Riguardo alle notizie che circolano sulla riapertura anticipata I Ristoratori Toscana dichiarano: “Siamo molto preoccupati riguardo la decisione annunciata dalla Regione Toscana di anticipare la riapertura al 18 maggio, si continua a parlare di date ma non ci sono ancora istruzioni e direttive concrete sulla riaperture. Chiediamo direttive da 2 mesi e, ancora, a meno di 5 giorni dalla riapertura non abbiamo niente in mano per poterci organizzare. Inoltre non sono arrivate le casse integrazioni ai nostri dipendenti… siamo abbandonati a noi stessi nel totale caos e ci sono famiglie in grave difficoltà!

Aggiungono: “Attendiamo risposte sollecite e concrete dalle istituzioni e solo allora saremo disposti a incontrarle. Abbiamo avuto tanti incontri formali con loro che purtroppo a oggi non hanno portato a niente”.


Ufficio stampa Ristoratori Toscana : Valentina Paolini paolinivale@gmail.com 339.8434196

                                              

 

Paszkowski ? E' nuovo!

Sabato 30 maggio riapre Caffè Paszkowski totalmente rinnovato. Rinnovati gli spazi per i clienti, i laboratori e le zone di produzione e servizio. Un segnale di speranza per il centro storico di Firenze, da un locale storico, palcoscenico della città dai primi del 900, monumento nazionale.

Il “nuovo” Paszkowski, fortemente voluto dalla famiglia Valenza, propone un’eccellente proposta di pasticceria, caffetteria, ristorante e cocktail bar.  Un rinnovamento importante con l’obiettivo tuttavia di rimanere fedele a sé stesso; arricchito adesso dalla guida della cucina affidata allo chef Fabio Barbaglini, un curriculum stellato in importanti locali, che in questo nuovo corso introdurrà uno stile più contemporaneo e trasversale. Tra le proposte ci anticipa: il  Salmone Marinato con insalatina di pesche al basilico, yogurt e rafano fresco; le Tagliatelle con seppie, fave, pane e limone e il Baccalà in salsa all’Amatriciana”.

Recuperati e valorizzati gli arredi, come la boiserie che riveste le pareti delle sale da tè, i tavoli e le poltroncine, con tappezzerie di velluto in coordinato a nuovi tendaggi e panche divano. Nuovo assetto dell'area del bancone, con scelte materiche e cromatiche conseguenti a ricerche storiche e stilistiche ben studiate. Il mosaico marmoreo della pavimentazione è esteso a tutte le sale.

Da provare la pasticceria di notevole qualità curata dai maestri, Massimo Davitti e Francesco Lippi.

Non mancano la pizza e un menu pensato ad hoc per i bambini.

 

aperto tutti i giorni dal lunedì alla domenica dalle ore 7.30 all’ 1.00

Opening Party al Mulino Landi

Invito aperto per l’inaugurazione del Ristorante Mulino Landi.

Mercoledì 7 luglio ore 19
, una "luxury and unconventional music dinner"  immersi nella campagna toscana, per scoprire questo ristorante realizzato in un contesto storico e affascinante,  sede di un antico mulino risalente al 1300 ancora in funzione.  Musica e divertimento, in consolle Leo Martera. Aperitivo servito al guanto accompagnato dai vini Frescobaldi. 30 euro a persona.

Situato sul confine tra le province di Firenze e Siena, è una costruzione di epoca medioevale, parte di un progetto di opere di bonifica dei terreni di fondovalle da parte dei frati cluniacensi e cistercensi che prevedeva un sistema di opere che innalzassero le acque di circa 5 m, oltre alla costruzione di una diga.


Un luogo evocativo che ha convinto Eduardo Banguera, Marco Vandoni e altri due soci a realizzare questo progetto.

Qui si gustano, in un elegante giardino con vista, ricette di nuova generazione, grazie alla formazione di Banguera che proviene dalla scuola dello chef stellato Antonino Cannavacciuolo.
Ideale per ogni occasione: cene speciali, aziendali, cerimonie ed eventi.


Ristorante Mulino Landi - via del Molino 74, Certaldo - +39 380 1890527 - ore 19 - 30 euro -  -  https://ristorantemulinolandi.it/

Primavera allo Chalet Fontana

Su viale Galilei si cena con vista sull’ettaro verde grazie a delle “pareti” di vetro; in alternativa nella elegante sala del camino.

Il ristorante ha riaperto con una nuova squadra in cucina pronta a farsi conoscere con nuove ricette e nuovi piatti.

EVENTI SPECIALI

Domenica 26 marzo MERIDIO dalle 12 alle 19: Cestino da Pic-Nic (lasagne al pesto di rucola, verdure alla griglia, focaccia vegetariana farcita, biscotti, acqua) attività con Lady Ripple e Bioritmo, Workshop di Primavera con Il Calicanto, musica acustica di accompagnamento e djset al tramonto.

PRENOTA ORA

Viale Galileo Galilei 7 – 055 2280841 – aperto dalle 8, pranzo dalle 12.30 alle 15, cena dalle 20 alle 22.30 – parcheggio interno – www.chalet-fontana.it

Settembre al B-Roof

Il Grand Hotel Baglioni presenta il programma di settembre su una delle terrazze più affascinanti della città, il B-Roof, palcoscenico di appuntamenti dedicati agli amanti della musica, dei cocktail, dell'alta cucina, qui firmata dallo chef Richard Leimer, e della Bella Vita.

Giovedì 10 Aperijazz: serata dedicata agli amanti delle atmosfere anni ’20, tra cocktail a tema e concerto dal vivo con vista su Firenze. Dalle 19.30, 20 euro a persona.

Giovedì 17 Back to the Fifties: una viaggio nel tempo fino ai mitici anni ’50 tra cocktail d’epoca e un menù degustazione a tema con dj set vintage da ascoltare attraverso radio d’epoca restaurati con componenti originali. 50 euro a persona, tutto incluso.

Brunch della Domenica: da domenica 13 fino a domenica 20 dicembre è servito nelle sale interne del ristorante dotate di enormi vetrate panoramiche. 35 euro a persona, vini esclusi.

Inoltre ogni mercoledì fino al 30 settembre aperitivo speciale con cocktail e proposta food ogni volta da un paese diverso. Djset a cura di Marco Fiorucci. 25 euro a persona, cocktail, piatto di finger food e sorpresa finale.

Per info e prenotazioni 055 23588960 o info@b-roof.it 

Piazza dell'Unità Italiana 6 -  055 2358  8965 -  tutti i giorni dalle 18 alle 23 - info@b-roof.it – www.hotelbaglioni.it

Pranzo Stellato al Santa Elisabetta

Al Ristorante Santa Elisabetta, al primo piano della Torre bizantina della Pagliazza inglobata nella facciata del Brunelleschi Hotel, la luce è naturale, le pareti in pietra antica si integrano armoniosamente con la sapiente ristrutturazione e il décor raffinato, l’ambiente e il servizio sono esclusivi, con soli 7 tavoli ben distribuiti nella sala semicircolare. Una sala luminosa, raccolta, accogliente: il luogo ideale per un pranzo rilassante ed elegante, che lascia spazio alla privacy di incontri importanti.

Completa l’offerta il menù dello Chef Rocco De Santis, 2 stelle Michelin, caratterizzato da un equilibrio armonioso e creativo fra la Campania, terra di origine dello Chef, e la Toscana. Parole d’ordine: ricordo, tradizione, modernità, territorio, stagionalità, sensazioni olfattive...che si ritrovano tutte nei suoi piatti. Spesa e menù sono tavolozze cromatiche, olfattive ma anche emozionali: lo Chef pensa spesso al voler accompagnare il cliente durante il suo viaggio nel presente (la stagione) e nel ricordo (i piatti del passato).

A pranzo e a cena, è possibile scegliere fra tre menù degustazione Chef Experience (9 portate), In-Contaminazione (7 portate), o Tracce d’Innovazione (5 portate). Il menù Carte Blanche è, invece, la proposta degustazione disponibile esclusivamente a pranzo e include tre portate a sorpresa selezionate dallo Chef Rocco De Santis. Quest’ultimo è stato pensato per accompagnare gli ospiti che si approcciano per la prima volta alla cucina stellata e sfatare i falsi miti legati alla cucina gourmet, senza lo stress di dover scegliere dalla carta. L’intento è far vivere la prima esperienza in un ristorante Michelin come un viaggio, un percorso fatto di piacevoli sensazioni, in una location accogliente e nell'atmosfera intima della Torre della Pagliazza, coccolati dal personale di sala.
La "prima esperienza Michelin" potrebbe essere anche un'idea regalo perfetta.
Clicca qui
per scegliere il tuo cadeaux.

Il Ristorante Santa Elisabetta è aperto a pranzo dalle 12.30 alle 14, a cena dalle 19.30 alle 22 – informazioni su https://www.ristorantesantaelisabetta.it/info/


Mu House Follonica

Dopo anni passati nella ristorazione e nell’Hotellerie Luigi e Francesco si ritrovano nella loro Follonica condividendo il sogno di aprire un ristorante a casa propria, prendendo spunto dalle reciproche esperienze. Così nasce Mu House.


Protagonista la carne di qualità, selezionata attraverso metodi di allevamento e proprietà nutritive, i tagli più prestigiosi sono preparati con cura e cotti in modo speciale grazie al forno brace Josper che ne valorizza il sapore. Italiana, argentina, americana, irlandese, danese e spagnola con possibilità anche di degustarle tutte insieme.

In menu non solo griglia e carne. Qui si gustano anche i migliori formaggi europei con protagonisti paesi come Italia, Spagna, Francia e Inghilterra. Nonostante la vocazione carnivora, in menu c’è spazio anche per ospiti veg.

Ambiente caldo e ricercato tra convivialità e amicizia con un unico protagonista: il cibo.


Mu House – via Bicocchi 25 Follonica - 351 8878377 – aperto tutti le sere dalle 19

 

Mangia e Vivi Firenze

Un programma di cene nel centro storico di Firenze per lanciare un segnale positivo nei confronti dell’area della nostra città più colpita dagli effetti economici della pandemia da covid-19. E per dare una mano e un messaggio di incoraggiamento a ristoratori e commercianti nel desolante panorama post-turistico che si è determinato.

L’ha promosso Paolo Marcheschi, consigliere regionale di Fratelli d’Italia impegnato nella prossima campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio Regionale della Toscana, non nascondendo ovviamente che queste cene sono anche l’occasione per comunicare i propri programmi e obbiettivi.

LUGLIO

Mercoledì 8 Vineria del Re (piazza della repubblica) 

Giovedì 9 Vini e vecchi sapori (piazza signoria)

Marted' 14  Mattacena (via del Moro / s.m. Novella)

Mercoledì 15 Vini e vecchi sapori.

martedì 21 Lungarno23

giovedì 23 Vini e vecchi sapori Piazza Signoria

mercoledì 29 Vineria del Re Piazza della Repubblica

Partecipa alle serate una guida turistica professionista che racconta storie e aneddoti di Firenze e anche la blogger Sarainflorencer che racconta i fiorentinismi (modi di dire).

Menù fisso 25 euro - prenot 335 7217776

Versilia 2020/1: Il mare di Romano

"Se Parigi avesse il mare sarebbe una piccola Bari" recita un celebre adagio: così, scherzando, si potrebbe dire che se Romano fosse sul mare chissà che succederebbe… Scherzi a parte Romano, il più storico – ma attenzione! all’improvviso moderno e audace ristorante di Viareggio (e aggiungerei della Versilia) - si scopre in una strada cittadina, a metà tra la spiaggia e la stazione, raccolto nel decor di una sala raffinata. Cinquant’anni di storia familiare nata dalla passione di Romano Franceschini e della moglie Franca, cuoca, oggi affiancato dal figlio Roberto.


Un'istituzione, stellato da anni, accoglie con stile e professionalità straordinarie, ma anche con spontaneità e sorrisi sinceri che ne rivelano l’anima schietta e popolare. Pesce sugli scudi da sempre, ma la sorpresa è arrivata da qualche mese quando, per affrontare il necessario ricambio generazionale, il simpaticissimo e brillante Roberto ingaggia al timone della cucina il talento più giovane e irrequieto della costa, Nicola Gronchi, già baciato dalla stella Michelin in precedenti esperienze. 

Così parte la nuova stagione e noi abbiamo solo l’imbarazzo della scelta: i “piatti del buon ricordo” (la storia di Romano) con i cucchiai di crudo, i mitici calamaretti ripieni di verdure e crostacei, le linguini Morelli allo scoglio, l’ombrina con tagliata di pomodori…. O il nuovo percorso che racconta le ambizioni di chef Gronchi: la scaloppina di ricciola con miso, capperi e melone, le trippe di baccalà con funghi e zenzero, il “come un crostino alle arselle”, lo spaghetto 2016, il rombo chiodato alla griglia con le zucchine e cremoso ai pinoli…


E siccome questo nostro tour estivo è insieme agli amici di Champagne A. Bergére ecco, last but not least, l’abbinamento perfetto: Risotto carnaroli Riserva San Massimo sedano rapa al BBQ, sgombro marinati e ricci di mare con Blanc de Blancs Grand Cru 100% Chardonnay.

Ola!


Viareggio – Via Mazzini 120 – 0584 31382 – aperto pranzo e e cena (chiuso lun) – menù degustazione da 100 euro (10 portate) b.e.



Picteau, un bistrot stellato

Cocktail Bar con la carta creata da talentuosi giovani barman, si affianca al bistrot con un menu firmato dallo stellato Claudio Mengoni, la cui proposta spazia dalle più golose (ottimi i teaser di pizza gourmet o il coppetiello di pesce e verdura in tempura) fino ai classici della cucina mediterranea (fettuccine al ragù di triglia o branzino con scarola). Pochi tavoli con prenotazione obbligatoria (sia interni che esterni) per godere di una vista unica in prima linea su Ponte Vecchio con affaccio diretto sull’ Arno, proprio come se si fosse su una barca. 


DICEMBRE:

Pranzo di Natale: 90 euro a persona + 40 euro a persona con wine pairing.

LEGGI IL MENÙ

Borgo San Jacopo, 14 –055 27264996- WA 342 1234 710 - aperto tutti i giorni dalle 7 alle 24 -
picteau@lungarnocollection.com - www.lungarnocollection.com 

FishMood: Da Trani a Firenze una cucina …d’aMare

La famiglia di Nicola ha avuto per anni un ristorante a Trani, sul mare della Puglia, finchè non ha deciso di trasferirsi a Firenze per avviare un nuovo progetto, rilevando e ristrutturando finemente uno storico locale alla porte di Santa Croce, nella Piazza dei Peruzzi. Cucina a vista, tre sale contigue e uno spazio sotterraneo che presto sarà una sorta di privè di questo nuovo ristorante di pesce in città.



Il nome moderno – FishMood - allude anche ad un servizio veloce a pranzo dove i panini gourmet di pesce possono essere una valida alternativa al solito pranzo, sempre accompagnato da un servizio curato.

