Cerca

Risultati per: toscana


Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Vinci, riapre il Museo Leonardiano

Per queste prime settimane, l'accesso al pubblico è consentito solo il venerdì, sabato e domenica, con orario 9.30-19, mentre la Casa natale di Leonardo ad Anchiano è aperta tutti i giorni con orario 10-19.

La riapertura è stata possibile grazie all'impegno dell'Amministrazione comunale che in queste settimane si è adoperata per dotare i locali museali di tutti i dispositivi necessari a garantire la visita in sicurezza.

Per quanto riguarda la mostra “Leonardo e la pittura” alla Villa del Ferrale, il Comune di Vinci conta di riaprirla nel mese di giugno.

Volterra, che Gusto!

Volterragusto torna sabato 23, domenica 24 e da sabato 30 ottobre a lunedì 1 novembre con un’edizione speciale da vivere in serenità e in sicurezza per recuperare il tempo perso in questi due anni. La storica manifestazione, allestita tra Piazza dei Priori, Le Logge di Palazzo Pretorio, la saletta di via Turazza e le cantine di Palazzo Viti, celebra sua maestà il tartufo bianco e i suoi fratelli: formaggi, vino, confetture dolci, cioccolato e molti altri.



Due fine settimana in cui il motto è “Il cibo è cultura”. Una verità che qui, a Volterra, è più che evidente grazie al grande patrimonio storico, architettonico e paesaggistico che va ad unirsi a quello enogastronomico.

Tante iniziative in giro per il centro storico e occasioni per scoprire chicche nascoste. Ad esempio la visita guidata alle Saline di Volterra o quella alla tartufaia di San Quirico per non parlare della classica passeggiata Di vigna in vigna tra i vigneti della zona. Altri momenti da non perdere sono l’esibizione del Gruppo Storico Sbandieratori e Musici Città di Volterra in Piazza de’ Priori, le iniziative all’interno del Palazzo dei Priori La degustazione del vino nell’epoca dei social media guidate da Simona Geri (Sommelier AIS e comunicatore social) e Carlotta Salvini (miglior sommelier Fisar 2019) e “Bio e sostenibilità talk con Roberto Cipresso Winemaker seguito da degustazione con Sara Cintelli.
Poi le mostre dedicate al tartufo e il bookshop tematico Cibo per la Mente all'interno dell'affascinante storica Libreria de l'Araldo.
Last but not least il Premio Jarro, uno dei momenti più attesi della manifestazione, riconoscimento destinato a chi in ambito professionale si sia distinto nella divulgazione della cultura della buona tavola. A ritirarlo domenica 31 ottobre il giornalista e scrittore Fabio Francione curatore della nuova edizione de La Scienza in cucina e l’Arte di mangiar bene di Pellegrino Artusi.



Volterra - 0588 86099 - ingresso gratuito - sabato dalle 15 alle 20, tutti gli altri giorni dalle 10 alle 20 - www.volterragusto.com

Verso l'estate: Isola d'Elba, un mare di ... animali

Un’antica leggenda narra che quando la Venere Tirrenica nacque dagli abissi marini, la collana di perle che portava al collo si ruppe e le gemme, spargendosi nel mare, diedero vita alle isole dell’Arcipelago Toscano e tra queste all’Isola d’Elba.
Oggi, l’Elba è il cuore del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, un’area protetta che si estende per circa 180 kmq, e della Riserva della Biosfera MaB UNESCO, un prestigioso programma dedicato alle risorse della biosfera e alla tutela delle riserve naturali.

Qui, tra i profumi della macchia mediterranea, l’Elba ospita una vivace e originale varietà di fauna selvatica: dai fenicotteri ai fieri rapaci, come il falco pellegrino, alle operose api; dalla piccola lucertola muraiola, endemica dell’Elba, alle colorate farfalle.
Proprio queste creature affascinanti sono ospiti e protagoniste del Santuario delle farfalle, creato in una zona nei pressi del Monte Capanne. Un sentiero tematico che racconta la vita delle farfalle, un mondo magico dove prati e zone rocciose si animano tra lo sbattere di ali della Lycaeides villai e della Coenonympha elbana, due specie endemiche delle isole toscane. Un luogo dove fragili e splendidi esemplari si incontrano, definito “santuario” per la sua sacralità, che costituisce un ambiente ideale per la vita di queste farfalle uniche e dove è stata registrata la presenza di oltre 50 specie, alcune molto particolari e diverse rispetto a quelle presenti nelle zone vicine.
Tra le più incredibili la vistosa Cleopatra dai colori sgargianti, la Tecla della quercia dalle ali blu scuro, le variopinte ed eleganti Giasone, Podalirio e Macaone. Inoltre, è stata osservata la Vanessa multicolore, che non si registrava all'Elba dal 1916 e veniva ormai considerata estinta! Nel 2019, grazie al lavoro di un gruppo di ricercatori, Legambiente, Parco Nazionale e l’associazione culturale le Macinelle, è stata inaugurata una nuova area del Santuario delle farfalle: l’Oasi della farfalla di San Piero, l’unica area al mondo dove vive la rara farfalla di San Piero, grazie alla presenza delle piante nutrici, le Aristolochie.

Continuando a volare tra la natura dell’Elba, si arriva anche all’Orto dei semplici dell’Eremo di Santa Caterina, in cui “l’uomo che sussurra alle api” – Roberto Ballini, classe 1944, ex ciclista professionista – si prende cura delle arnie. Negli anni Ballini ha sviluppato un sistema di comunicazione con i preziosi impollinatori che distinguono due differenti frequenze sonore. Attraverso queste modulazioni di voce riesce a dialogare con loro impartendo semplici indicazioni, in armonia con l’incredibile biodiversità dell’Orto dei Semplici, un luogo quasi mistico e di grande essenzialità che conserva esemplari di piante autoctone dell’isola, tra cui anche sei varietà rare di frutti originari dell’Elba, come il Pero Angelica dell’Elba o il Pesco Sanguigno settembrino dell'Elba.

L’ambiente marino dell’Isola, incontaminato e attraversato da correnti ricche di cibo, ospita una sorprendente varietà di forme di vita. Già dalla riva si possono scorgere i primi pesciolini e poi, nuotando al largo con la maschera, si possono ammirare praterie di posidonie, triglie di scoglio e castagnole; polpi sinuosi e cavallucci marini; rombi e barracuda; pesci luna, gorgonie e aragoste. Ma i protagonisti del mare sono i cetacei, come le stenelle e i tursiopi, che spesso vengono avvistati intorno all'isola e che con un po’ di fortuna è possibile ammirare anche da vicino durante piacevoli escursioni in barca.

L’Elba è anche un punto di riferimento per gli appassionati di birdwatching grazie alla ricchissima avifauna costituita da uccelli stanziali e migratori. Tra gli ambienti più ricchi di vita si segnalano: capo d'Enfola, dove le scogliere offrono un riparo agli uccelli e sono perfette per ospitare i nidi del Gabbiano Reale; il Monte Capanne e il Monte Serra, luoghi ideali per osservare il volo sontuoso dei rapaci. Tra quelli che nidificano sull'isola è d’obbligo segnalare il più veloce predatore alato, il falco pellegrino, ma si possono trovare anche il barbagianni, il gheppio, il gufo comune e la poiana. Di grande richiamo sono le colonie di berta maggiore e minore e di gabbiano corso. A testimonianza delle importanti risorse biologiche che il territorio dell’Isola d’Elba offre, il bacino delle antiche saline di San Giovanni torna ad ospitare i fenicotteri rosa, già avvistati negli anni scorsi e ancora una volta conferma della ricchezza di vita dell’area della Baia di Portoferraio popolata anche da aironi, pavoncelle e chiurli.

Non meno preziosi, il Monte Calamita e il già citato Monte Capanne sono siti di grande importanza per il loro valore naturalistico. Il Calamita si è accreditato nel corso della storia come luogo di assoluta suggestione per la rarità delle specie ospitate: tra gli arbusti della macchia mediterranea si possono scorgere capre selvatiche e lepri, mentre dalla sommità è possibile avvistare una delle più vaste colonie di gabbiano reale (Punta Calamita è anche detta Costa dei Gabbiani, per la presenza dei numerosi nidi). Sul Capanne, invece, potreste imbattervi nella martora lungo i sentieri che in alcune stagioni dell’anno regalano lo spettacolo della fioritura della viola corsica ilvensis, specie endemica dell’Isola dell’Elba.

Scopri di più su Visit Elba al sito www.visitelba.info e nel blog blog.visitelba.info

Segui Visit Elba su Facebook, Instagram e Twitter @visitelbait

Il Girone dei Tartufi

La Sagra del Girone si fà! L'organizzazione ha fatto un grosso sforzo per essere in regola e offrire la possibilità di degustare le mitiche specialità al tartufo anche quest'anno.

Da sabato 4 Settembre e per ben 23 giorni, riapre la Sagra del Tartufo e Festa del Volontariato, della S.M.S. Croce Azzurra di Pontassieve, sezione del Girone, che costituisce un appuntamento fondamentale oltre che essere  la principale forma di autofinanziamento per gli scopi sociali della Sezione (servizi di accompagnamento, ambulanza, gestione ambulatori medici, assistenza anziani, ecc.), quest’anno ancora più necessario.

Il menù è a base di tartufo con le tradizionali gustosissime specialità a prezzi convenienti anche in tempi di crisi: Carpaccio, Sformati, Taglierini, Tortelli, Lasagne, Uova, Tartare, Bistecche e Tagliate alla griglia, Hamburger, Tartare, Carpaccio, Pizze… e anche nuove proposte.
Per chi non ama il tartufo nessun problema, le stesse specialità si trovan anche senza tartufo, da provare assolutamente la bistecca per due!


La Sagra è organizzata insieme al Circolo ricreativo culturale ARCI Il Girone e si svolge tutti i giorni fino al 26 settembre, nei locali al coperto accanto allo stesso circolo, in Piazza Pertini al Girone (Fiesole).

Prenotazioni anche sul sito web, dove è anche possibile ordinare prima di arrivare, attraverso il  menù, avrete così la precedenza per sedervi!

Prenotazione obbligatoria con due turni alle 19,30 e alle 21,15, per poter rispettare le normative anti Covid19 e Green-pass obbligatorio.
informazioni: 331 4480285 (dalle 16 alle 18) - tutti i giorni dalle 19.30 - sagratartufo@gmail.com - Pagina Fb - parcheggio gratuito


Estate fusion in Maremma

Maremma is the New Carribe, complice il  post lockdown, la natura di terra e mare di questa zona è ancora più ricca e rigogliosa, e quindi perché non avventurarsi per calette romantiche come Cala Violina, Cala Civette, Cala Martina, Cala Francese…

SPIAGGE

CALA VIOLINA è la celebre suggestiva caletta della riserva naturale delle Bandite di Scarlino. Il particolare che la rende così conosciuta ed unica consiste nel suono che emette la sabbia quando la si calpesta, in assenza di altre forti fonti sonore, ricorda le dolci note di un violino. È facilmente raggiungibile per due percorsi: 

1) PERCORSO PANORAMICO: Provenendo da Follonica, percorrete la strada provinciale verso Castiglione della Pescaia (Strada della Collacchie); e in Località Puntone, dopo il semaforo, girare a destra e percorrere il Lungomare Garibaldi costeggiando il Porto turistico. Prima di raggiungere il ristorante "Il Cantuccio”, parcheggiate e da lì, percorse poche decine di metri, troverete una sbarra da dove parte il sentiero che porta a Cala Violina, percorribile solo a piedi o in bicicletta. La strada è sterrata, ma facilmente accessibile. Dopo 2 km si raggiunge Cala Francese e Cala Martina; lungo il sentiero un monumento in onore di Garibaldi, che qui si fermò per rifornirsi di munizioni prima dello sbarco in Sicilia. Ancora 2 km e ci siete. Sono 4 km e impiegherete 1 ora circa. 

2) PERCORSO AGEVOLE: Da Follonica verso Castiglione della Pescaia (Strada della Collacchie) seguite la segnaletica. Al km10, a 400 mt dal distributore di benzina di Pian D’Alma, l’indicazione sulla destra per Cala Violina. Una strada sterrata vi porta ad un ampio parcheggio a pagamento (8-20 - 250 posti), in Val Martina. Da li 2 km a piedi, mezz’ora circa, o in bici.

Proseguendo lungo il sentiero incontrerete altre tre suggestive calette

CALA CIVETTE - non è facile da raggiungere via terra, molto meglio arrivarci per mare. La sabbia è bianchissima e fine, la cala molto riservata è protetta da una collina ricoperta da rigogliosa macchia mediterranea ed in alto la Torre Civette, dalla quale prende il nome. Il mare è limpido e popolato da una ricca fauna marina. Fantastica per un pomeriggio romantico.