Ma la vera anima del locale è nella cucina pugliese di mare che il giovane chef Andrea Cancelli, figlio d’arte, realizza con passione offrendoci piatti di grande qualità nella materia prima e di originalità nelle ricette.


Crudo e ostriche aprono un menù dove spiccano gustosi e freschi carpacci (salmone, baccalà) e un croccante capitolo di fritti: baccalà in pastella con crema di peperoni, frittura mista e di calamari.
Tra i primi abbiamo scelto i “titoli” più insoliti per noi come il truciolo ai frutti di mare, i troccoli alle vongole, i fusilloni con gamberi, rana pescatrice e granella di pistacchio. Generosi, gustosi, gagliardi. Speciali per due il risotto ai crostacei e il pacchero all’astice.

Tra i secondi incuriosisce il turbante di spigola con crema di ceci, cioccolato fondente e julienne di verdure, moderno anche il tataki di tonno con guacamole, più classici il polpo o i gamberi alla griglia, tutti con chips di patate e altri abbinamenti. Qualità, curiosità e intensità dei sapori per una carta che sicuramente promette prossime novità e variazioni.

Carta dei vini con curiosa selezione di champagne e focus su vini pugliesi da cantine di nicchia. Interessanti le proposte di abbinamento con cocktail. Per il dessert “coccole finali” scoprite dallo chef cosa ha in sorpresa per il vostro pranzo!

PS Citazione di merito per il bel lavoro della designer Costanza Landi che ha affiancato la famiglia nella realizzazione del progetto.

FISHMOOD
Piazza dei Peruzzi 5r – 055 8028628 – 347 8184886 – aperto pranzo e cena – www.fishmood.itfishmood21@gmail.com
Prezzi singole portate da 17 ai 20 euro cad.

De' Bardi: Mixology che passione!

Siamo con Michael D'Agruma, barmanager di De' Bardi. Nato nel 1989 in Molise, a Termoli. Cresce a Biella, in Piemonte. Polenta concia e Canestrelli diventano un po’ stretti per i suoi sogni e con la compagna viene a Firenze. Oggi è alla guida del Cocktail Bar di De’ Bardi: creazioni ispirate dalle emozioni, da elementi naturali e pietre preziose, sapori botanici. I titoli dei cocktail formano degli haiku, piccole poesie giapponesi che cercano con semplicità di comprimere la forza della vita e della natura. Un viaggio attraverso l’arte della mixology tra sciroppi di boccioli di rosa o di peperoni rossi, elisir all’arancia, estratto di mela Fuji e altre creazioni che incontrano i vari spiriti tra whiskey, tequila, gin, rum, mezcál, calvados, cognac e altri…

Come hai cominciato?

A differenza di molti colleghi coetanei non ho molti anni di esperienza: ho iniziato nel 2020. Finite le superiori ho fatto di tutto, dall'operatore ecologico all'imbianchino, dall'elettricista al contabile, al venditore, panettiere. La pandemia mi ha salvato. Finita la quarantena ho frequentato un corso a Milano e da lì non mi sono più fermato. Ho studiato, sto studiando e studierò per continuare a migliorare. Qui ho gestito il BitterBar e ora il De' Bardi.

La cosa che hai fatto della quale sei più orgoglioso e quella che (eventualmente) non rifaresti.

Cambiare vita! Sembra un’ovvietà ma fidatevi non lo è. Avevo 31 anni quando decisi di cambiare carriera e investire soldi, tempo ed energie per rincorrere un qualcosa che poteva benissimo non arrivare mai e non è stato facile. A quell'età non tutti sono disposti a darti una possibilità, troppo "vecchio" per iniziare una nuova professione. Ma ho stretto i denti e ci ho creduto fino in fondo e alla fine, grazie anche ai miei genitori e alla mia compagna, eccomi qua. C'è molto da fare ma la strada è giusta!


Facci venire “sete”… i tuoi cocktail preferiti.

Tutti e 12. Mi piacciono così tanto i drink che un peccato dover scegliere. Cerco di assecondare le voglie del momento e quindi spazio tra tutti i generi, ma se dovessi scegliere… sicuramente un buon Negroni. Gin, bitter e vermouth rosso formano questo drink amaricante perfetto per un aperitivo. Se invece cercate un after dinner consiglio il Sazerac, meglio se fatto con il Rye whisky. Qui lo spirito incontra lo zucchero, il Peychaud's bitter e l'assenzio insieme ad un twist di limone, che meraviglia! E mi raccomando, diffidate da chi lo serve con il ghiaccio!


Il “segreto” per un cocktail riuscito.

L’Amore. Come diceva Dante: “L’amor che move il sole e l’altre stelle”! E’ l’amore per questa professione, per questo mondo, il vero “segreto”. Come per tutte le professioni devi trovare quel qualcosa che ti spinge a migliorarti, nessuno te lo può insegnare. Sicuramente studiare tecnica, storia, merceologia, ma poi è l’ossessione per i drink a farla da padrone. Ecco, forse è proprio l’ossessione l’ingrediente segreto!


Ricette. Meglio un classico evergreen o un’invenzione mixology?

Entrambe. Mi spiego. I classici IBA sono arrivati dove sono proprio per ricette ben strutturate, ma è anche vero che spesso sono vecchie. Il nostro palato si è evoluto nel tempo come la nostra professione. Quello che piaceva in passato può non piacere più o necessitare di modifiche, un esempio su tutti è il Tommy’s Margarita diventato forse più famoso dell’originale. La risposta che mi sento di dare è che se siete in un locale che merita lasciatevi guidare dal barman e vedrete che ne rimarrete piacevolmente sorpresi.


Sta crescendo la tendenza di abbinare la cena con uno o più cocktail. Cosa ne pensi?

In Italia sotto questo punto di vista siamo indietro, il vino è il re delle bevande ed è difficile spodestarlo. Però leggo sempre di più di locali di un certo livello che si cimentano in questa “disciplina” e ciò mi rende felice. Sono un sostenitore del food pairing e mi cimento spesso in accoppiate drink-piatto, vedremo sempre più spesso locali con queste proposte. Presto anche al De’ Bardi.


Il vostro“menù”. In breve, tre motivi per venirci...

Cambiamo menù ogni 3-4 mesi circa e cerco di portare ogni volta proposte innovative con preparazioni homemade di alto livello e che soddisfino anche la vista oltre al palato. Il menù attuale è una mia personale ricerca emozionale di sapori ispirata da elementi naturali, pietre preziose e sapori botanici con un pizzico di poesia. Venite a trovarci, da noi si beve di qualità, a prezzi accessibili a chiunque, in uno dei locali più belli di Firenze.


Hai una serata libera. A cena a Firenze o in Toscana … Chi?

Quando ho scelto dove trasferirmi, due cose hanno pesato: il campanile di Giotto, mi innamoro ogni volta che passo per il centro, e l'Antica macelleria Cecchini. Dario Cecchini è macellaio dalle mani d'oro e dalla bellissima personalità, a Panzano in Chianti. In questo paesaggio collinare meraviglioso si gusta la sua selezione di carni alla brace che fà tremare le fondamenta delle priorità della vostra vita, un'esperienza fantastica.


Colpo di fulmine. Dove?

Era una sera di Primavera e passeggiavo tra le stradine del centro della mia città con i miei più cari amici. Decidemmo di sederci ai tavolini di un anonimo bar e fu allora che la vidi, dietro al bancone, bella come solo una della sua età poteva essere. Fu amore a prima vista, io volevo lei e lei voleva me. Così senza far trasparire nessuna emozione mi alzai e ordinai una bottiglia di Macallan 12 y.o. double cask, estasi per le mie papille. Fu così che nacque il mio amore sfrenato per il whisky. Lo stesso amore che porto tutti i giorni al De' Bardi insieme alla mia conoscenza e ad una grande selezione di questo meraviglioso spirito accompagnato da cioccolato prodotto da me, mi diletto anche in questo. Non raccontate questa storia alla mia compagna altrimenti stasera mi tocca dormire sul divano 12!!


La movida fiorentina. La cosa migliore e quella peggiore…
Mi aspettavo più vivacità. Non ho mai assistito a scene negative eclatanti, a parte un po' di inciviltà per i rifiuti lasciati in giro. La nota dolente è che i locali devono chiudere alle 2 dopodiché l'unica cosa che puoi trovare aperta sono le discoteche. Questo penalizza la scena. Mi capita spesso di chiudere il locale e passeggiare per strade deserte e questo è un peccato. In giro per il mondo non è così, ma sono una persona positiva e sono convinto che presto o tardi ci allineeremo quanto meno alla comunità europea.

DE’ BARDI
via De’ Bardi 23r, 25r, 27r – 055 3873142 o 366 9391879 – aperto dalle 18 alle 2, lun chiuso – debardiflorence.com


RECENSIONE GENNAIO 2023 - De' Bardi: un Crocevia di Gusti

Una breve passeggiata da Piazza Pitti a via de’ Bardi, attraversando via Guicciardini e sfiorando Ponte Vecchio. Un percorso che chissà da quanto tempo viene battuto. Una storia eterna che continua a parlarci ancora oggi.

Varchiamo la soglia di questo giovane locale poco dopo lo slargo che segna l’inizio di Lungarno Torrigiani, in via de’ Bardi. Qui Paolo Genovese ha realizzato il suo sogno: dare a Firenze un locale dallo spirito internazionale grazie alle sue tre facce. La prima che incontriamo è quella del cocktail bar, sfavillante e contemporaneo negli arredi. Di fianco, con un ingresso dedicato, l’enoteca dove scoprire attraverso degustazioni guidate vini di pregio e soprattutto vivere l’esperienza nella cantina, dove secoli fa ormeggiavano le imbarcazioni che navigavano nell’Arno.

Ma questa sera siamo venuti per provare la cucina, nella sala sicuramente più suggestiva. L’atmosfera è medievale grazie alle pareti e ai soffitti con mattonelle di diverse misure, risalenti all’edificio originale, e alle volte storiche. Una parte del pavimento è a vista: si ammira Costa San Giorgio scoperta durante i lavori di ristrutturazione, come del resto questa stessa sala! L’atmosfera è calda e accogliente scandita da luci che simulano l’effetto candelabro. Tavoli neri e sedie con fodere dorate donano un tocco esclusivo. Ad arricchire e contestualizzare il tutto due grandi dipinti che rievocano il genio di Leonardo da Vinci.


La cucina propone un menù intrigante che si muove tra terra e mare con dimestichezza invidiabile.
Noi abbiamo optato per il mare
, e osservando lo svolgimento della serata notiamo che in tutti i piatti l’attenzione al dettaglio è molto curata, ma non invadente. La tecnica non prevarica sul gusto. C’è una ricerca di equilibrio tra due elementi: l’impiattamento e quindi lo stile dei piatti, e la sostanza, quindi la quantità e il sapore. Equilibrio trovato direi. Anche in sala si muovono bene. Positiva la presenza, a momenti alterni, di Paolo che allieta gli ospiti con aneddoti sul ristorante e sui vari episodi storici che ci circondano: la storia della famiglia, delle mura e di quel Rinascimento che qui parrebbe addirittura essere nato…

Per quale occasione? Una cena di coppia, ma anche tra amici. Al De’ Bardi si viene per rimanere e per tornare e scoprire le altre sfaccettature. Come sedersi in una delle corti interne o nel salotto che anticipa il ristorante e assaporare le creazioni del Mixologist Michael D’Agruma. Un crocevia di esperienze che si possono vivere separate o anche insieme, lasciando che il tempo fuori scorra senza che nessuno se ne accorga.

I PIATTI DA PROVARE
Il mio Baccalà alla Livornese
Quaglia ripiena al tartufo nero, crema di zucca all’amaretto
Spaghetto alla chitarra salsa al branzino e pomodorini confit
Ravioli di stracotto, salsa acida allo zafferano
Rombo scottato, panure alle erbe, crema di ceci e fumetto di rombo
Controfiletto di manzo alla griglia con il suo fondo e crema di tobinambur
Dulce de Leche


Season Opening: Bagno La Rondine & Ristorante Salmastro

Sulla Passeggiata di Viareggio, di fronte alla Terrazza della Repubblica, ecco il rinnovato Bagno La Rondine, da scoprire, insieme al ristorante Salmastro, in una sera di mezz'Estate al calar del sole...

Venerdì 15 luglio dalle 20 Season Opening Party: agli invitati è offerto un flûte di bollicine + finger food.
Segue cena su prenotazione con menù speciale, musica e sfilata a bordo piscina a cura di Donkey Swing.
Info e prenotazioni 0584 53130, 338 7507562, 338 7583858

IL BAGNO E IL RISTORANTE

Un look totalmente rinnovato dalla nuova gestione dei fratelli Bruni: Sebastiano, che si sposta in Versilia dopo il successo del ristorante del Circolo dei Canottieri di Firenze, tra feste per maison di moda durante Pitti, banchetti per matrimoni e pura ristorazione; e Giacomo detto Jack, che opera nella cucina del Salmastro creando menù con prodotti del territorio nel rispetto della tradizione ma con un pizzico di creatività. Obiettivo di entrambi dare il massimo del comfort ai clienti in un’oasi di relax.

Il Ristorante Salmastro è aperto tutti i giorni. Insieme a Giacomo in cucina troviamo Daniela che realizza pane e dolci con ingredienti di qualità. A pranzo menù del giorno, ma anche bagels farciti, focaccine, cecina e poi ciambelle, pizzette e crostate per i più piccoli. A cena un ricco menù da gustare in una cornice al contempo semplice e di charme.
 
Bagno La Rondine & Ristorante Salmastro - Terrazza della Repubblica, 33 Viareggio ( Città Giardino) - 0584 53130, 338 7507562, 338 7583858 - www.bagnolarondine.it – www.salmastroristorante.it - Fb + Instagram - Maggiori info sui canali social

Intervista Chef: Il Sapore Crudo del Mare

Francesco Roghi è lo chef dell’Enoteca del Pesce I Mal’avvezzi, frizzante locale a Tavarnuzze che propone una cucina di mare alla portata di tutti in abbinamento a vini da tutto il mondo. Atmosfera da enoteca con il plus della terrazza sul retro, perfetta per la bella stagione. Formatosi a Montecatini Terme all’Istituto Alberghiero F. Martini, Francesco entra fin da subito a contatto con l’alta ristorazione lavorando in stage al Grand Hotel Villa Cora a Firenze. Poi diverse esperienze tra cui il Ristorante Palagio 59 fino ad arrivare appunto a I Mal’avvezzi. 