CALA DEL BARBIERE, sfruttata sin dai tempi più antichi prima dagli Etruschi e poi dai Romani per i loro commerci marittimi, ha la spiaggia bianca come quella di Cala Violina ed è famosa perché nel ’73 vi fu girato il film L’anitra all’arancia con Ugo Tognazzi.

ed inoltre:

Viale della Principessa (San Vincenzo): grandi spiagge dalla sabbia bianchissima.
Buca delle Fate (San Vincenzo) angolo nascosto non facile da raggiungere, ma per i più avventurosi la vista di questo angolo di paradiso è il miglior premio.
Golfo di Baratti: profilo elegante dell'insenatura, che dall'alto svetta con Populonia, spiaggia bianca ed enormi prati per picnic.
Parco della Sterpaia (Riotorto) grandi spiagge nella riserva naturale. Qui non fatevi scappare una puntata al Nano Verde! La Ristomoyteria, avvolta nel parco dei pini, serve dalle 18 Mojito e Pererito (variante con peperoncino fresco): piedi sulla spiaggia e musica dal vivo (ogni sabato un concerto).
Torre Mozza (Follonica) Acqua cristallina con il profilo elegante della torre antica.
Carbonifera ( Follonica) perfetta per i vostri amici a 4 zampe, dog beach.
Spiaggia Toni's (Follonica) Play Area vietato non divertirsi e giocare a qualsiasi cosa vogliate, racchettoni, pallavolo, calcetto... 
Le Rocchette (Castiglione della Pescaia) Un Must.
Puntala (La Vela e Golf Beach)

TACCUINO

SAN VINCENZO 

Aperitivo al tramonto allo Zanzibar (drink and food9, un must. Locale elegante e di design, barman entusiasti pronti a stupirvi con le ultime tendenze, drink ghiacciati, il sole che cala sui profili delle barche a vela e musica dei dj della costa a incorniciare il tutto. Se decidete di rimanere a cena ottime proposte di pesce.

Sale, il Sal8 (food drink and more) - Un angolo di pura bellezza, sulle colline di San Vincenzo, nello splendido Relais Poggio ai Santi, con vista mozzafiato, su San Vincenzo, Elba e Gorgona. Il tramonto ha davvero un altro sapore. Km zero, prodotti nostrani e accurata scelta di eccellenze, arredi chic e eleganza in ogni dettaglio, con un menù bello da vedere e da toccare. Cucina raffinata e aperitivo insolito. Distillati ricercati e fusion di innovazione e tradizione in un solo drink: partendo da ricette con oltre 150 anni, nate nel pre-proibizionismo americano fino ad arrivare all'esotico mondo del tiky style, lo charme bohemien europeo di inizio ‘900, per approdare infine agli attuali e molto di moda ‘winetails’ (cocktail a base di vino). Un consiglio: assaggiate Clorofilla.

FOLLONICA

Limonaia, RistoBoutique - Sapori travolgenti come la simpatia e cordialità del giovanissimo proprietario. La filosofia è il vero KM zero e quindi un menù autentico e autoctono; carne e di pesce seguono il ritmo della stagionalità e la filiera corta. La carne è davvero succosa, pezzature selezionate e frollatura d'eccellenza; proposte di pesce un capolavoro, con cotture giuste che esaltano la materia prima. Più la pizza, cotta a legna con condimenti gourmet. Via Roma, 15 – 0566 41660

Malibù Kitchen Bar, FoodDesign - Ambiente frizzante, rispecchia il mood dei giovanissimi proprietari. Ricorda un Pier Californiano fronte mare, pura luce in una fusion design. Il pesce è la specialità che lo Chef di origine pugliese sa bene come esaltare. Da non perdere il suo polpo e la speciale mayonnaise. La saletta riservata è perfetta per l’aperitivo o per un dopo cena sorseggiando sul lungomare un fantastico cocktail. Viale Italia 42 – 0566 1903793

Santarino - Chi non ha mai assaggiato il polpo di Santarino non può dire di conoscere davvero questa parte della costa. Siete amanti del pesce? Qui lo si cucina davvero bene. Ristorante storico passa da generazioni i suoi preziosi segreti culinari di padre in figlio, se siete degli amanti dei crostacei non fatevi scappare i tagliolini all'astice. Avvolti da “bavaioloni” e dotati dei giusti attrezzi potete affondarvi in un trionfo goloso. Piazza 24 Maggio 21 – 0566 41665

e la novità di quest'anno MU HOUSE... leggi qui:
https://www.firenzespettacolo.it/mu-house-follonica-5285https://www.firenzespettacolo.it/mu-house-follonica-5285

a cura di Giulia Maria Ricci

Coronavirus, le nuove date dei maggiori concerti

Pinguini Tattici Nucleari al Mandela Forum
Previsto il 3 marzo > recupero il 24 ottobre

Ruggero dei Timidi alla Flog
Previsto il 7 marzo > recupero l'8 maggio

Angelo Duro al TuscanyHall
Previsto il 13 marzo > recupero il 5 aprile

Giovanni Lindo Ferretti alla Flog
Previsto il 13 marzo > recupero il 9 maggio

Anastasio al TuscanyHall
Previsto il 16 marzo > recupero il 17 ottobre

Le Vibrazioni e Orchestra di Beppe Vessicchio
Previsto il 27 novembre > recupero il 7 aprile

Teho Teatrdo al Teatro Puccini
Previsto il 17 marzo > recupero il 14 aprile

Gemitaiz e Madman al TuscanyHall
Previsto il 31 marzo e 1 aprile > recupero il 29 aprile

Willie Peyote al TuscanyHall
Previsto il 13 marzo > recupero il 4 maggio

Renzo Arbore al Teatro Verdi
Previsto il 3 marzo > recupero il 1° ottobre

Aiello al TuscanyHall
Previsto il 2 aprile > recupero il 12 maggio

Raf & Tozzi al Teatro Verdi
Previsto l'8 marzo > recupero il 17 maggio

Marracash al Mandela Forum
Previsto il 16 aprile > recupero il 26 ottobre

Info biglietti e rimborsi www.bitconcerti.it per i concerti alla Flog www.flog.it

Brunelleschi Hotel: una Cena per Due

Nel cuore di Firenze, all’interno della storica Piazza Santa Elisabetta, si trova l’affascinante torre bizantina della Pagliazza con le sue antiche mura circolari. Parte integrante del Brunelleschi Hotel, la Torre ospita due Ristoranti diventati ormai parte attiva della vita della città rinascimentale: al primo piano risalta il ristorante gourmet, insignito di 2 Stelle MICHELIN, Santa Elisabetta, mentre al piano terra il suo Bistrot Osteria Pagliazza, con tavoli all’aperto nel dehors nella bella stagione.

Al Santa Elisabetta l’Executive Chef Rocco de Santis propone menù seguendo la stagionalità delle materie prime, costruendo piatti all’insegna della tradizionale cucina italiana volta all’innovazione. Un viaggio alla riscoperta di sapori che appassiona.

Da quest’anno, inoltre, il ristorante Santa Elisabetta intensifica il rapporto con la sottostante Osteria Pagliazza. Tra stuzzicanti menù degustazione e deliziosi piatti alla carta, risalta il Corner del Santa Elisabetta, che, con un assaggio dei piatti più iconici del Ristorante Stellato, offre un affaccio sul mondo della cucina gourmet. L’Osteria Pagliazza diventa così un luogo perfetto per passare le serate estive ‘al fresco’ nel dehors davanti alla Torre della Pagliazza, all’insegna del buon cibo, e circondati dalla bellezza della storica Piazza Santa Elisabetta.

L’Osteria Pagliazza è aperta tutti i giorni dalle 12.30 alle 14.30 e dalle 19.30 alle 22.30.

Piazza Santa Elisabetta - info e prenot. 055 27370 o info@osteriapagliazza.it  
Brunelleschi Hotel - hotelbrunelleschi.it/
Santa Elisabetta - ristorantesantaelisabetta.it/
Osteria Pagliazza - osteriapagliazza.it/


Pagliazza: un’Osteria sotto le Stelle  - recensione aprile 2022



Un’Osteria sotto le Stelle. Non quelle dei cieli d’estate - arriveranno però! - ma le 2 stelle Michelin che illuminano il piano di sopra. Siamo all’Osteria della Pagliazza, al piano terreno fronte piazzetta dell’Hotel Brunelleschi, intrigante albergo fiorentino ambientato in un’antica torre nel cuore del centro storico tra Piazza Duomo e Piazza della Signoria.

 

Qui, al piano superiore, vive un consolidato successo il ristorante gourmet Santa Elisabetta premiato ormai da diversi anni, grazie alla cucina dello chef Rocco De Santis, dall’influente Guida Rossa con le 2 stelle, unico caso in città. L’Osteria è la parente smart e friendly del ristorante stellato, una lunga sala con i mattoni a vista e l’american bar sullo sfondo che mira la piazzetta, punteggiata di un caloroso rosso nei tessuti dei divanetti, delle sedie e dei bicchieri.


COSA SI MANGIA - Va detto subito che siete accolti da un servizio impeccabile che non ha niente da invidiare all’”illustre” parente, compreso un delizioso bocconcino amouse bouche che saluta il vostro arrivo. Nel menù siamo tentati e lo sarete anche voi dal “Corner del Santa Elisabetta”, un assaggio dei piatti del ristorante stellato: per noi i bottoni con provola affumicata, seppie e inzimino e il gambero con panzanella caviale, olive verdi, concentrati di sapori, delicatezza, eleganza. Che sono poi la cifra rivelatrice di questo menù che della mitica osteria ha il carattere contenuto e la semplicità espositiva, declinata intorno all’alimento prevalente: ecco la tagliatella ripiena, pappa & burrata, bietola frutti di mare; o i garganelli, coniglio, pomodori secchi, olive nere; i cavatelli, carciofi, pecorino e mentuccia. Leggeri e gustosi i secondi di pesce: dall’ombrina con broccoli e olive al baccala all’acqua pazza, erbe aromatiche e zucchine, un piatto davvero moderno e godibile. Millefoglie, babà e tartelletta sono dolci squisiti per completare il tutto, ma forse il maître vi suggerirà anche i dessert del “piano di sopra” e siamo certi che anche in questo caso non saprete resistere alla tentazione…




QUANTO SI SPENDE – Si va dai 16/18 ai 22 euro per antipasti e primi, dai 26 ai 30 per i secondi. Dessert da 11 euro. Con un buon vino superate i 60 euro, spesi bene davvero.
E brava la Pagliazza !

 

BRUNELLESCHI HOTEL 

Piazza S. Elisabetta 3 - 055 27370 - info@hotelbrunelleschi.i -  www.hotelbrunelleschi.it 

Ristorante Santa Elisabetta - 055 2737673 - info@ristorantesantaelisabetta.it - www.ristorantesantaelisabetta.it -
Tower Bar www.hotelbrunelleschi.it/tower-bar/
Osteria Pagliazza www.hotelbrunelleschi.it/osteria-pagliazza/


A Lucca e a Pisa piani concreti e NO ZTL

Nel diluvio di provvedimenti, task force, leggi, DPCM, ordinanze e chi-più-ne-ha-più ne-metta ci ha colpito nei giorni scorsi quanto deciso dal Comune di Lucca e dal Sindaco Tabellini, peraltro reduce dalla malattia coronavirus, per fortuna sua e nostra ben guarito.

 

Ecco quanto disposto a Lucca:

  • spenti i varchi telematici della ZTL del centro fino al 31 agosto (per adesso)
  • pacchetto complessivo di interventi di 12milioni di euro a favore di imprese e attività commerciali
  • tributi locali cancellati o dimezzati
  • annullata TOSAP fino al 31/12/20
  • annullata tassa di soggiorno
  • annullati i ticket turistici
  • rinviata al 30/11 la tariffa sui rifiuti (salvo i costi fissi)
  • fondo speciale per pagamento fondi commerciali rimasti vuoti
  • parcheggi gratuiti

 A PISA il piano "Riapri Pisa" del Comune prevede un investimento complessivo di 15 milioni di euro.

  • contributo straordinario di 700mila euro per sostegno affitti commerciali e professionali
  • riduzione 30% affitti immobili di proprietà comunale
  • azzerata tassa suolo pubblico per tutto il 2020
  • azzerata tassa di soggiorno per tutto il 2020
  • abbattimento TARI per aziende chiuse causa coronavirus
  • apertura ZTL estiva nottunra sui lungarni
  • sosta gratuita prime 2 ore parcheggi S. Antonio e S. Caterina

Non sono annunci roboanti, ma fatti concreti. Noi li preferiamo, e Voi?