La cosa che hai fatto della quale sei più orgoglioso e quella che (eventualmente) non rifaresti.
Aver intrapreso questo percorso sin dalle scuole superiori, sono contento e consapevole delle scelte che ho fatto e le rifarei tutte.
Ingredienti e ricetta per un locale di successo.
Materie prime di qualità, armonia nello staff e tanta passione!
La Vostra cucina spiegata con poche parole semplici a chi non vi conosce…
Pesce di qualità, piatti semplici e gustosi e tanta passione nel realizzarli.
Il vostro/vostri “piatto forte”, la vostra “specialità”…
Crudo, scoglio, tagliata.
La pietanza che preferisci lavorare.
Il pescato del giorno così posso sbizzarrirmi con nuovi piatti.
Il vostro piatto più difficile da realizzare, ma di maggior successo.
I nostri piatti sono molto semplici, ma allo stesso tempo richiedono grande cura. Il piatto che dà più soddisfazione è il crudo.
Un ingrediente o un piatto sopravvalutato?
Non credo ci siano ingredienti sopravvalutati.
Un ingrediente o un piatto sottovalutato?
La patata.
A cena con un buon vino. Quale?
Pinot Bianco San Michele a Piano e come bollicina Eduard Brun Champagne Reserve Premier Cru.
In breve, facci venire l’acquolina in bocca, raccontadoci i piatti salienti del menù di stagione.
Mare caldo: zuppetta di mare con cozze, vongole, gamberi, seppie, calamari e pomodorino fresco. Spaghetto piccantino: aglio, olio, peperoncino con burrata e tartare di gambero rosso. Gamberone al Marsala.
A cena a Firenze in un altro ristorante… Chi?
La Loggia al Piazzale Michelangelo.
A cena in Toscana in un altro ristorante… Chi?
Nandone a Scarperia, per me la ciccia più buona in Toscana.
Firenze a tavola? Un parere sulla ristorazione nella nostra città…
Una ristorazione che di media propone piatti di ottima qualità.
Hai la bacchetta magica. Tre cose che faresti per Firenze.
Firenze è già spettacolare così com’è e non ha bisogno di magie, ha già la sua. 

I MAL'AVVEZZI | ENOTECA DEL PESCE
Via della Repubblica 13, Tavarnuzze - aperto tutte le sere, chiuso lunedì - 055 2374262 - www.imalavvezzi.com

Nel nostro store offerte 2x1 per i lettori di Firenze Spettacolo


Brunelleschi Hotel: dopo la camera gratis, la Stella della Domenica a pranzo

“Aspettando l’Inverno e le festività... Prenota una Cena (oppure un Pranzo) al Ristorante Santa Elisabetta, Ti  regaliamo una notte al  Brunelleschi Hotel!” E fino al 24 di Novembre, aperti anche per il Pranzo Domenicale! 

In questo momento, per non rinunciare alla gioia di una Cena Stellata abbinata all’Esperienza di una romantica notte al Brunelleschi Hotel, si può prenotare un Pranzo oppure una la Cena al Ristorante Santa Elisabetta con la formula Ti regaliamo una notte al Brunelleschi Hotel

A partire da 149,00 euro per persona il conveniente prezzo complessivo per l’Esperienza di Una Cena con Menu Degustazione 5 Portate, ed il  pernottamento (sono escluse le bevande, la prima colazione e la tassa di soggiorno che,  per i residenti nel comune di Firenze,  non è dovuta). L’offerta, è valida per la Cena a partire dal mercoledì 28 ottobre, e soltanto per 7 esclusivi  tavoli ogni sera. 

Inoltre, per chi cerca una location d’eccezione per il  Pranzo Domenicale con la Famiglia, il Ristorante Santa Elisabetta è aperto anche alla Domenica, esclusivamente a Pranzo, con una proposta di Percorsi:  3 portate,  acqua, caffè ed il pernottamento (sono esclusi  i vini, la prima colazione e la tassa di soggiorno che, per i residenti nel comune di Firenze, non è dovuta) al prezzo speciale di 104 euro per persona. 

Nell’esclusiva location del Ristorante Stellato Santa Elisabetta, al primo piano della Torre Bizantina della Pagliazza  a due passi dal Duomo, lo Chef Rocco De Santis propone un menù autunnale che porta in città l’aria di mare, i raffinati cromatismi delle Sue esperienze in luoghi diversi ed evocativi, ed i sapori della Sua infanzia.  


Il Menu, le novità: ’’Il Calamaro, Lattuga & Lattuga’’,  ‘’Diversamente Braciola di Manzo’’, ‘’Risotto d’Mmare’’, ‘’Pescato all’Acqua Pazza 20/20’’ ed il parfait  ‘’Autunno’’  tra i dessert.

Il Menu, gli evergreen: ’’I Cappelletti ... ricordo della Domenica’’, “I Bottoni di pasta cotta in farcia di provola, bietola e guazzetto di “Inzimino”  “Triglia in crosta di pane 2015”


A fianco ai grandi piatti signature dello Chef De Santis , un’eccellente selezione di vini e champagne curata dal Maitre Sommelier Alessandro Fè che ha da poco rinnovato l’offerta enologica: ampio respiro nella Carta del Vino, con attenzione allo Champagne. Alle grandi Maison sono affiancate etichette di Vignerons indipendenti e piccole realtà, spesso biologiche e biodinamiche, che salvaguardano la storicità dei territori e dei metodi di vinificazione prediligendo i vitigni più vocati per ogni singola zona. 

La cucina dello Chef Rocco De Santis nella sua declinazione del Menu Degustazione 7 portate  "In - Contaminazioni", incontra le bollicine d'oltralpe in una fusione di sapori e sensazioni uniche. Il menu degustazione propone un intreccio bilanciato tra pesce e carne, e  traccia una linea netta tra gli ingredienti del cuore dello Chef campano e le tecniche di cottura apprese durante le esperienze in Francia e Svizzera, connubio che ben si fonde con tutte le espressioni migliori del territorio della Champagne; partendo dai più eleganti Blanc de Blancs della Cote de Blanc, passando per i più ampi Champagne della Vallée de la Marne per terminare nella Montagne de Reims dove la sua cucina ben si intreccia con le verticalità del Pinot Nero."  Le Aziende scelte dal Maitre Sommelier Alessandro Fè  per accompagnare i Sapori di ‘In-Contaminazioni’ sono :  Cazals - Côte des Blancs , Gaston Chiquet - Vallée de la Marne, Coulon- Reims, Goutorbe – Reims. 

L’atmosfera del Ristorante è elegante e raccolta. La sala è antica e romantica: il luogo ideale per una  cena a due, con gli amici, o per  incontri importanti ed  ufficiali.  Al Ristorante Santa Elisabetta, situato al primo piano della Torre bizantina della Pagliazza inglobata nella facciata del Brunelleschi Hotel, le pareti in pietra antica si integrano armoniosamente con la sapiente ristrutturazione ed il décor raffinato, l’ambiente ed il servizio sono esclusivi, con soli 7  tavoli ben distribuiti nella sala circolare.

L’ambiente raffinato e curato nei minimi particolari e la ristorazione stellata sono solo alcuni dei tratti distintivi di questo indirizzo storico e di charme, assolutamente unico nel suo genere, nel Cuore di Firenze. Non è un caso dunque se il Brunelleschi Hotel, che ingloba la bellissima costruzione bizantina della Torre della Pagliazza, abbia vinto innumerevoli premi e abbia avuto diversi riconoscimenti tra cui l’ultimo, lo scorso maggio, come “Top Luxury Boutique Hotel in Europe”, in aggiunta alla luminosa Stella MICHELIN raggiunta dal suo Ristorante Santa Elisabetta.   

BRUNELLESCHI HOTEL - Piazza Santa Elisabetta 3 - 39 055 27370 -info@hotelbrunelleschi.it  - www.hotelbrunelleschi.it 

RISTORANTE SANTA ELISABETTA - Piazza Santa Elisabetta 3 - 055 2737673 -  info@ristorantesantaelisabetta.it - www.ristorantesantaelisabetta.it

Harry’s Bar a Villa Medici

Debutta a Firenze L’Harry’s Bar The Garden, nuovo ritrovo in città, nel giardino con piscina del SINA Villa Medici a via Il Prato, incontro tra due realtà imprenditoriali di riferimento dell’ospitalità fiorentina.

Entrambi hanno una storia in comune, che risale agli anni ’50, fatta di eleganza, stile e ospitalità d’eccellenza, oltre a una comune appartenenza delle rispettive proprietà al mondo storico dell’ospitalità italiana.

Aperto al pubblico tutti i giorni dalle 11 alle 22.30 Harry’s Bar The Garden propone, in base al momento della giornata, una ricca offerta gastronomica: non soltanto American Bar e non soltanto Ristorante.
Si va dagli iconici hamburger e sandwich alla pizza gourmet, fino ad una carta più strutturata con antipasti, primi, secondi e dessert. Immancabili i piatti storici di Harry’s come i taglierini gratinati alla Harry’s con parmigiano e prosciutto, la tartare di manzo alla Harry’s, il classico curry aromatico dell’Harry’s con riso pilaf e mango chutney, le crêpes flambate al Grand Marnier.

Il tutto col comune denominatore dell’eccellenza e ricercatezza delle materie prime e del servizio impeccabile che negli anni hanno reso Harry’s Bar Firenze un celebre istituzione. 

E per celebrare questa nuova apertura, il cocktail di nuova creazione Pink 53, che arricchisce l’ampia scelta di drink.

Apertura al pubblico da giovedì 10 giugno.

Questa “alleanza” non è l’unica sulla scena fiorentina, ma conferma una tendenza in atto post-covid: pensiamo al rinnovato Helvetia&Bristol che ha lanciato il gemellaggio con il Caffè Cibreo; ma anche al connubio estivo tra il Plaza Lucchesi e il giovane chef Simone Cipriani e il suo Essenziale.

HARRY’S BAR THE GARDEN 
SINA Villa Medici | Autograph Collection
Via Il Prato 42 Firenze - 055 2771704 - harrysbarthegarden@sinahotels.com


Food & Art al Winter Garden

Un luogo incantevole per incontrarsi per un pranzo leggero, un aperitivo e gustare gli esclusivi St. Regis Rituals.  Al ristorante, condotto dall’Executive Chef Gentian Shehi, innovazione, tradizione e territorio convivono.

EVENTI DEL MESE


Fino ad aprile compreso, il The St. Regis Florence, in collaborazione con Liquid Art System - brand di gallerie di Franco Senesi - ospita negli spazi comuni opere d’arte selezionate, tra cui quelle dell'artista coreano Seo Young-Deok, del duo spagnolo Coderch & Malavia e dello scultore italiano Giacinto Bosco.
Inoltre per l’occasione arriva il cocktail “L’artista”, a base di Gin al Pompelmo Rosa, Italicus (rosolio al bergamotto) e succo di lime e limone, con un twist di arancia, creato dal team di bartender per unire il gusto del buon bere alla fruizione delle opere.

RISTORANTE WINTER GARDEN - Fish Pokè Bowl at Lunch: ogni giorno dalle 12 alle 14.30 con postazione a vista all’interno del Winter Garden e presenza dello Chef selezione di Fish Pokè Bowl: selezione con lo chef della propria bowl e preparazione «live» - 34 euro a persona, bevande escluse.

BAR WINTER GARDEN - Evening Ritual: ogni sera, dalle ore 19 alle 20. Novità la postazione a vista all’interno del Winter Garden, con presenza dello Chef: tris di proposte con ostriche, Pata Negra e fish tartare - 35 euro a persona, bevande escluse. Ogni gio durante Evening Ritual DJ SET dalle 18:30.

Piazza Ognissanti, 1 - 055 27163770 - www.stregisflorence.com - restaurant.stregis@stregis.com - www.wintergardenflorence.com - €€€€


La Scelta di Gentian al Winter Garden
recensione novembre 2021

Lungo l’Arno si cammina sempre volentieri in una sera d’autunno. Niente vento, solo bici e monopattini che sfrecciano insieme ai ricordi di un’estate ormai lontana.

Siamo in Piazza Ognissanti, non tra le più famose, ma certo tra le più affascinanti. Qui si trova il The St. Regis, maestoso hotel del gruppo Marriott che nel suo Winter Garden propone una cucina gourmet realizzata dal giovane e brillante Executive Chef Gentian Shehi.

Motivo della visita è appunto provare il nuovo menù autunno/inverno. Il ristorante si sviluppa in una grande sala dominata da un lampadario enorme che dona, con gli altri elementi d’arredo, un’atmosfera classica sottolineata dalla dolce musica del pianoforte.

La cucina di Gentian si sposa perfettamente a questo ambiente. Esecuzioni da manuale, sapori equilibrati e presentazioni che rubano la scena, sono i tratti distintivi della sua mano. Se il buon giorno si vede dal mattino ecco che l’antipasto, il calamaro ripieno, si presenta come un vero e proprio dipinto astratto, l’occhio vuole la sua parte!, ma qui anche il palato gode e a nostro avviso è il piatto migliore. Degni di nota anche i bottoni di patate con crema tiepida “vichyssoise” e caviale nel segno dell’equilibrio. Poi il piatto forte, il caciucco ripensato in ‘salsa’ gourmet. La crema che lo accompagna segue la ricetta tradizionale, mentre i pesci sono diversi e più nobili dell’originale. Insomma un bel menù in un contesto raffinato con un servizio attento, non troppo impostato. Il dolce stupisce per forma e contenuto, un bell’insieme di tradizione e innovazione: un neccio scomposto con ricotta e gelato al mandarino, provatelo!

La scelta di Gentian è forse in controtendenza rispetto al contrasto eccessivo e iper-ricercato di molte cucine gourmet e a noi piace. Un equilibrio che oggi è difficile trovare praticamente in ogni settore della società, qui invece è padrone e viene proposto con coraggio e rinnovata fiducia. Bravi. 

Locale Firenze: maratona di giovani chef

Al Locale di Firenze un ciclo di appuntamenti in collaborazione con il Gruppo Sanpellegrino per promuovere la creatività dei giovani Chef. Obiettivo reinterpretare la cucina regionale con curiosità e innovazione.

La scena enogastronomica italiana è da tempo in fermento: uno spirito di scoperta e sperimentazione guida gli chef che guardano al passato come fonte di ispirazione e punto di partenza da cui avviare nuove riflessioni e proposte.

Per offrire a questi talenti un palcoscenico ideale per esprimersi, il Locale, ristorante e cocktail bar
di Firenze, dà il via a FoodFellas
, un ciclo di appuntamenti in collaborazione con Acqua Panna,
S.Pellegrino, Perrier e Bibite Sanpellegrino, brand del Gruppo Sanpellegrino, da sempre al fianco
del fine dining e del fine drinking internazionale.

Lo chef Simone Caponnetto, classe 1990 ed esperienze al Narisawa, al Mugaritz e al fianco di Heinz Beck, dialoga con giovani chef da tutta Italia: l’esperienza è inoltre arricchita da cocktail pairing, considerato lo straordinario apprezzamento che riscuote il bar de Il Locale (nel 2022 39° posto della World’s 50 Best Bars). Matteo Di Ienno, bartender di Locale, propone  drink ideati per l’occasione con l’utilizzo di Perrier e delle Bibite Sanpellegrino, realizzati con materie prime ricercate e ingredienti unici del territorio italiano,

Tra ottobre 2022 e giugno 2023, numerosi  chef si divertiranno a creare menu
inediti a quattro mani
con Simone Caponnetto, attraverso piatti che raccontino la loro filosofia di
cucina, per un’esperienza gastronomica esaltata e impreziosita dall’abbinamento con Acqua Panna
e S.Pellegrino.
Tra gli chef coinvolti, anche due membri della S.Pellegrino Young Chef Academy, il progetto
internazionale ideato da S.Pellegrino per dare nuove prospettive al futuro della gastronomia, che
prende vita in una piattaforma di formazione e networking di cui fanno parte i giovani chef e i
membri più influenti e rappresentativi del mondo della gastronomia.

Antonio Romano, vincitore italiano del Fine Dining Lovers Food for Thought Award durante l’ultima
edizione di S.Pellegrino Young Chef Academy Competition, ora alla guida di Spazio 7 a Torino, 1
stella Michelin, è lo chef ospite di FoodFellas il prossimo 19 ottobre.

Il 18 gennaio è la volta di Davide Marzullo, oggi chef di Trattoria Contemporanea a Lomazzo (Como) dopo aver vinto, nella finale regionale Italia e Sud Est Europa, il S.Pellegrino Award for Social Responsibility.

Il 17 maggio ci sarà il vincitore italiano della 5° edizione di San Pellegrino Young Chef Academy Competition, che si terrà nel 2023.

Gli altri chef coinvolti sono: Marco Ambrosino (prossima apertura a Napoli) – 16 novembre,
Stefano Sforza (Opera a Torino) – 14 dicembre, Giuseppe Molaro (Contaminazioni Restaurant a Somma Vesuviana) – 20 febbraio, Mattia Pecis (Cracco Portofino) – 22 marzo,  Sara Scarsella
(Ristorante Sintesi ad Ariccia).

LOCALE
Via delle Seggiole – tel 055 9067188  - aperto tutte le sere dalle 19,30 a notte

Alla Fattoria Lavacchio

Il nuovo ristorante della Fattoria Lavacchio è nel cuore di un suggestivo agriturismo. Sulle colline che sovrastano la Rufina un piccolo, elegante borgo, dove nella piazzetta si pranza e si cena con vista meravigliosa.

Annamaria Rubini è la Chef. Origini pugliesi, porta in tavola una bella dose di freschezza e originalità. Solitamente quando andiamo fuori porta ci troviamo cullati dalla tradizione, ma a Casabella siamo ben stupiti dal coraggio di un’innovazione eclettica e curiosa.


Pontassieve, via di Montefiesole 52 – 055 8396168 - da lun a ven a cena, sab e dom anche a pranzo, mer chiuso

INTERVISTA CHEF - OTTOBRE 2022

Siamo a Cucina di Casabella, il nuovo ristorante della Fattoria Lavacchio nel cuore di un suggestivo agriturismo. Sulle colline che sovrastano la Rufina si scopre un piccolo, elegante borgo, dove nella piazzetta si pranza e si cena con vista meravigliosa. Annamaria Rubini è la Chef. Origini pugliesi, porta in tavola una bella dose di freschezza e originalità. Solitamente quando andiamo fuori porta ci troviamo cullati dalla tradizione, ma a Casabella siamo ben stupiti dal coraggio di un’innovazione eclettica e curiosa. Conosciamo dunque meglio Annamaria e la sua cucina…



Le tue prime impressioni al ritorno in Toscana: cosa porti dalla tua Puglia e come intendi far coesistere due tradizioni così diverse?

Il ritorno è stato come un ritorno a casa. Io ho la fortuna di sentirmi a casa in due regioni perché entrambi hanno in comune tradizione, il rispetto per la terra e di ciò che offre valorizzando tutto ciò che ci circonda.

La Vostra cucina spiegata con poche parole semplici a chi non vi conosce...
Assomiglia alla mia identità pugliese-toscana. Cerco sempre l’equilibrio tra tradizione e valorizzazione della materia prima. E Cucina di Casabella è esattamente questo, dall’inizio alla fine, grazie anche alla collaborazione con piccole aziende agricole.

Il vostro “piatto forte”...
Le pappardelle di grani antichi con il pesto di sedano, scorza di limone e stracciatella. Un piatto simbolo della mia cucina che rappresenta al meglio i principi di Cucina di Casabella e di Fattoria Lavacchio. Non sono una persona abitudinaria, mi piace trovare abbinamenti e sapori inaspettati. Utilizzo la farina ai grani antichi per rimanere coerente con la nostra filosofia di non usare farine trattate e quindi collaborare con aziende come noi. La parte del sedano che lavoro nel pesto sono le foglie per evitare sprechi. Infine, non sarebbe la mia cucina senza un tocco pugliese, la stracciatella!

Il piatto più difficile da realizzare, ma di maggior soddisfazione.
Quello che mette in risalto ogni prodotto a 360° rispettando la nostra carta degli ingredienti locali e stagionali. Richiede una certa creatività e un senso di rinnovamento costante, ma dà grande soddisfazione quando il cliente può scegliere da un menù vario.

Un ingrediente o un piatto sopravvalutato?
Il prezzemolo... Non ha più il profumo di una volta resto sempre delusa. Quindi preferisco andare su altri odori altrettanto piacevoli da lavorare.

Un ingrediente o un piatto sottovalutato?
I fiori ovviamente! Perché, oltre ad impreziosire il piatto, sono ingredienti fondamentali sul piano di profumi e sapori. Sono super ricchi di proprietà organolettiche. Però sono contenta che sia sottovalutato perché ho potuto trovare la mia firma e rendere così i miei piatti unici.

A cena con un buon vino. Quale?
Facile! Il Cedro DOCG Chianti Rufina della Fattoria Lavacchio: non ti sbagli mai se vuoi un rosso! Sennò il bianco Oro del Cedro IGT che è una vendemmia tardiva (vino dolce), si abbina perfettamente al mio dessert del momento, il crumble alla farina di grano saraceno con cioccolato fondente e caramello salato. Una meraviglia in bocca!

In breve, facci venire l’acquolina in bocca, raccontandoci i piatti salienti del menù autunno/inverno...
Fegatelli di maiale con le susine fresche con crostino di pane lievitato tramite la fermentazione della frutta fresca. Porcini e crudo con castagne arrostite. Ravioli fatti in casa con ricotta di capra ed erbette selvatiche al burro e salvia. Il nostro dolce-forte: tagliatelle al cacao con cinghiale speziato. Peposo alla Fornacina con crema di fagioli. E come sempre ogni fine settimana pescato fresco locale.

A cena a Firenze o in Toscana da un altro Chef... Chi?

Mi mettete nei guai perché ho tanti amici ristoratori nella zona... Però, posso assicurarvi che in Toscana ci sono tantissimi locali dove farsi coccolare a cena o a pranzo.

CUCINA DI CASABELLA BY LAVACCHIO 

Pontassieve, via di Montefiesole 52 – 055 8396168 - da lun a ven a cena, sab e dom anche a pranzo, mer chiuso

RECENSIONE AGOSTO 2022 - Una Cucina agricola con il Fiore in bocca

Fuori dal tempo e a tratti anche dallo spazio, ecco Cucina di Casabella, il nuovo ristorante della Fattoria Lavacchio nel cuore di un suggestivo agriturismo. Sulle colline che sovrastano la Rufina si scopre un piccolo, elegante borgo, dove nella piazzetta si pranza e si cena con vista meravigliosa. Fuori dal tempo, perché sembra davvero di essere in uno di quei piccoli paesi da film dove viene rappresentata la vita campestre di un secolo fa, e dallo spazio, perché davvero ci si trova immersi in un paesaggio unico che fa dimenticare la città e le sue caotiche frenesie.

Annamaria Rubini è la Chef. Origini pugliesi, porta in tavola una bella dose di freschezza e originalità, inusuali per un locale così. Solitamente quando andiamo fuori porta, infatti, ci troviamo cullati dalla tradizione, mentre a Casabella siamo ben stupiti dal coraggio di un’innovazione eclettica e curiosa. Il menù propone ricette che strizzano l’occhio alla cucina toscana, ma quando si presentano sono mutate, arricchite da fiori edibili, marchio di fabbrica di Annamaria, con contrasti e accostamenti di sostanza. Una mano creativa che ama utilizzare al massimo il territorio dove opera, cogliendo – nel vero senso della parola – gli ingredienti dai campi vicini, utilizzando materie prime locali, se non addirittura di produzione propria.

In menù pappardelle, pici, tortelli, quaglia, galletto, fegatini e altre voci note a noi fiorentini. In questo caso però non sarebbe giusto descrivere i piatti, bisogna provarli per apprezzarli e valutarli. Una bella serata e cena che ci ha sorpreso positivamente. Il bello è stato soprattutto non sapere cosa aspettarsi. Nel weekend anche piatti di mare, un ulteriore spinta per andare a provare questa nuova cucina by Lavacchio, apprezzata azienda produttrice di vini biologici. Luogo ideale per una serata romantica, ma anche per un pranzo del weekend o una cena con amici o famiglia.


Un posticino carino per cenare? (i)Booh!

“Leo, te che sai tutto ci dici un’osteria buona, adatta all’estate, dove si mangia bene e non ci cannano?”
“iBooh”.
“Cosa dici? Boh???”
“No, ho detto iBooh!, ora ti spiego…”

Vai poco dopo il vecchio Teatro Tenda, oggi Tuscany Hall, e sulla destra vedi un parcheggio protetto dalle frasche e dalle siepi: da lì si accede al giardino che fronteggia l’Arno e si scopre sulla sinistra una curiosa palazzina di legno (loro la chiamano “chioschino), in stile vagamente scandinavo, su due piani, che ospita questa originale trattoria.
Nicola è l’autore della giovane impresa aperta effettivamente a pieno ritmo con la “fine” dei lockdown. Si svolge tra il piano terreno (cucina a vista, angolo bar e circa 20 coperti) e il piano superiore, nella terrazza coperta dove si cena all’aperto scegliendo da un menù scritto a mano sulla lavagnetta nera.
Nicola e la cuoca vantano esperienze in trattorie fiorentine storiche molto affermate e ad un certo punto della loro vita si sono uniti per questo sfizioso angolo di buoni piatti e porzioni generose nella periferia fiorentina poco oltre Bellariva.
Il sapore di mare prevale, almeno in estate, in questo menù dove colpiscono subito i piatti, davvero abbondanti, oltre che stuzzicanti e appetitosi. Chi gradisce freschezza e leggerezza può scegliere la grande fantasia di mare:  verdure, gamberi, totani, polpetti. Chi è davvero affamato non si può sottrarre all’incredibile orecchio di elefante sommerso di gustose patate fritte. Pici, paccheri e linguine aprono il menù: alla gricia; con n’duja e stracciatella; cacio, pepe, totani e gamberi. Anche una variante esotica con la fajita di pollo e verdure.
Perfetto per una seratina easy con amici, mangiando di gusto, auspicando un po’ di brezza dal fiume, tutto condito dalla simpatica accoglienza di Nicola.




iBooh
Via Enrico De Nicola 45/1 – 055 2398159 – 3920021403 – iboohfirenze.com
Prezzi: antipasti e primi 8-12, secondi 14-18, dolci 4.


C’è un nuovo Salviatino!

Il Salviatino ha riaperto le sue porte, pronto ad accogliere gli ospiti con nuove, esclusive proposte nella magnifica villa rinascimentale del XV secolo, una location esclusiva immersa nel verde delle dolci colline fiesolane.

LA NUOVA POOLHOUSE, nel parco con vista sull’orto biologico e l’oliveto, ospita ogni giorno dalle 12 alle 15 la cucina farm-to-table dello chef Riccardo De Prà. Legata al benessere, propone piatti semplici e ingredienti di qualità raccolti giornalmente nell’orto biologico della villa.

PROTAGONISTA DELL’APERITIVO, servito nel bar della villa o nel magnifico giardino, è la curiosa cocktail list di Lorenzo Uberti, Viaggi e Miraggi. Ogni proposta racconta un ricordo di viaggio, che dura il tempo di assaporare un sorso; i profumi sono quelli avvolgenti dell’estate, in un’elegante e raffinata atmosfera in cui niente è scontato.

MA IL MOMENTO PIÙ MAGICO È LA SERA, quando si può gustare una cena da Giacomo al Salviatino, sulla Terrazza sotto il cielo stellato di Firenze, o nella magnifica Sala Affresco. La tradizione di Giacomo Milano, da sempre animata da una grande passione per la buona tavola e per i piatti classici della cucina italiana, giunge ora a Firenze grazie allo chef Angelo Mancuso: un menu ispirato all'autentica tradizione italiana con materie prime di alta qualità ed estrema attenzione per i dettagli, che si uniscono ad una piacevole convivialità e ad un'atmosfera cordiale e accogliente.
Il Salviatino è un luogo davvero inaspettato, a soli 10 minuti dal cuore pulsante della città di Firenze, ma immerso nel verde e nella tranquillità di una location unica, in un’atmosfera in cui il benessere e il relax prendono il sopravvento sulla frenesia della quotidianità.

Via del Salviatino 21 – 055 9041111 – salviatino.com

Il Segreto di Vito

L’attesa è stata grande per tutti, non solo per food lovers! E finalmente ecco in pista il nuovo locale di Vito Mollica, CHIC NONNA in Palazzo Portinari Salviati. Aperto nella scorsa estate, ha subito acceso la febbre per riscoprire il luogo e ritrovare la cucina di uno dei nostri chef più amati.

Noi lo abbiamo provato una sera di ottobre cominciando nel salotto del Palazzo, al Bistro’ con un cocktail per prepararci al meglio alla vera esperienza. Anche qui si cena, con una linea diversa, più accessibile, sempre di rigorosa qualità, sia nei piatti che nel servizio. Stessa cucina, stesse mani, stessa materia prima.

Arrivati nella sala principale di Chic Nonna, spicca la graziosa e delicata fontana al centro che si staglia sul pavimento-mosaico vetrato. Colonne di pietra serena delimitano la sala, porticato sovrastato da affreschi rinascimentali. Splendidi i soffitti.

Si viene accolti da un servizio premuroso ma soprattutto preparato. Amouse-bouche - tre piccole delizie - solleticano subito l’appetito. Scegliamo il percorso degustazione, la Corte degli Imperatori, in alternativa uno vegetariano, altrimenti alla carta. Si comincia con astice blu al vapore, melone bianco e rapette per proseguire con risotto caprese con scampi marinati al basilico. Delicatezza ed equilibrio sono le due caratteristiche, nell’astice la delicatezza, nel risotto l’equilibrio. E non manca il gusto in entrambi!

Tra i piatti di terra i Tortelli ripieni di pollo bianco del Valdarno alla Cacciatora e per finire Maialino da latte, mandorle e cicorino all’aglione. Un viaggio sui confini della nostra tradizione per apprezzare come l’eccellenza della materia prima italiana non smarrisce la sua natura vorace e vivace in questo contesto extra lusso e gourmet.
Da menzionare anche altri due piatti, evergreen di Vito, quasi la sua firma: i Cavatelli “cacio e pepe”, gamberi rossi e calamaretti spillo marinati, una vera leccornia come le Capesante scottate e lattuga romana, due must del menu alla carta. Che dire poi della Ricciola di fondale ai carboni, fagioli e ricci di mare, un “secondo” che racconta al meglio il talento di Vito nell’esprimere tradizione, innovazione e gusto in un piatto.