L'Albergaccio di Castellina in Chianti

Dal 1989 Francesco Cacciatori in sala, Sonia Visman e il figlio Pietro in cucina. Si punta al cuore senza effetti speciali, se non quelli della tradizione e di ingredienti sempre freschi e locali. Come la Chianina IGP e l’Agnello pomarancino. Il menù cambia ogni mese per privilegiare ed esaltare i prodotti di stagione. Stesso discorso vale per i vini ben selezionati attraverso una degustazione precedente e senza guardarne la fama.


Ovviamente operando nella zona del Chianti Classico e con un menù prevalentemente di terra con poche scelte di pesce, ampio spazio è riservato ai rossi. Non mancano però le bollicine, bianchi e dolci, per un totale di 350 etichette. Ambiente rustico-elegante con elementi tipici della zona rurale come cotto, travi in cipresso e pareti in pietra alberese. Cucina fresca di ristrutturazione.

Cene a metà prezzo nel nostro E-STORE

Castellina in Chianti - via Fiorentina 63 - 0577 741042 (chiuso mar e mer) - ristorantealbergaccio.com

L'Enoteca del Pesce a Tavarnuzze

Ristorantino di pesce a Tavarnuzze, menù di giornata con pesce fresco: antipasti, crudité, fritti, primi e secondi. Ampia selezione di vini. Anche per asporto grazie alla gastronomia di mare.

NEL NOSTRO E-STORE CENE 2X1

Tavarnuzze, via della Repubblica 13, - ristorante da mar a sab a cena, dom solo pranzo - gastronomia da mar a sab 10-13 e 16-22, dom 10-16 - 055 2374262, WA 338 3333517 - www.imalavvezzi.com  - 

La Fortezza del Vino Nobile

È ufficiale: l’Anteprima del Vino Nobile di Montepulciano riapre le porte agli operatori e finalmente agli appassionati. Le giornate clou sono quelle destinate al ritorno del pubblico da sabato 26 a lunedì 28 marzo. Alla Fortezza di Montepulciano i produttori tornano in presenza per far conoscere le nuove annate in commercio dal 2022: il Vino Nobile 2019 e la Riserva 2018. Una passerella internazionale per una delle prime Docg italiane che dopo la versione ridotta del 2021, è riproposta dal Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano con una formula che, seppure in sicurezza e in linea con le normative vigenti, accoglie di nuovo buyers e wine lovers.


Via di S. Donato, Montepulciano SI – programma e aziende partecipanti www.anteprimavinonobile.it

Season Opening: Bagno La Rondine & Ristorante Salmastro

Sulla Passeggiata di Viareggio, di fronte alla Terrazza della Repubblica, ecco il rinnovato Bagno La Rondine, da scoprire, insieme al ristorante Salmastro, in una sera di mezz'Estate al calar del sole...

Venerdì 15 luglio dalle 20 Season Opening Party: agli invitati è offerto un flûte di bollicine + finger food.
Segue cena su prenotazione con menù speciale, musica e sfilata a bordo piscina a cura di Donkey Swing.
Info e prenotazioni 0584 53130, 338 7507562, 338 7583858

IL BAGNO E IL RISTORANTE

Un look totalmente rinnovato dalla nuova gestione dei fratelli Bruni: Sebastiano, che si sposta in Versilia dopo il successo del ristorante del Circolo dei Canottieri di Firenze, tra feste per maison di moda durante Pitti, banchetti per matrimoni e pura ristorazione; e Giacomo detto Jack, che opera nella cucina del Salmastro creando menù con prodotti del territorio nel rispetto della tradizione ma con un pizzico di creatività. Obiettivo di entrambi dare il massimo del comfort ai clienti in un’oasi di relax.

Il Ristorante Salmastro è aperto tutti i giorni. Insieme a Giacomo in cucina troviamo Daniela che realizza pane e dolci con ingredienti di qualità. A pranzo menù del giorno, ma anche bagels farciti, focaccine, cecina e poi ciambelle, pizzette e crostate per i più piccoli. A cena un ricco menù da gustare in una cornice al contempo semplice e di charme.
 
Bagno La Rondine & Ristorante Salmastro - Terrazza della Repubblica, 33 Viareggio ( Città Giardino) - 0584 53130, 338 7507562, 338 7583858 - www.bagnolarondine.it – www.salmastroristorante.it - Fb + Instagram - Maggiori info sui canali social

Crowdfunding per Nottilucente

Torna Nottilucente, la festa della cultura di San Gimignano che si terrà sabato 26 giugno per le vie e le piazze del comune.
L'associazione Culture Attive in collaborazione con il Comune di San Gimignano e altri 13 partner, ha lanciato una campagna di crowdfunding sulla piattaforma eppela per permettere a cittadini, amici, aziende e commercianti di poter contribuire in maniera diretta alla realizzazione di progetti artistici che daranno spazio alla giovane creatività e a visioni inusuali all'interno della manifestazione.

Quest'anno il tema è l'adolescenza come “rEVOLUZIONE”: una parola potente che assume in sé molte sfaccettature ma che vuole e deve essere proiettata anche all’attualità più stringente: una rivoluzione che è quella dell’età di passaggio dall’infanzia all’essere adulti e, insieme, un’evoluzione, una crescita umana, personale e collettiva, una presa di coscienza a un anno dallo scoppio della pandemia. Installazioni video-fotografiche, rappresentazioni teatrali, performance, musica, dj e vj set, live musicali, passeggiate poetiche, salotti all’aperto, mostre, laboratori per bambini.

Per sostenere la campagna di crowdfunding, dal 14 maggio fino al 20 giugno, si può donare un contributo sulla piattaforma eppela o effettuare direttamente un bonifico intestato ad ASSOCIAZIONE CULTURE ATTIVE, IBAN: IT32N0867372000009006091492 inserendo la causale “donazione liberale per progetto NOTTILUCENTE X”

La campagna è realizzata all’interno dell’iniziativa Let’s Crowd sostenuta da Fondazione Monte dei Paschi di Siena in collaborazione con Feel Crowd e Vernice Progetti Culturali.

Capodanno a Prato - ANNULLATO

Prato festeggia il nuovo anno con il gruppo rock The Zen Circus, punto di riferimento della scena indipendente italiana. Hanno rielaborato in modo personale la lezione del folk-punk con testi che sono resoconti metropolitani dei nostri tempi, narrati in maniera densa e personale.