Menzione d’onore per la sommelier Clizia Zuin e la carte dei vini, ampia e capillare e perfino indicizzata come appunto un vero libro! Per orientarsi al volo e al meglio nella cantina. Dulcis in fundo i dolci e il caffè. Con una versione di quest’ultimo da apprezzare direttamente al tavolo grazie ad un’estrazione scenografica che farà contenti tutti i creators di TikTok e Instagram (sui nostri canali oltre 55k view in un giorno solo ).
So torna sempre volentieri dove si è stati bene. Ed è quello che pensiamo salutando Vito Mollica e la sua brigata!

DICEMBRE:

Per eventi aziendali/cene di gruppo: Salotto Portinari Bar & bistrot, fino a 120 persone sedute, fino a 170 per standing cocktail. Sala Beatrice può offrire varie opzioni, dal grande tavolo unico in stile conviviale fino alla disposizione su più tavoli per un totale di circa 40 posti a sedere. Cocktail a passaggio possibili tra Sala Beatrice e Bar fino ad un max di 100 persone.
Chic Nonna di Vito Mollica. Se richiesto in esclusiva, può accomodare fino a 70 persone per eventi privati. È possibile, inoltre, organizzare cene aziendali ed eventi privati con capienza massima di 110 posti a sedere, dislocati tra Sala Beatrice e ristorante Chic nonna poiché le due sale sono unite tra di loro.

Pranzo di Natale: Chic Nonna 170 euro a persona vini esclusi, Palazzo Portinari Bistrot 110 euro a persona vini esclusi
Cenone di Capodanno: Chic Nonna 340 euro a persona vini esclusi, Palazzo Portinari Bistrot 220 euro a persona vini esclusi

LEGGI I MENÙ

CHIC NONNA
Palazzo Portinari – via del Corso 6 – 055 5353555 – bar e bistrò sempre aperto pranzo e cena – ristorante solo a cena (chiuso lun e mar) - chicnonna.com


Il concept ha come attori principali Stefano Cuoco, Amministratore Delegato Mine & Yours e Vito Mollica, Director of Culinary. Chic Nonna a Firenze è coordinata da Mollica assieme al Food & Beverage Manager David Bonissone e ai due Restaurant Chef Rosario Bernardo e Paolo Acunto. La squadra comprende anche Denis Giuliani e Lorenzo Baroni come Responsabili di Salotto Portinari Bar & Bistrot, Mark Ignatov e Davide Altobelli, in qualità di Responsabili di Chic Nonna; e Clizia Zuin come Sommelier. Tim Ricci è il consulente di Pasticceria. 

Mine & Yours Group ha scelto di affidare allo studio pratese b-arch - architettura di Sabrina Bignami e Alessandro Capellaro il delicato compito di rinnovare gli spazi destinati alla ristorazione di un luogo così carico di storia, ma che non vuole essere un museo. Qui, dove gli affreschi e i pavimenti originali sono veri protagonisti, lo studio dell’illuminazione ha avuto un ruolo fondamentale per creare un’atmosfera intima e accogliente in ogni ambiente. La realizzazione degli arredi su misura è stata affidata all'azienda veneta Francesco Molon, attraverso una rete di maestri artigiani. La progettazione delle cucine è stata, invece, gestita dal kitchen designer Andrea Viacava. Per piatti e accessori della tavola, il partner è Ginori 1735. 

Lo storico palazzo di via del Corso, eretto in luogo di un gruppo di edifici appartenuti a Folco Portinari, padre della musa dantesca Beatrice, dove ha soggiornato un giovanissimo Cosimo I de’ Medici e dove hanno gravitato importanti artisti del Rinascimento fiorentino, fà da sfondo al concept.

Il progetto s’inserisce in un’ottica di rivitalizzazione del centro storico fiorentino, per una città che vuole essere sempre più viva e fruibile, non solo dai turisti ma anche dai cittadini.
Vito Mollica:
"La cosa che più mi affascina di questa nuova avventura è senza dubbio l'idea di offrire ai fiorentini e a tutti coloro che, come me, amano questa città, uno spazio di socialità così iconico per la storia di Firenze e dell'Italia, in un modo assolutamente non convenzionale. Passeggiare in via del Corso e fare una sosta rigenerante a Palazzo Portinari, per ammirare i suoi splendidi affreschi e godere di un'atmosfera d'altri tempi, sarà un'esperienza memorabile che chiunque potrà avere il piacere di fare”. 

Chic Nonna c/o Palazzo Portinari Salviati - via del Corso 6 - 055 5353555 - tutti i giorni dalle 7.30 alle 24 - firenze@chicnonna.com - www.chicnonna.com 

Tre tappe gourmet sulla costa della Maremma

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA
Osteria del Mare già Il Votapentole

Sulle braccia dello chef Massimiliano Ciregia sono tatuati una seppia e una cicala di mare. Sono sufficienti per comunicare l'amore carnale che questo chef nutre per la materia prima e il rispetto che le riserva in ogni suo piatto. Il locale è sulla passeggiata di Castiglione della Pescaia e si distingue per alcuni segni di design nel mood gustoso e genuino della trattoria tipica.

Insieme a Monica Zoi e Guglielmo Ciregia, ha riportato il profumo di sapori antichi in padella, anzi nel padellino. Infatti alcuni piatti sono serviti direttamente portando al tavolo la padella in rame dove si è cucinato la pietanza, così da non perderne essenza e sapore. Cacciucco, zuppetta di mare, gustose cicale, amatriciana di tonno con pici tirati a mano, gnocchi e ancora ancora, tutto in un avvolgente profumo. La cantina dei vini rispecchia a pieno la filosofia del locale che cerca di lavorare solo col pescato del giorno, quindi rispetto del territorio e le migliori etichette della Maremma.

Via 4 Novembre 15 - 0564 934763 - aperto pranzo e cena (chiuso lunedì) 35-45 euro vini escl
www.osteriadelmarecdp.it



FOLLONICA
OASI Ristorante sulla spiaggia


Una splendida terrazza sul mare, dal gusto raffinato e atmosfera luminosa, il menù di pesce offre i piatti che sono belli e buoni, così ben eseguiti che ovviamente sono un esplosione per il gusto e un piacere per la vista. L'intera esperienza è altamente istagrammabile! Lo chef Mirko Martinelli è l'anima di questo locale ed ama affermare che " le cose piu' straordinarie nascono dalle cose semplici ma è la fantasia a renderle magiche". Infatti c'è una sorta di magia nei suoi trionfi di crudi di pesce, o nei piatti della tradizione magnificate da tecniche moderne. Il Ristorante propone percorsi di gusto: "emozioni" con una selezione di 3 antipasti, oppure "il crudino" con variazioni di crudo del giorno, o il grand crudo... Ed ancora percorsi dove piatti freschissimi vengono eseguiti seguendo la stagionalità e la fortunata pesca giornaliera. Una prestigiosa selezione di etichette accompagna questi magnifici percorsi di gusto. Decisamente Cool.

Viale Italia 277 - aperto pranzo e cena (chiuso mer) 0566260008 cell. 333 3087454  www.ristoranteoasifollonica.it

SAN VINCENZO
Il Bucaniere

Una suggestiva terrazza sul mare che all’ora del tramonto si scopre davvero emozionante, pareti vetrate a vista e il suono delle onde che si infrangono. Due nomi fanno di questo luogo un fuoriclasse: l'architetto Massimiliano Fuksas che lo ha progettato e soprattutto il “bucaniere” Fulvietto Pierangelini, figlio d'arte alla scuola del celebre Gambero Rosso. In cucina attenzione totale alla materia prima, pescato del giorno e pescato dallo stesso Fulvietto, prodotti di terra a km zero dell'azienda agricola Agave della moglie Barbara: massime le espressioni di norcineria come la  strepitosa coppa, il culatello e la spalla. I piatti sono quelli della tradizione cucinati con grande tecnica. Da provare il ragù di mare e assolutamente qualsiasi pescato del giorno. Essendolo davvero apprezzerete come non mai l'esplosione di sapore. Un esperienza da veri professionisti del gusto. 


Viale  Marconi, 22 - 335 800 1695 - sempre aperto in estate - Prezzi antipasti e primi 16-20, secondi (pescato del giorno) 25, dessert 8.
www.ristoranteilbucaniere.com


Giulia Maria Ricci

La Nuova Stagione del Golden View

Noi fiorentini spesso non ci rendiamo conto, passeggiando in centro, di quanta bellezza ci circonda. Presi da impegni, ma soprattutto essendoci nati dentro, spesso non ci fermiamo ad ammirare. Per farlo ci può aiutare un pranzo con vista o una cena panoramica. E un luogo speciale è il rinnovato ristorante a due passi da Ponte Vecchio che già nel nome dice molto: GOLDEN VIEW!

Dal 2002 fa parlare di sé. Oltre 500 mq a picco sull’Arno con un intero lato affacciato su Ponte Vecchio, Uffizi e oltre. Durante la pandemia ne ha approfittato rifacendosi il look. L’atmosfera è rimasta fedele, improntata su arte ed eleganza, linee pulite e colori chiari. Il restyling ha avuto come obiettivo quello di integrare l’identità culinaria con gli ambienti. Ora dominano marmo di Carrara e legno di ulivo. Tutto è immerso in un mood composto e monocromatico. Il bianco con nuance fumo diventa il filo conduttore che guida lo sguardo e amplia gli spazi. Tre sale collegate da  ampie vetrate o singole aperture. Il tutto curato dall’architetto Nicola Maggiaoli (MIARCA Architecture) che ha interpretato la nuova visione del giovane titolare Tommaso Grasso, cresciuto tra queste mura, visto che proprio lui, allora ventenne, lanciò questo locale. Oggi, insieme alla moglie Sara Taccetti, ne cura ogni dettaglio e lo considera casa sua.
La proposta è articolata tra cantina, gastronomia, panificio e cucina.

LA GRANDE VETRINA DI VINI all’ingresso è uno scorcio del regno del Wine Manager “Sommelier Narratore”, come ama definirsi, Paolo Miano, siciliano di origine, mattatore di indole. Considerata la seconda più importante in centro si trova in un fondo del ‘400, temperata e predisposta alla conservazione. Firmata dall’architetto Marta Sansoni è nell’omonima via dei Bardi, sotto Costa San Giorgio. Circa 8.000 bottiglie da scoprire. Dai “Super Tuscans” (Sassicaia, Ornellaia, Solaia, Tignanello) ai “Brunelli” (Biondi Santi, Soldera, Poggio di Sotto) fino a etichette da terre apoco esplorate, dalla Nuova Zelanda alla Corsica.

LA GASTRONOMIA è curata da Steven Baldini: eccellenze del Casentino e rarità italiane e internazionali come il capocollo e il lardo di Mangalica, vera prelibatezza. Particolare anche la selezione di formaggi. Il pane è fatto in casa dallo specialista Michael Pellegrini in diverse versioni con farine particolari.

IN CUCINA CHEF PAOLO SECCI raccoglie queste anime e le esplicita in una proposta a 360 gradi tra mare e terra. Vista la stagione, il pesce ci ha fatto più gola, ma anche la carne merita attenzione. Tra gli antipasti tartare di storione bianco, bottarga di caviale e coste di bietole al wasabi e avocado e Tempura di scampi, spuma di patate e tartufo nero sono i nostri consigli. Da provare anche la tartara di reale di Fassona o un grande classico toscano: il cervello fritto. Un angolo speciale è per i crudi di pesce: assaggi di Sicilia con crostacei; Crudo con pesce e crostacei e Gran Plateau Royal.
Tra i primi Risotto Carnaroli invecchiato ai crostacei crudi di Sicilia e asparagi o Ravioli di rana pescatrice, cozze e lupini e bottarga di muggine. Ardua la scelta tra i secondi: Piccione d’Anjou ai fichi con millefoglie di patate e Fegato di vitella tostato al burro di nocciola con scalogni al cartoccio e indivia brasata, che sul fronte terra rubano la scena. Dal mare la scelta dalla vetrina ha sempre il suo fascino. In alternativa Filetto e guancia di baccalà Morro islandese al profumo di aneto con crumble di pinoli e scorza di limone e spinaci.
Una cucina raffinata e moderna che rispetta la tradizione in cui è immersa e la conduce per mano nel futuro.

GOLDEN VIEW
Via dei Bardi 58r – 055 214502 – da mer a dom pranzo e cena - www.goldenview.it

25Hours Hotel Florence: 8 settembre Opening Day

Apre mercoledì 8 settembre, all’inizio di Via del Palazzuolo, a due passi da Piazza SM Novella, nel dismesso immobile del Monte di Pietà, già Convento di San Paolino, 25HOURS HOTEL FLORENCE, un imponente albergo a tema ispirato alla Divina Commedia di Dante, che contiene ben 171 camere.

Curiosamente sono Dubai e Firenze le città in cui la 25hours Hotel Company – società fondata nel 2005 da Stephan Gerhard, Ardi Goldman, Christoph Hoffmann e Kai Hollmann, alleata dei francesi di AccorHotels – si appresta ad aprire. L’hotel fiorentino è il primo sul suolo italiano. Una scelta avviata ben prima dello scoppio della crisi e della pandemia, stimolata dal rilievo storico-artistico della città e dalla sua attrattiva internazionale. L’intervento è stato doppio: la riqualificazione del dismesso immobile del Monte di Pietà e la costruzione di un nuovo edificio, demolendo esistenti volumi. Il Progetto Architettonico è firmato da Genius Loci Architettura; gli interni sono invece disegnati da Paola Navone e ispirati alla divina Commedia dantesca. Il progetto ingloba la piazzetta antistante all’ex convento dell’XI secolo, comprende un grande cortile centrale e una family-room con piscina, una spa, una piccola palestra, una sauna, un ristorante e una bottega – bar.

Il cuore dell'hotel è il ristorante San Paolino sotto l'enorme cupola di vetro, una sorta di “giungla verde” fiore all’occhiello della designer Paola Navone. Attorno un verde cortile, un classico bar ed un tipico alimentari, bottega aperta al quartiere. In tavola moderna cucina italiana, con ispirazione dalle molte regioni del paese.

“Mangiare sotto la scenografica cupola di vetro. la più grande in un hotel cittadino – annunciano i proprietari - sarà un’esperienza unica: il “San Paolino“ si offre così come ottimo punto di ritrovo per ogni momento della giornata. E il Companion Bar accompagnerà gli ospiti dall'aperitivo ai drink a tarda notte e si candida a divenire uno dei protagonisti della vita notturna fiorentina”. Da scoprire anche la Bottega Alimentari: panini, snack, insalate, enoteca in collaborazione con il noto panificio S.Forno.
www.25hours-hotels.com/en/hotels/florence/piazza-san-paolino

Notti Stellate a Viareggio

Una Notte Stellata
Soggiorno al Grand Hotel Principe di Piemonte con esperienza gourmet al Ristorante Il Piccolo Principe 2 Stelle Michelin in Versilia.
Il pacchetto include:
    •    1 Pernottamento per 2 persone in una camera vista mare;
    •    Cena degustazione per due persone con 4 portate (acqua e caffè inclusi) by Chef Giuseppe Mancino presso il Ristorante Gourmet Il Piccolo Principe 2 Stelle Michelin, situato nella veranda al piano terra del Grand Hotel Principe di Piemonte con affaccio sul lungomare. Bevande non incluse;
    •    Prima colazione a buffet presso la sala colazione dell’hotel;
    •    Wi-Fi.
Validità: dal martedì al venerdì, dal 5 settembre al 8 ottobre 2022
 Prezzo totale per 2 persone: 650 euro. Prenota subito!


Settimana Stellata
Solo il martedì e il mercoledì fino al 5 ottobre 2022 è disponibile una cena stellata composta da 3 portate, dal dessert, da 1 calice di vino, acqua minerale e caffè al costo di 150 euro a persona.
La proposta è prenotabile dal sito del ristorante.

Il tutto nella raffinata location del Ristorante Gourmet Il Piccolo Principe 2 stelle Michelin, chef Giuseppe Mancino, nella suggestiva veranda dell’elegante Grand Hotel Principe di Piemonte a Viareggio, al piano terra, affacciata direttamente sul lungomare cittadino.
Accolti in ambienti intimi ed eleganti, si vive un’autentica esperienza gourmet avvolti da un’atmosfera rilassante e piacevole. La veranda è uno spazio ampio e luminoso, la location per antonomasia dell’alta cucina.
Ma anche un contesto dedicato all’arte dove si ammira l’installazione artistica Setole di Francesca Pasquali, con opere colorate realizzate utilizzando filamenti di spazzole sintetiche.


 
Una location di grande appeal a cui si affianca una cucina ricercata, creativa, sempre tesa alla ricerca dei sapori e con grande attenzione al dettaglio. Un percorso che passa inevitabilmente dalla scelta della materia prima, che predilige sempre l’eccellenza e il rispetto di alti standard di qualità e sostenibilità. È per questo che la maggior parte dei prodotti utilizzati nella cucina de Il Piccolo Principe provengono da un orto locale della “Biodinamica Mediterranea”, azienda familiare che adotta metodi di coltivazione all’avanguardia basati sulla biodinamica.
Il risultato è rappresentato da materie prime di alta qualità ottenute rispettando l’ambiente, senza l’utilizzo di sostanze chimiche.
L’esperienza “Settimana di Stelle” è disponibile in edizione limitata. Prenota subito!

Grand Hotel Principe di Piemonte - Piazza Giacomo Puccini, 1, 55049 Viareggio (LU)

Rixò: la cena è anche una festa

C’è la memoria di una stagione disincantata e scatenata nell’anima creativa di RIXO’, nuovo ristorante fresco d’inaugurazione a Prato. Non a caso nasce dalle ceneri della storica discoteca Tina Pika, ridisegnato con una penna molto riconoscibile, quella sempre affascinante nel mondo della nightlife dell’interior design Fabio Madiai.

Il nuovo locale, creato dagli imprenditori Andrea Guarducci e Massimo Martelli, è un dinner club che mette in piacevole sequenza l’aperitivo al banco dell’american bar, la cena alla carta nel grande open space, il dj set che cresce con il passare delle ore. Quindi un vero e proprio risto-night dove, va subito detto, la cucina non è in secondo piano come in tanti locali “cugini”. Al contrario, alla nostra prova, è risultata molto gustosa, piatti ben definiti, sapori intensi.

 


Tra gli antipasti spiccano lo sformato di carciofi morelli con coulis di pomodorini gialli e l’uovo pochè croccante su vellutata di cavolo nero: tra i primi abbiamo scelto i tortelli di patate al ragù bianco di chianina e salsiccia di Cinta, impeccabile! Vi tenteranno anche i tagliolini al tartufo, i ravioli ricotta e ortica, i paccheri alla crema di zucca arrostita… Gagliardo e intenso il petto di faraona in porchetta cotta a bassa temperatura con lardo di montagna alle erbe aromatiche, ma il pezzo forte sono i filetti, l’entrecotte, la bistecca dal forno josper, carni di ottima scelta, cotture esatte, gusto vibrante. Anche pizzeria, con alcune specialità gourmet. Discreta carta dei vini e dei cocktails.

Da ricordare l'anima green del progetto: compensare totalmente l'impatto ambientale del locale, partendo dall'utilizzo di energia 100% rinnovabile fino ad arrivare ad ottenere la certificazione dall’associazione Save the Planet, per la quale tutta la filiera di acquisto delle materie prime deve essere a CO2 compensata.
Ottimo esordio, avanti così!

RIXÒ RESTAURANT
Via Valentini 39 - 59100 Prato - 0574 727019, info@rixorestaurant.it - Orari: 19-02 - rixorestaurant.it/
Prezzi: antipasti e primi 13/16, secondi 20/25, dessert 6/7




Marzo al 25hours

Scenografico, ammaliante, avvolgente, sexy. Benvenuti nel suggestivo 25hours hotel, a due passi da Piazza SM Novella, già Convento di San Paolino, imponente albergo a tema ispirato alla Divina Commedia di Dante: 171 camere, ristorante, bottega alimentari, spazi per eventi, perfino sala biliardo! Alla guida Bart Spoorenberg, olandese di nascita ma fiorentino d’adozione da oltre 10 anni.

Uno stile eccentrico, firmato dalla designer Paola Navone, che combina tradizione vintage e contemporaneità ispirandosi al contrasto dantesco tra Inferno e Paradiso. Il ristorante si scopre subito nel cuore pulsante del palazzo, un’ampia “corte incantata verde”, coperta da uno spettacolare glass dome che riempie di luce la scenografica “selva”.
Lo chef è Nicola Schioppo, cuoco fiorentino di lungo corso. Una cucina che fonde l’anima tradizionale dello chef con quella internazionale. La carta dei vini è centrata sulla Toscana, con una ricerca mirata di produttori originali, vini naturali ed accessibili.

Da scoprire anche il Companion Cocktail Bar all’ingresso dell’hotel e la Bottega Alimentari con dehors sulla piazzetta per un rustico aperitivo. 


EVENTO SPECIALE

Martedì 28 marzo Cena di raccolta fondi in favore di Zia Caterina Taxi Milano 25 per il progetto Tana dei Supereroi: un luogo dove calore, gioco, leggerezza e ambienti ospitali fanno da cornice per sentirsi "a casa" pur essendo lontani da amici e parenti.

La cena richiede un contributo di 100 euro a persona, il menu a questo link.
Per info e prenotazioni: +39 055 29669 55 o restaurant.sanpaolino@25hours-hotels.com



SPECIALE APERICINEMA

Film, popcorn e cocktails per la rassegna Cinema Paradiso, ogni mercoledì - ma non solo - in Piazza San Paolino.

PROGRAMMA

Mercoledì 22 marzo "lo sono nata viaggiando" - documentarv by rish Brasch

Mercoledì 29 marzo "Little Miss Sunshine" bv Jonathan Davton, Valerie Faris

Giovedì 30 marzo (ore 21) Sequence Shot Film Festival - Animation Insider Edition by Graziano Staino

Mercoledì 5 aprile "La dolce vita" by Federico Fellini

Mercoledì 12 aprile Marco Cassini con Ilide Carmignani presenta "Salvo il crepuscolo" poemi di JULIO CORTAZAR.  Segue "Viva el Tango!" quattro musicisti e due ballerini si esibiscono nella Milonga Argentina con il Fabrizio Mocata Quartet

Mercoledì 19 aprile "Hit the road, Nonna" - documentario di Duccio Chiarini

Mercoledì 26 aprile Incontro con Vittoria Martinetto su "Il bacio della donna ragno" di MANUEL PUIG. Segue l'omonimo film di HECTOR BABENCO

Mercoledì 3 maggio "Rocketman" di Deyter Fletche

Mercoledì 10 maggio Veronica Raimo presenta "Le cattive" di Camila Sosa Villada, segue il film "Tengo miedo torero" di Rodrigo Sepulveda


Chic Dinner in Urban Jungle - La Grande Bellezza del Food | 25Hours Hotel - Recensione dicembre 2021

Scenografico, ammaliante, avvolgente, sexy. Benvenuti nella novità fiorentina del momento, il suggestivo 25hours hotel aperto da poche settimane all’inizio di Via del Palazzuolo, a due passi da Piazza SM Novella, nel dismesso immobile del Monte di Pietà, già Convento di San Paolino, un imponente albergo a tema ispirato alla Divina Commedia di Dante: 171 camere, ristorante, bottega alimentari, spazi per eventi, perfino sala biliardo! Alla guida di questa fantasmagorica “orchestra” il direttore generale, Bart Spoorenberg, olandese di nascita ma fiorentino d’adozione da oltre 10 anni.


Bart Spoorenberg

Uno stile eccentrico, firmato dalla designer Paola Navone, che combina tradizione vintage e contemporaneità ispirandosi al contrasto dantesco tra Inferno e Paradiso. Il ristorante si scopre subito nel cuore pulsante del palazzo, un’ampia “corte incantata verde”, coperta da uno spettacolare glass dome che riempie di luce la scenografica “selva”, realizzata con installazioni oversize di piante e vasi in cui si combinano, in una sensazione quasi immaginaria, il verde con l’artificiale. Tavoli di design e piani in breccia multicolor, privati o social, che scandiscono gli spazi. Cucina a vista che lavora a tutto campo: dalle colazioni ai light lunches, agli aperitivi fino alle cene sotto la scenografica volta a vetri.

Lo chef è Nicola Schioppo, cuoco fiorentino di lungo corso. La nostra cena si apre con un gustoso segato di carciofi e cavolo nero emulsionati all’olio crudo e pecorino di Pienza. Poi la Crema bruciata alla zucca gialla e parmigiano reggiano ha un esordio d’effetto, anche se si rivela un piatto molto ricco e carico, così gli gnocchetti di patata viola in fonduta di parmigiano e scaglie di tartufo nero, entrambi di forte intensità. Colpo di scena la superlativa bistecca che irrompe in tavola dal cuore della cucina, la griglia al carbone cheè il punto forte del ristorante. Circondata da pentolini in rame colmi di carciofi alla giudia, cime di rapa piccantina e patate arrosto, vale da sola l’esperienza. Consiglio dessert? La delizia al pistacchio con salsa d’arance amare: fresca e soave, ci voleva!

La carta dei vini, tuttora in progress, è centrata sulla Toscana, con una ricerca mirata di produttori originali, vini naturali ed accessibili.

Da scoprire anche il Companion Cocktail Bar all’ingresso dell’hotel e la Bottega Alimentari con dehors in arrivo sulla piazza per un rustico aperitivo.

Beh, in effetti 24 ore erano poche per viverlo pienamente, così si spiega il nome!

25HOURS HOTEL Florence
Piazza San Paolino - 055 296 6911 -
Sito web

Casa Barone: Un Bistrò-Boutique!

È il nuovo concept che si scopre in un angolo insolito di Sesto, un'oasi di design che desta stupore e curiosità. Grandi vetrate griffate col simbolo di Barone, una istituzione della pelletteria e moda fiorentina, che ha mantenuto alta la sua qualità e artigianalita' cogliendo le tendenze e i cambiamenti del settore. E chissà che questo loro nuovo concetto di locale non apra la strada ad un nuovo trend.

Nato nel pieno della pandemia da una chiacchierata tra Luciano Tisi e Massimo Romolini che hanno voluto unire le proprie esperienze in questo innovativo bistro-boutique. Dalle parole ai fatti. All'esterno una rigogliosa urban jungle: palme, banani, luci suggestive che scaldano l'atmosfera serale, spesso accompagnata da musica dal vivo. Un dehors glam accoglie con gusto lounge e da qui arriviamo all'interno dove pareti Savage Glam incorniciano il Bistrot che si fonde con la boutique. Nuova collezione e pezzi unici da osservare mentre si gusta un cocktail o o si cena. Anima non trascurabile del locale è la squadra, tutta al maschile: giovani bartender e camerieri dal gusto hipster, guidati dal timoniere Luciano, un sorriso che conquista per guidarvi tra selezioni di etichette e innovative mixology (un esempio? "cambio colore scelgo viola": gin - infuso di butterfly pea - sciroppo di zucchero – limone). Da provare.



Ma veniamo al pezzo forte, la cucina dello Chef Stefano Loardi. Mano d'artista e notevole tecnica, con gusto (moderato) dell’innovazione e passione per le cucine del mondo, da cui estrae ispirazione e creatività con materie prime eccellenti. Noi ci siamo affidati al “percorso al buio” dello Chef, spaziando dal salmone Glovlax scandinavo con barbabietola e yogurt al petto d'anatra con miele e lavanda agli spaghettoni con tartare di gambero blu e burrata; dai cappellacci su crema di riso allo zafferano ripieni di brasato a una rivisitazione del risotto alla milanese che conquista al primo boccone. Ed ancora tartare di fassona con nocciole, Carrè di cinghiale con coulis di Guinness e cece nero, e il Gado Gado di Tonno, trancio con arachidi, latte di cocco e mix di carote e cipollotto per un tuffo in Thailandia. Dulcis in fundo Barone's Gentleman, un sigaro di cioccolato con panna affumicata al whisky e vaniglia; o Namelaka, cremoso al cacao con frutti di bosco e riso soffiato.



Concept, atmosfera, gusto e la spensieratezza di un ambiente informale ma glam.

Giulia Maria Ricci

CASA BARONE
Sesto Fiorentino – via degli Olmi 65 – 055 0495968 – aperto 12:30 15:30 / 18 01 – sab 18-02 (chiuso dom) baronebistrot@baronefirenze.it

Stagione di Stelle al Castello Del Nero

Si annuncia una serata al top per la grande cucina toscana al ristorante La Torre, 1 Stella Michelin, di COMO Castello del Nero, lo splendido resort in una tenuta storica di 3 ettari nel cuore del Chianti. Una speciale cena a 4 mani con l'Executive Chef di casa Giovanni Luca Di Pirro e chef Gaetano Trovato del ristorante Arnolfo, 2 Stelle Michelin a Colle Val D'Elsa.

Nato in Sicilia ma toscano di adozione, Gaetano Trovato è dal 1982 il patron del celebre Arnolfo a Colle Val d’Elsa che proprio quest’anno ha cambiato casa con una nuova struttura costruita ex novo.

Questa è solo la prima di una serie di iniziative che lanceremo da aprile 2023. COMO Hotels and Resorts ha sempre messo al centro della sua proposta gastronomica per gli ospiti, la qualità dei prodotti, delle materie prime e il rapporto con il territorio. Siamo nel Chianti, cuore della Toscana, ed è quindi naturale raccontarne le eccellenze attraverso il cibo", annunica Edvaldo Brito, General Manager di COMO Castello del Nero.