Il loro percorso è iniziato a metà degli anni 90, il periodo d'oro del rock "alternativo" italiano, e li ha trasformati in una delle band più acclamate della loro generazione.

Officina Giovani (sala eventi) - Piazza Macelli, 4 - Prato –  dalle ore 22 - Info e biglietti: www.portalegiovani.prato.it

Radicondoli Festival: Il Cielo dentro di noi

Riscoprire il mondo e rielaborarlo in sé, dopo questo lungo tempo sospeso, diventa desiderio e necessità insieme dell’arte come luogo di progettazione del futuro. In questo senso il Festival di Radicondoli ha scelto per la XXXV edizione lavori che sono espressione artistica del cambiamento contemporaneo, facendo diventare il territorio uno spazio privilegiato per il dialogo interculturale e intergenerazionale, dove si intersecano differenti linguaggi, dalla danza ai segni visivi contemporanei, alla musica, agli spazi video e sonori e che fa anche tesoro delle esperienze locali.

Un punto di incontro tra la comunità, artisti affermati e emergenti, nazionali e territoriali, per dare vita a un rito collettivo, fra la festa popolare e la performance artistica. Il tutto valorizzando gli angoli unici dell’area, ricettività e prospettive di un paesaggio, che si fa ancora più esteso rispetto alle precedenti edizioni. 

Ne abbiamo parlato con Massimo Luconi, direttore artistico del festival.

Radicondoli compie 35 anni. Raccontaci questa edizione post Pandemia, quali sono gli spettacoli da non perdere?
Non vorrei indicare qualche evento in particolare ma sottolineare la dimensione di un progetto artistico e spettacolare che si sviluppa in un piccolo centro come Radicondoli, estremamente decentrato e fuori dalle rotte di maggiore flusso turistico e che richiede un rapporto profondo con il territorio, inteso come comunità e come luoghi valorizzati attraverso gli interventi artistici. In tal senso la 35^ edizione si dilata nello straordinario patrimonio paesaggistico ambientale che circonda il paese, in luoghi ricchi di fascino architettonico e di memorie. 

In maniera parallela e complementare al festival di teatro, ben consolidato a livello nazionale, affianchiamo installazioni e performances di giovani artisti, in luoghi che per motivi diversi nel corso degli ultimi anni sono stati dismessi o male utilizzati, rivitalizzandoli in una nuova dimensione in rapporto con la comunità. 

Radicondoli insomma come un luogo magmatico dove si intersecano differenti linguaggi, dal teatro tradizionale, alla danza, ai segni visivi contemporanei, alla musica, agli spazi video e sonori e che fa anche tesoro delle esperienze del territorio intorno alle tematiche culturali e alla capacità associazionistica. Un luogo dove si compie una osmosi fra artisti, professionisti e comunità, in una forma di antico rito collettivo, fra la festa popolare e la performance.

Nel nutrito panorama dei Festival Toscani, qual è secondo te il punto di forza di Radicondoli?

Oltre a elaborare un buon programma con proposte originali in equilibrio fra tradizione e ricerca, credo proprio che la forza del festival sia un luogo speciale come Radicondoli che nelle ultime edizioni è diventato sempre più protagonista, utilizzando gli spazi naturali come scenografie e location degli spettacoli. Questa alchimia è molto magnetica e alla lunga si è rivelata vincente per la comunità e per gli addetti ai lavori.

Da quasi 10 anni sei alla guida, con successo, di questo Festival. Altri progetti in cantiere?

Ne avrei molti…ma se prima era difficile montare un nuovo spettacolo, ora nella fase post covid è quasi impossibile, speravamo che ci fossero maggiori osmosi e aperture, invece tutto si è chiuso ancora di più. Il progetto che più mi sta a cuore in questo momento è il rapporto oramai decennale, con il mio gruppo di attori a St Louis, nel nord del Senegal al confine con la Mauritania, con il quale ho iniziato da poco un nuovo progetto su un testo di Brecht.


PROGRAMMA 

Sabato 17 luglio Palazzo Bizzarrini (ore 17.30) mostra di Simone Gori, Antonello/Ghezzi “Come complicarsi la vita e guardare le nuvole”

Domenica 18 luglio installazione sonora di Antonio Aiazzi (Loc. Pianetto, ore 18.30) e video documentario “Watermark” di Jennifer Baichwal, Edward Burtynsky, a cura Lo Schermo dell’arte (Pieve Vecchia della Madonna ore 21.15).

Lunedì 19 luglio Piazza Collegiata ore 21.15, Greta Panettieri in concerto.

Martedì 20 luglio Pieve Vecchia della Madonna ore 21.30, Michele Crestacci, drammaturgo e attore, è diretto da Alessandro Brucioni in “Mascagni”.

Mercoledì 21 luglio Roberto Visconti viene diretto da Giancarlo Cauteruccio, fondatore di Teatro Krypton, in “Filippo Brunelleschi – Nella divina proporzione”.


Giovedì 22 luglio Podere la Fonte ore 19 Silvia Frasson è la protagonista di “La vita salva”, una storia di solidarietà tra sconosciuti. Segue alla Pieve Vecchia della Madonna ore 21.15 il documentario di Massimo Luconi su Dani Karavan.

Venerdì 23 luglio Pieve Vecchia della Madonna, ore 19 Ciro Masella interpreta “Per tutta la vita ho fatto solo cose che non sapevo fare” di Remi de Vos (prima nazionale).

Sabato 24 luglio Pieve Vecchia della Madonna,ore 21.15 Alessandro Benvenuti riprende il suo diario dal lockdown “Panico ma rosa, diario di un non intubabile”.

Domenica 25 luglio Podere la Fonte ore 19, Mariella Celia di Sosta Palmizi in “Bisbigliata Creatura #Terra- site specific”. Segue alla Pieve Vecchia della Madonna ore 21.15 “Utoya” testo di Edoardo Erba diretto da Serena Sinigaglia, con Arianna Scommegna e Mattia Fabris.

Lunedì 26 luglio Pieve Vecchia della Madonna ore 21.15 Arianna Scommegna è la protagonista di “E bastava un’inutile carezza a capovolgere il mondo. Vita anarchica e poetica di Piero Ciampi” (prima nazionale). 

Martedì 27 luglio doppio appuntamento: Chiesa Collegiata ore 18 il concerto con Gabriele Giacomelli all’organo e Elena Romanazzi al canto.  A seguire alla Pieve Vecchia della Madonna ore 21.30 Monica Nappo con “L’esperimento” (prima nazionale). 