La serata vuole essere un omaggio ai prodotti e alla cucina del nostro territorio in chiave contemporanea. Un’occasione per confrontarsi tra stimati colleghi divertendosi tra vecchi amici” ha commentato Giovanni Luca Di Pirro, Executive Chef di COMO Castello del Nero, alla guida de La Torre.

Tra i piatti che proposti in menù l’Astice blu con cime di rapa, crocchetta di ricotta del Mugello e caviale Asetra, firmato da Giovanni Luca di Pirro e Scampo, foies gras, passion fruit, firmato da Gaetano Trovato.



La serata è aperta anche agli ospiti esterni. Info e prenotazioni: 200 euro a persona, inclusi abbinamenti vino - 0550981946; latorre.castellodelnero@comohotels.com
Instagram e Facebook: @COMOCastelloDelNero

Come in Famiglia a San Rocco a Pilli

Spesso quando ci sediamo a tavola, in un nuovo ristorante, siamo incerti tra l’aver scelto bene o male. Mi piacerà questa cucina? Troverò conforto nel mio pasto? Per questo a molti piace tornare dove si sta bene. Si conosce il menù, si sa già cosa ordinare, nessuna sorpresa.

Ed è quello che è successo a noi quando siamo andati a trovare la famiglia Civale, che dopo anni alla trattoria da Ginone in via de’ Serragli ha deciso, con coraggio e intraprendenza di cambiare aria. Vicino a Siena, a San Rocco a Pilli, hanno trovato un nuovo attracco per la loro idea di cucina e di ristorante. Non senza fatica hanno assemblato una nuova squadra e si sono lanciati in questa avventura a capo chino.

Da Cristian ai Girasoli è il ristorante adiacente a un hotel immerso nel verde, ben posizionato per chi ha in programma una gita in quel territorio e per chi trova conforto nella nostra cucina. Si cena, durante la bella stagione, in una graziosa veranda con vista sui colli senesi, mentre per l’inverno ci aspetta una grande sala circondata da ampie finestre che garantiscono ottima luce e una notevole vista. Cristian Civale non ci sorprende, ritroviamo infatti le sue specialità, fatte di sapori nostrali e porzioni generose.


I pici alla Cristian, le pappardelle al ragù di Chianina, gnocchi fatti in casa con vongole e bottarga sono i primi più succosi. Tra i secondi il coscio d’anatra con patate e riduzione ai lamponi e vinsanto o la bistecca di capocollo di Cinta al Brunello con funghi. Capitolo a parte sui piatti di mare, ai quali qui dà notevole spazio: paccheri alla puttanesca di tonno, polpo piastrato con caponata in agrodolce, calamaro ripieno, tonno piccante al tartufo con fagiolini agli agrumi. Novità le pizze che vanno a completare un’offerta gastronomica a 360 gradi.

Già apprezzato e affollato dalla gente di zona è sicuramente una destinazione più che valida anche per festeggiare compleanni, occasioni speciali o cene aziendali.

DICEMBRE:

Menu Natale 45 euro a persona, bambini 30 euro
Sabato 31 Cenone con menù di carne e pesce (70 euro a persona, vini esclusi, bambini 20 euro)

DA CRISTIAN AI GIRASOLI
via Grossetana 170, San Rocco a Pilli (SI) – 0577 1503090 – infoaigirasoli@gmail.com



Pratellino di Eventi

Un buon mix tra moderno e tradizionale. Colpisce l’originalità e l’audacia del menù: piatti della tradizione, quella spesso dimenticata. Con spazio per tutti i gusti, dal mare alla terra, fino al vegetariano.

Da gennaio nuove opere esposte nel locale, quelle di Vito Giarrizzo. Vernissage Sabato 14 gennaio all’ora di pranzo.

Domenica 29 gennaio Italia Enogastronomica: il pranzo della domenica con protagonista una regione italiana. Appuntamento con il cibo e i vini della Basilicata.

Sul nostro E-STORE 1 cena a condizioni specialissime

OSTERIA PRATELLINO
Via del Pratellino 44r – 055 0203832 – aperto pranzo e cena, chiuso lun e dom a cena

RECENSIONE OTTOBRE 2022 - Osteria Pratellino: riscoprire la Tradizione

Al Pratellino si è accolti con gentilezza in un ambiente confortevole e, diremo, pacifico. Il bianco domina pareti, soffitto e risplende anche sui tavoli. Un buon mix tra moderno e tradizionale. Ad arricchire le sale si alternano esposizioni artistiche temporanee che vivacizzano l’ambiente.

Colpisce l’originalità e l’audacia del menù che propone piatti sì della tradizione, ma di quella troppo spesso dimenticata. Con spazio per tutti i gusti dal mare alla terra, fino al vegetariano. Un bel mix presentato ed eseguito al meglio dai due chef: Matteo Caccavo, originario del Mugello e Wendy Ulacia da Cuba. In sala Francesco dialoga con i commensali con l’esperienza e il garbo di chi conosce questo mestiere da una vita e sul quale ne ha anche costruita una.


Qui trovano spazio i tagli di carne meno comuni, ma non per questo meno validi, e anche sul pesce la direzione è la stessa. In primo piano i prodotti regionali con materie prime da filiere certificate, a Km0, Presidi Slowfood e da agricolture biologiche. Piatti ispirati da antiche ricette tradizionali realizzati con moderne tecniche di cottura e presentazioni contemporanee che emozionano i palati e scaldano i cuori.

A pranzo diverse formule che vanno incontro all’esigenze tipiche di questo orario. Il menù tende a variare secondo disponibilità giornaliera di prodotti freschi e stagionali. Inoltre la domenica a pranzo eventi speciali dedicati alle regioni italiane con menù fisso in abbinamento ai vini della regione protagonista.



I PIATTI DA PROVARE
1.    Mattonella di lesso di Chianina con giardiniera, salsa verde e salsa piccante fatta in casa
2.    Collo di gallina ripieno con salsa verde e maionese fatte in casa
3.    Paccheri di fave etrusche bio, riso nero e spirulina con ragù di pesce
4.    Gnocchi di patate artigianali al ragù bianco di faraona
5.    Fagiano in umido con purè di patate
6.    Spicchi di zucca arrosto con passato di carote allo zenzero e cavolo verza saltato all’aceto
7.    Frittura di pesce d’acqua dolce e verdure di stagione con maionese fatta in casa

Veg, We L’OV

Verdeggiante, allegra, colorata, avvolgente. Bella si, decisamente. L’Osteria Vegetariana (L’OV) può essere a giusto titolo considerata la regina di quella riserva indiana della ristorazione che è la cucina veg in città e non solo. Per l’ambiente, davvero incantevole; per la cucina, che si sottrae con ironia e mestiere alle proposte più ridotte del genere per sconfinare qua e là con creatività non banale in proposte di notevole gusto.

Nella Piazza del Carmine svuotata di molta vida - tanti ricorderanno le vibranti notti del Dolce Vita - restituita ad una quiete silente, le piante verdeggianti e i bagliori colorati dell’Osteria Vegetariana raccolgono con discrezione il testimone acciaccato della Firenze più innovativa. Non è un caso che il locale sia un’invenzione di Simone Bernacchioni, già enfant prodige della nightlife fiorentina (creatore di Angel, Doris, Colle Bereto, Quinoa – raramente ha sbagliato un colpo) che con guizzi di intelligenza ha saputo individuare una strada audace, seducente e convinta per affermare il successo della ristorazione vegetariana in città. Il locale è spesso sempre pieno, ci vanno molto i fiorentini, soprattutto le fiorentine!

Menù estroso per vegetariani, ma anche vegani e intolleranti al glutine. Piatti ben curati nella presentazione, si ispirano alla cucina regionale e a quella etnica, con esiti ottimi. Tra i partner fornitori spiccano i prodotti e i formaggi della Fattoria Triboli (Impruneta, motto “In Olive We Trust”!). Lo chef è il bravo Danilo Dispoto, dalla fondazione ai fornelli de L’OV. Carta dei vini un pochino ristretta, consigliabile arricchirla! Prezzi ottimi: antipasti 12, primi 14, secondi 18 , dessert 6.



LE SPECIALITA’ CHE DOVETE PROVARE i nostri piatti cult di questa osteria:

Millefoglie di pane croccante, fagioli piattellini, cavolo nero e EVO della Fattoria Triboli
Sushi Sano Sushi Vegetariano & Sashimi
Formaggi Camembert vegani con mostarda di frutta
Ceviche di avocado

Vellutata di carote e zenzero con tortellini ripieni con tofu, capperi e pomodori secchi
Chitarra di pasta fresca al tartufo nero
Lasagne di verza e patate alle erbe aromatiche e formaggio
Riso “Vialone Nano” su funghi gallinacci
Ravioli di magro al burro, salvia e Parmigiano Caseificio Verde

Parmigiana melanzane
“Salsicce” di riduzione di vino Montepulciano e purè alle castagne
Tempura mista di verduire con salsa ratara
“Filetti” al pepe verde con patate al rosmarino

Sefardita di mandorle e arancia con crema yogurt
Mousse ai frutti rossi con crumble
Crema catalana vaniglia
Cheese cake ai frutti di bosco

L’Osteria Vegetariana - Piazza del Carmine 4r, Firenze - 055 2052388 – aperto a cena (chiuso dom) - info@osteriavegetariana.it - www.osteriavegetariana.it

L’ORA del Veg

In via San Zanobi angolo via delle Ruote, abbiamo scoperto questo vivace locale dall’anima veg. Una piacevole sosta di gusto per superare l’idea che in un ristorante vegetariano/vegano non si possa godere di piatti gustosi e riempirsi lo stomaco!

Accoglienza calorosa grazie ad Alcide, responsabile di sala e nel settore da tempo. Arredi gradevoli, pareti con murales colorati, pavimento e sedute sobrie. Tavoli in legno che riprendono il parquet, sedute di design in velluto e comodi divanetti. Si può venire sia in coppia che in gruppi, il mood è quello del locale adatto per ogni occasione. Tre ambienti: uno all’ingresso con tavolo comune, la sala principale e una più appartata per un totale di 40/45 coperti. In cucina chef Diego Babboni che ha trovato qui il posto giusto per sviluppare la sua vocazione di Healty Food Chef.

La proprietaria Rossella Bartolozzi è la CFO di Probios, azienda fiorentina leader nel settore bio alimentare. Ha fortemente voluto creare questo ristorante dove poter proseguire la sua mission: educare le persone ad una alimentazione sana e sostenibile, senza rinunciare al gusto. Va da sé che le materie prime sono fornite principalmente proprio da Probios. Un bel biglietto da visita. Il resto ce lo mette lo chef con le sue contaminazioni, in un menù che incuriosisce e stimola da una parte e rassicura dall’altra.


La filosofia bioveg incontra quella fusion e dà vita a piatti di gusto e sostanza. La creatività non manca e si rivela sia nei piatti più elaborati che in quelli più semplici. La filosofia bioveg però non è solo sul cibo, ma in generale su tutti i prodotti che passano dal locale come ad esempio i detersivi, complementi di arredo ecc. Da segnalare anche la vivace attività con eventi speciali che ogni mese portano musica dal vivo e menù degustazione.

Visto il periodo ci preme sottolineare la ricca varietà di soluzioni per cene aziendali, di gruppo, in famiglia o con amici con 4 menù che vanno incontro a diverse esigenze di prezzo e portate.

La carta dei vini, curata da Alcide, tiene conto dell’identità del ristorante con etichette insolite ma non per questo meno valide.

Prezzi: antipasti da 9 a 18 euro, primi da 9 a 14 euro, secondi da 13 a 16 euro, dolci 6/7 euro.



PIATTI DA PROVARE:
1 Pan Bao caldo con verdure fresche
2 Flan di rape rosse con crema di radici e ceci croccanti
3 Maccheroni di grani antichi all’uovo mantecati al ramen con burratina erborinata e pera alla curcuma
4 Agnolotti di farina di castagne e ricotta del pastore della Calvana con erbette, fumghi e melograno
5 Sedano rapa cotto a bassa temperatura con miele e paprika, verdure fondenti e fumghi saltati
6 Tondo Doni di Michelangelo con salsa alla senape al miele e purea di cavolo
7 Mousse al cioccolato bianco con crumble al cioccolato fondente

ORA
via S. Zanobi 126r – 055 4633414 - tutti i giorni a cena, chiuso dom – orafirenze.it – ph credit Filippo Mugnaini (filippomugnaini.com)

Un Borgo Antico in Santo Spirito

Un locale storico, una piazza iconica, un binomio vincente. A Firenze in Piazza Santo Spirito il Borgo Antico è un’istituzione, basti pensare che in questi locali da sempre si è servito cibo. Un punto di riferimento che da oltre 30 anni serve ricette consolidate tra comfort food della tradizione e pizze. Questa storia si percepisce appena si entra, anima forte e in continua crescita. E’ dal 1990 però che la gestione attuale ne ha preso il controllo, rappresentata oggi dal sempre presente e fiorentino DOC Andrea Melani.

Qual è il segreto del vostro successo?
Costanza, location, qualità e essere sempre al passo con i tempi.

Piazza Santo Spirito è da sempre al centro dell’attenzione. Com’è cambiata negli ultimi anni la situazione?
In meglio, rispetto a prima, tra spacciatori, tossici e risse. Oggi bella gente, belle ragazze… soprattutto grazie alla continuità dei locali come il nostro e alla costante ricerca di qualità in ogni aspetto.

In tutti questi anni al timone di Borgo Antico quali sono i cambiamenti che hai notato nel vostro pubblico?
Prima di tutto generazionale, c’erano nonni e i genitori, oggi i nipoti che sono magari più inclini verso piatti come il crudo di pesce o la tartare di manzo, prima erano contenti con uno spaghetto alle vongole! Questa cosa viene dietro anche ad un altro aspetto, ovvero il divertimento a tavola. Oggi i ragazzi cercano festa anche in un ristorante: musica, canti e balli fanno parte delle nostre serate, lontani dalle proposte gourmet di infinite portate che alle volte risultano forse noiose…

Un aneddoto, uno sketch o qualcosa di particolare che ti è capitato di vedere durante il lavoro.
Vi racconto quello che diciamo sempre a tutti: se siete stati bene ditelo a tutto il mondo, se siete stati male ditelo a noi così potremo rimediare e magari non commettere gli stessi errori.

Il vostro “piatto forte”, la vostra “specialità”…
La Fiorentina ce la giochiamo con tutti, c’è un’attenzione particolare ad arrivare al 26esimo, 27esimo giorno di frollatura e ogni giorno tenerla in rotazione. Secondo me, ma soprattutto secondo i nostri clienti, abbiamo la migliore Fiorentina a Firenze. Poi Pici alla Carbonara con tartufo: poco uovo e poca pancetta ma tanto tartufo, e anche l’antipasto di mare caldo.

Facci venire l’acquolina in bocca con i piatti salienti del menù di stagione.
Avocado toast con stracciatella e semi di zucca; aringa con i ceci; vellutata di zucca; tagliata di carciofi.