Mertedì 28 luglio a Belforte ore 18 un concerto di musica da camera, con i giovani musicisti del paese.

Segue alla Pieve Vecchia della Madonna ore 21.15 “Pierre e Jean” dal romanzo di Guy di Maupassant, con Raffaele Ausiello e Carlo Caracciolo: prod. Radicondoli festival.

Giovedì 29 luglio Agriturismo Belcanto ore 19.15 concerto di Jazz brasiliano del duo Lune&Soleil.

Segue in prima nazionale alla Pieve Vecchia della Madonna ore 21.15: “L’importante è che ci sia qualcuno, una storia da A. B. Yehoshua” della compagnia Marcido Marcidorjs e Famosa Mimosa, con Maria Luisa Abate e la regia di Marco Isidori.

Venerdì 30 luglio Palestra ore 21.15 “Unterwasser/Maze”, live performance di ombre: sculture e corpi sono proiettati su un grande schermo.

Sabato 31 luglio chiusura alla Pieve Vecchia della Madonna ore 21.15 con Florina Cangino in arte Flo con “Brave ragazze”, con Cristiano Califano (chitarra) e Michele Maione (percussioni).

E inoltre: “Premio Radicondoli per il teatro” (domenica 25 al Poggio, ore 16), Raccontafiabe, laboratori, stages di danza, “Incamminarsi” Percorso per amatori sulle tracce del proprio corpo progetto Sosta Palmizi, un laboratorio sul suono. Una radio web trasmette durante il festival e intervista i protagonisti.

RADICONDOLI FESTIVAL
XXXV edizione - Il cielo dentro di noi - Esercizi per una cultura necessaria - Direzione artistica: Massimo Luconi

Radicondoli (Si) - Vari luoghi - info, programma completo, biglietti: radicondoliarte.org

OGGI a FIRENZE e in TOSCANA

MINI GUIDA NIGHT & DAY

AGOSTO 2022

Giovedì 18
UMBERTO TOZZI - Mont’Alfonso Sotto le Stelle/Castelnuovo Garfagnana
Esce nei Cinema: “Il Pataffio” di A. Lagi

Venerdì 19
Sexy Disco Excelsior – Michelle Brown

Sabato 20
TUTTI PAZZI PER CAMPANA - Estate a San Salvi
Sexy Disco Excelsior – Michelle Brown

Domenica 21
Orchestra da Camera Fiorentina - Mont’Alfonso Sotto le Stelle/Castelnuovo Garfagnana

Lunedì 22
All’alba perderò - con e regia A. Muzzi - Avamposti/Villa Strozzi

ulteriori info 055 212911 - info@firenzespettacolo.it  - ph credit  Umberto Tozzi Official Fb

Una passeggiata con il Rosso. A Montalcino

Un evento inedito dedicato al Rosso di Montalcino DOC, attraverso una collaborazione con Food for Soul, l’associazione no profit fondata dallo Chef Massimo Bottura e Lara Gilmore che, attraverso i suoi Refettori in tutto il mondo, promuove un sistema alimentare equo e a sprechi-zero.

L’evento racconta l’identità del Rosso, dando vita ad un nuovo percorso di crescita di questo Sangiovese dalle grandi potenzialità, reinventando il territorio di Montalcino in una chiave contemporanea ed aprendosi a pubblici giovani.

Si apre con una presentazione al Teatro degli Astrusi, premiati gli Ambasciatori del Rosso di Montalcino proposti dal wine blogger Francesco Saverio Russo: Matteo Bernardi - Sommelier del tristellato ristorante veneto Le Calandre, Andrea Menichetti – Sommelier di Caino, due stelle Michelin in Maremma e Pascal Tinari - Sommelier di Villa Maiella, stella Michelin in provincia di Chieti. Segue Tavola Rotonda.

Nel pomeriggio, dalle 16:30 alle 19:30, le aziende del territorio ilcinese offrono ai visitatori una degustazione all’interno del Chiostro del Museo di Montalcino. E' la giusta occasione per conoscere "da vicino" il Rosso, espressione di grande versatilità e freschezza, versato nel bicchiere direttamente dai produttori della DOC e non farsi mancare una visita de Il Tempio del Brunello, un percorso immersivo ed emozionale alla scoperta di questo grande vino.

Red Montalcino è anche l’occasione di scoprire la forte Identità espressa dall’iconico borgo del vino italiano. L’ingresso al walking around tasting è aperto a tutti, con un biglietto di €25, e la possibilità di incontrare gli oltre 70 produttori presenti.

I biglietti sono acquistabili qui.


Previste due masterclasses private condotte da Luca Gardini, Best Italian Wine Critic of the World, e dal wine blogger Francesco Saverio Russo.

La serata si conclude con un’originale cena, solo su invito, in collaborazione con Food for Soul, nella scenografica Fortezza del borgo e “distillata” in un menù che prende ispirazione dalle diversità culturali dei vari progetti ‘Refettorio’ di Food for Soul in tutto il mondo.

Montalcino – 0577 848246 – www.consorziobrunellodimontalcino.it

Carnevali in Toscana

Quello più rinomato e famoso è a Viareggio annunciato in sei date. Gli iconici carri cominciano a sfilare sabato 12 febbraio per proseguire poi domenica 20, giovedì 24, domenica 27 e con due date di marzo l’1 e il 5. Tanta l’attesa per i giganteschi carri allegorici in cartapesta che sfilano sui Viali a Mare, quale sarà il più bello?
Un altro storico evento dedicato al Carnevale è quello che annualmente si tiene a Foiano della Chiana. Non solo il più antico, ma anche uno tra i più importanti in Italia. Sono quattro i grandi carri in competizione appartenenti ai cantieri di Azzurri, Bombolo, Nottambuli e Rustici. Quest’anno le sfilate sono domenica 20 e 27 e poi a marzo il 6, il 12 e il 13.
Non ci resta che preparare le maschere!
Viareggio - viareggio.ilcarnevale.com/
Foiano della Chiana - www.carnevaledifoiano.it/

Beconcini Wines a San Miniato

Il Bello del vino è quasi meglio del suo Buono. Il Bello del vino è che ogni volta è diverso, perchè diversa è la storia che lo precede, lo introduce, lo racconta, lo presenta. Così oltre e prima del suo odore, del suo sapore, c’è il suo essere, la terra da cui viene, le persone che lo hanno “cresciuto”, la giovane vita che ha avuto. Conoscendola, apprezzandola, scoprendola, saprete cosa bevete e perché e come vi piace, se vi piace naturalmente.