La Vostra cucina spiegata con poche parole semplici a chi ancora non vi conosce…
Tradizionale toscana ma rivista con un tocco internazionale. Ad esempio l’avocado adesso è presente in insalate e antipasti. Cerchiamo di avere un equilibrio tra quelle che sono le nostre radici e quello che è anche il gusto e le abitudini di parte del nostro pubblico.

Un ingrediente o un piatto sopravvalutato?
Il sushi e il crudo di pesce.

Un ingrediente o un piatto sottovalutato?
Aringhe, acciughe.

Firenze e provincia a tavola? Un parere sulla nostra ristorazione…
Abbiamo tantissimi colleghi di alto livello con cui io mi relaziono e da cui prendo consigli e ne do. A Firenze ci sono 20/25 locali storici che continuano con costanza e passione, vedo però anche tanta emergenza, disturbatori di mercato, che poi fanno un po’ male a tutti perché dall’apertura alla chiusura spesso passano appena sei mesi, che però bastano a non pagare il fornitore, creano confusione e allungano il giro. Non voglio dire che debba essere una lobby chiusa, ma mi pare che ora si sia sconfinato. In questo mestiere c’è amore, passione, fatica e poi forse dopo vengono i guadagni. Spesso alcuni pensano al contrario.

BORGO ANTICO

Piazza Santo Spirito 6r – 055 210437 o WhatsApp 328 8424301 – aperto tutti i giorni dalle 11 alle 1 – borgoanticofirenze.com



RECENSIONE GENNAIO 2023

Un locale storico, una piazza iconica, un binomio vincente. A Firenze in Piazza Santo Spirito il Borgo Antico è un’istituzione, basti pensare che in questi locali da sempre si è servito cibo. E’ dal 1990 però che la gestione attuale ne ha preso il controllo, rappresentata oggi dal sempre presente e fiorentino DOC Andrea Melani.

Un punto di riferimento che da oltre 30 anni serve ricette consolidate tra comfort food della tradizione e pizze. Questa storia si percepisce appena si entra, siamo in uno di quei locali dall’anima forte e in continua crescita. Gli ambienti sono dominati da tonalità scure che avvolgono e luci soffuse che creano intimità. Tre sale: all’ingresso, laterale e una saletta interna. Il main stage però è in piazza con i tanti tavolini affacciati sulla chiesa. Qui, soprattutto durante la bella stagione, pulsa il cuore del locale. Considerando la posizione ci si trova immersi in un pubblico straniero ma non solo. E’ infatti anche punto di ritrovo e di riferimento per molti fiorentini, un porto sicuro dove riassaporare la tradizione in un contesto vivo e vivace. Un bel mix.

La cucina ha da tempo consolidato un certo standard e come si dice spesso in termini sportivi, squadra che vince non si cambia. Alla guida Marco Cabras e Olmo Gozzi che ogni 3-4 mesi apportano modifiche a una carta di piatti extra con ricette che seguono l’alternarsi delle stagioni. Uno dei punti di forza, e al tempo stesso una caratteristica unica, è l’orario continuato dalle 11 alle 1, sette giorni su sette. Un’indicazione ulteriore di come al Borgo Antico abbiano sposato quell’idea di locale internazionale, sempre aperto. Identità che si concretizza anche nel dopo cena visto che qui si viene anche per un cocktail.

Un locale che è rimasto negli anni fedele a sè stesso e alla vera anima di Firenze: accogliente, divertente. I piedi piantati in terra e lo spirito tendente al cielo.



I PIATTI DA PROVARE
Antipasto di Mare Caldo
Linguine alle Vongole veraci nostrali
Risotto con scamorza e zucchine
Pici alla carbonara con tartufo
Gnocchetti con gamberi, pesto di pistacchio e stracciatella di bufala
Bistecca alla fiorentina
Hamburger imperiale
Pizza bianca con gorgonzola, noci e composta di fichi
Pizza rossa con a crudo burrata al tartufo e prosciutto di Parma
Cheese Cake, ricetta segreta del Borgo

BORGO ANTICO
Piazza Santo Spirito 6r – 055 210437 o WhatsApp 328 8424301 – aperto tutti i giorni dalle 11 alle 1 – borgoanticofirenze.com

San Valentino sul... LUNGARNO

Caffe’ dell’Oro
Caffè Italiano contemporaneo che vanta una posizione davvero privilegiata, con vista in prima linea su Ponte Vecchio, da godere nelle belle giornate anche dai suoi sette salotti esterni. Il menu offre una doppia anima per accontentare gli amanti della tradizione, così come i gusti più internazionali: da non perdere il Fusilloro con zafferano e gamberi rosa, oppure la tartare di avocado o l’ormai iconico Tiramisù toscano….la vista meravigliosa è offerta dalla casa. 

Per San Valentino con un menu di delizie esclusivo firmato dallo chef Antonio Minichiello
Lungarno degli Acciaiuoli, 2P – 055 2726 8912 – WA 342 1234 710 - tutti i giorni dalle 7 alle 24 - oro@lungarnocollection.com – www.caffedelloro.com - prezzi €€€

Picteau Bistrot & Bar
Il COCKTAIL BAR con la carta creata da talentuosi giovani barman, si affianca al BISTROT con un nuovo menu firmata dallo stellato Claudio Mengoni. La proposta spazia dalle proposte più golose (ottimi i teaser di pizza gourmet o il Picteau signature burger) fino ai più classici piatti della cucina mediterranea (gnocchi al limone, rombo, broccoli e bottarga o la parmigiana di melanzane, davvero ottimi!). Pochi tavoli (sia interni, che esterni), con prenotazione obbligatoria, per godere di una vista unica in prima linea su Ponte Vecchio con affaccio diretto sull’Arno, proprio come se si fosse su una barca. 

Per San Valentino una proposta speciale a la carte dedicata agli innomarati!
Borgo San Jacopo, 14 – 055 27264996- WA 342 1234 710 - tutti i giorni dalle 7 alle 24 - picteau@lungarnocollection.com - www.lungarnocollection.com  - €€€

Osteria Caorlotta: Mare Nostrum

Veneto e Toscana: si potrebbe dire che hanno poco in comune, a parte il linguaggio schietto e colorito. Una cucina di mare contro una radicata nella terra, vino rosso e vino bianco, Spritz contro Negroni. Tante differenze che però, in entrambi i casi, si fondono nella stessa passione e orgoglio di appartenenza. Pietro Benvenuti e Alika Antoniolli sono una giovane coppia che da Caorle, piccola città di villeggiatura sull’Adriatico a mezz’ora di auto da Venezia, si sono trasferiti nella culla del Rinascimento, in riva d’Arno, su Lungarno Vespucci. E’ qui che hanno ritrovato un qualcosa che potesse ricordare loro il mare. A Firenze c’è l’Arno, non proprio la stessa cosa, ma una posizione felice per cimentarsi nella cucina di pesce. E’ così che nasce l’Osteria Caorlotta.

Ma lasciamo che sia Pietro stesso a raccontarcelo…

Da Caorle a Firenze, cosa vi ha spinti in riva d’Arno?
Firenze è una città meravigliosa che ci ha conquistati tre anni fa quando siamo venuti in vacanza. Poi abbiamo pensato di trasferirci qua ma non solo noi, persone fisiche, ma anche un po' della nostra tradizione ed ecco l’idea!! Portare un po' di Caorle a Firenze.

La Vostra cucina spiegata con poche parole semplici a chi non vi conosce…
Freschezza, qualità e passione sono le tre parole che permettono di identificare la nostra cucina. In seconda battuta diciamo che la nostra è una cucina semplice.

Il vostro “piatto forte”, la vostra “specialità”…
Il pescato fresco dal nostro meraviglioso mare.

La pietanza che preferisci lavorare.
Il tonno rosso è uno dei miei pesci preferiti, soprattutto per le carni molto versatili, per tutti i gusti, non si butta nulla.

Il vostro piatto più difficile da realizzare, ma di maggior soddisfazione.
Nessun piatto è difficile se fatto con passione e impegno.

Un ingrediente o un piatto sopravvalutato?
Non c'è alcun ingrediente che è sopravvalutato ma tutti sono ottimi purché si sappiamo curare, mantenere e lavorare.

Un ingrediente o un piatto sottovalutato?
Le “sarde in saor” un piatto per la nostra cucina importante, ma purtroppo sottovalutato.

A cena con un buon vino.
Abbiamo una cantina vasta su quasi tutto il territorio nazionale, in più ci piace dare spazio anche all’estero, troppe volte sottovalutato.

In breve, facci venire l’acquolina in bocca, raccontandoci i piatti salienti del menù di questa stagione.
Si parte tra un po' con le mitiche Moeche tipiche della nostra tradizione, moscardini, seppioline alla griglia, canestrelli, insomma un po’ di tutto di quello che ci offre il nostro meraviglioso mare.

A cena a Firenze in un altro ristorante… Chi?
Se vado qui a Firenze vado sicuramente “Da Ginone” cucina tipica Toscana, come una volta.

A cena in Toscana in un altro ristorante… Chi?
Ce ne sono tanti ma il mio preferito è la “La Cantinetta di Rignana” carni eccezionali cotte sulla brace viva.

OSTERIA CAORLOTTA
Lungarno Amerigo Vespucci 34r – 345 1691689 o 328 5893043 – da mar a dom pranzo e cena (chiuso lun) prezzi €€


Caorle val bene una Cena. Novità su Lungarno Vespucci - RECENSIONE FEBBRAIO 2023

Veneto e Toscana, qualcuno potrebbe dire che hanno poco in comune, a parte il linguaggio schietto e colorito. Una cucina di mare contro una radicata nella terra, vino rosso e vino bianco, Spritz contro Negroni. Tante differenze che però, in entrambi i casi, si fondono nella stessa passione e nello stesso orgoglio di appartenenza.

Pietro Benvenuti e Alika Antoniolli sono una giovane coppia che da Caorle, piccola città di villeggiatura sull’Adriatico a mezz’ora di auto da Venezia, si sono da poco trasferiti nella culla del Rinascimento, in riva d’Arno, su Lungarno Vespucci. E’ qui che hanno ritrovato un qualcosa che potesse ricordare loro il mare. A Firenze c’è l’Arno, non proprio la stessa cosa, ma una posizione felice per cimentarsi nella cucina di pesce. L’obiettivo di Pietro e Alika è quello infatti di portare in città, con Caorlotta, un po’ della loro storia e tradizione.

Caorle è oggi una cittadina di vacanza, ma in passato e tutt’ora, è meta e casa di tanti pescatori. Nei piatti, ci assicurano, mangiamo il pescato fresco che arriva proprio da lì. Il locale è intimo e grazioso, merito anche degli affreschi che ornano le pareti con allegorie e scene classiche. Sviluppato su due piani mette a sedere a una trentina di persone all’interno, più una dozzina all’esterno nella bella stagione. Pietro, che opera in cucina, ha in mente per Firenze una proposta più moderna. Non vuole essere “gourmet”, però nella forma accompagna il commensale in un viaggio, nella tradizione di Caorle, servendosi di una mano più delicata e di un impiattamento più elegante rispetto a quello tipico delle osterie venete. Alika, si muove in sala, guidando gli ospiti con consigli e accorgimenti sempre graditi.

Una bella storia d’amore che sentiamo pronta per questa prova. Una cucina dai sapori forti, coraggiosa e buona. Un locale che ci sentiamo di consigliare per una cena romantica, ma anche per una bella rimpatriata tra amici magari ricordando scorribande estive su lungomari lontani dagli occhi, ma vicini al cuore.



PIATTI DA PROVARE
Cruditè
Cappasanta alla griglia
Le canoce, canocchie
Sardine in saor con polenta croccante
Tagliolino di pasta fresca con ragù di orata, dressing agli agrumi e panure
Gnocchetti freschi di patate con cappesante, estratto di mela verde e noci pecan
Il nostro pescato alla griglia o al forno
Brodetto di seppie nostrane
Seppioline dell’Alto Adriatico alla griglia

Endo o Eso? Questa è la scelta!

Dopo una breve pausa invernale riapre i battenti martedì 7 marzo il delizioso Relais Le Jardin Restaurant Firenze di Hotel Regency in piazza d’Azeglio affidato da pochi mesi ad un nuovo chef, Claudio Lopopolo.

Il locale si ripresenta con una doppia, accattivante proposta: i menù Endo e Eso. “Endo – ci spiega Claudio -verso l'interno, il mio mondo, i ricordi di bambino e le impressioni che portiamo dentro sin da che si ha memoria dei primi sapori. Il gusto della terra da cui provengo, il rumore del mare, le cucine dove ho imparato. La capacità di sentire un ingrediente al tatto”.

“Eso, verso l'esterno, oltre i confini della ragione, con la fantasia. La mia cucina libera di esprimersi verso il mondo, che ho conosciuto nelle esperienze all'estero e con l'occhio sempre rivolto a nuove sperimentazioni culinarie. Un menù senza centro, in movimento, in un viaggio”.
La ripartenza conta anche su un ambiente totalmente rinnovato, dall’interno al giardino. La sala Veranda, con la sua eleganza primi ‘900 accoglie in un’intima atmosfera. L’Urban Garden, anch’esso rimesso a nuovo, con i suoi limoni e la fontana al centro ospita per tutta la stagione primavera-estate le cene e intriganti serate per  tutti i fiorentini.


I due menù sono un percorso che segue le origini e le esperienze professionali dello chef, dal Sud Italia fino all’Australia, passando da Montalcino. Nei piatti un fil rouge di visioni e una ricerca verso l’orizzonte del gusto contemporaneo, senza dimenticare l’equilibrio, vera matrice dei suoi piatti.
Molto apprezzabile la carta dei vini, una selezione di etichette da tutta Italia, con attenzione particolare ai rossi di Toscana, curata dal Maître Paolo Mercurio.

PIATTI DA PROVARE DAL NUOVO MENÙ
antipasti
Lingua di vitello con ostriche gillardeau ,salsa alla salicornia,e chips di cipollotto
Astice, maionese al lime, lattuga liquida e polvere di olive taggiasche
Uovo croccante, mousse di pecorino di pienza , spinaci saltati e tartufo nero pregiato
primi
Bottoni al cacao ripieno di cinghiale, con fonduta al parmigiano reggiano 24 mesi, aria di zafferano e
fondo di cinghiale
Risotto Margherita
Tagliolini all’ olio con ristretto di cacciucco di pesce, ricci di mare, caviale e crema di mozzarella di
bufala
secondi
Petto e coscia di piccione, con carota alla vaniglia, foie gras e gel di cioccolato aromatico
Filetto di triglia ripiena di scampi, latte di cocco, agretti al limone e ravanelli marinati all’arancia
Pancia di maiale CBT chutney di mela, sedano rapa , e barbabietola


RELAIS LE JARDIN RESTAURANT
Piazza M. D’Azeglio, 3 - 50121 Firenze - 055 245247 – aperto da mar a sab ore 19-22 - menù dalla carta gourmet o degustazione Endo (6 portate) e Eso (9) - info@regency-hotel.com - prezzi alla carta a partire da 80 euro - Menù Endo 4 portate 78 euro -menù Eso 7 portate 105 euro

site map