Capita ad esempio che un giorno, complice la cucina succulenta e generosa di Paolo Gori, la sapienza vinicola gentile di Andrea Gori, ospiti della loro intramontabile trattoria da Burde, Leonardo Beconcini ci inviti a pranzo per presentare il restyling delle etichette (“mancava un filo conduttore chiaro che facesse capire la nostra “unita dualità”, siamo tradizione e innovazione” hanno spiegato).

Leonardo Beconcini ed Eva Bellagamba gestiscono a San Miniato dal 1990 l’azienda vinicola di proprietà della famiglia da quattro generazioni. Lui è il vignaiolo, lei la marketing director. I Beconcini lavoravano in queste terre già da prima della seconda guerra Mondiale come mezzadri, alle dipendenze dei marchesi Ridolfi, allora proprietari di tutta l’area est di San Miniato. Possiedono vigneti diversi in 25 ettari complessivi, di cui 14 vitati e 2 ad olivicultura. Crinali di sangiovese, colline di Tempranillo e Malvasia nera, argillosi fondivalle per colorino, canaiolo e altri vitigni, terreni sabbiosi di remota origine marina.



Colpisce nella loro produzione in particolare il Tempranillo, dall’antico vigneto Vigna alle Nicchie, con ceppi centenari contrassegnati e ancora studiati dall’Università di Firenze con fossili marini di età pliocenica, a confermare una storia che viene da lontano. Si ritiene infatti che si tratti di un antico innesto compiuto da padri pellegrini spagnoli sulla via Francigena che passa proprio da qui, un percorso storico per le tre principali mete religiose: Santiago de Compostela, Roma e Gerusalemme.
Vinificato in cemento, matura in piccole botti di rovere francese per 24 mesi e si abbina alla grande con brasati, stracotti e selvaggina. Paolo Gori ha sfoderato una scottiglia perfetta per sposare questo vino cremoso, denso, piacevole che resta lungo nel suo finale.

Complessivamente l’azienda produce oltre 100mila bottiglie annue in larga parte apprezzate e consumate all’estero, in Giappone in particolare.
Interessante anche il Reciso, Sangiovese in purezza che segue analoghe tecniche di vinificazione e maturazione, un vino asciutto, austero, intenso al profumo e al sapore. Sottolineata da Beconcini la tecnica del Reciso per il sangiovese su argilla, con l’incisione ai primi di ottobre per non far gonfiare troppo il grappolo con le piogge sui terreni argillosi.

Per scoprire questa storia e degustare questi vini niente di meglio che una visita all’azienda, contattatela, saranno felici di accogliervi.

Pietro Beconcini Agricola - Via Montorzo, 13A, 56028 San Miniato PI - 347 2647861
www.pietrobeconcini.com

eatPrato 2022

La VI edizione di questa rassegna annuale che unisce l’enogastronomia all’arte, annuncia una grande novità: si aprono le porte del chiostro rinascimentale di San Domenico, cuore pulsante della manifestazione con la dimension Talking: incontri con produttori, cuochi, pasticceri.

Sabato 4 giugno eatPrato Night eventi itineranti nel centro storico, visite guidate in luoghi storici che culminano con aperitivi o cene a base di prodotti tipici in giardini e chiostri. Ad esempio la visita al Conservatorio San Niccolò con aperitivo nel Giardino Buonamici, teatro anche della cena che chiude la visita al complesso di San Francesco.

Domenica 5 giugno giornata dedicata al vino e agli abbinamenti enogastronomici al Chiostro di San Domenico. Protagonisti i vini di Carmignano e delle cantine del territorio con delizie gastronomiche.


Prato, vari luoghi –0574 1837859 - sab 4 info e biglietti eatprato.it – dom 5 ingresso libero, si paga a consumazione -

La Vernaccia si presenta

La manifestazione si svolge in due location straordinarie all’interno del centro storico di San Gimignano: Sala Dante e Museo d’Arte Moderna e Contemporanea De Grada. Al Museo De Grada ore 09-12.30|14.30-18 senza prenotazione. In Sala Dante nel Palazzo Comunale 9:30 convegno-degustazione dal tema “Antropologia e terroir” con l’intervento Prof. Attilio Scienza e dello scrittore Andrea Zanfi.

Apertura invece al pubblico nei fine settimana successivi, con degustazioni in più turni, sedute e con servizio di sommelier.
Questa parte di ‘Anteprima’ si svolge nella Rocca di Montestaffoli all’interno di ‘Vernaccia di San Gimignano Wine Experience.
Per sei giorni
(26/27/28 marzo e 2/3/4 aprile) nella sala allestita con sedici postazioni sedute poste a distanza di sicurezza e con servizio di sommelier, i visitatori  assaggiano le nuove annate di Vernaccia di San Gimignano, la 2021, le Riserve 2020 e i vini di annate precedenti ma ancora non commercializzati: in tutto 76 vini ancora non usciti sul mercato.
La presentazione delle nuove annate è riservata agli operatori di settore, mentre il sabato e la domenica sono aperti anche al pubblico.  Per partecipare è necessaria la prenotazione sul sito https://degustalenuoveannate.vernaccia.it/


Ciascuna giornata prevede tre sessioni di degustazione di un’ora e mezzo ciascuna, alle 11,30, alle 15 e alle 17,30, durante le quali i visitatori degustano le nuove etichette di Vernaccia di San Gimignano delle aziende: Abbazia Monteoliveto, Alessandro Tofanari, Cantine Guidi, Cappellasantandrea, Casa alle Vacche, Casa Lucii, Casale Falchini, Cesani, Collemucioli, Collina dei Venti, Fattoria di Fugnano, Fattoria Poggio Alloro, Fattoria San Donato, Fattorie Melini, Fornacelle, Geografico, Guicciardini Strozzi, Il Colombaio di Santa Chiara, Il Lebbio, Il Palagione, La Lastra, Mormoraia, Montenidoli, Palagetto, Panizzi, Poderi Arcangelo, San Benedetto, San Quirico, Signano, Tenuta La Vigna, Tenuta Le Calcinaie, Terre di Sovernaja, Teruzzi, Tollena, Vagnoni.

La prenotazione è obbligatoria - Numero partecipanti: 16 persone max - Costo partecipazione: 35 euro

EatPrato Walking

Da sabato 2 ottobre quattro fine settimana, più la data conclusiva nella Giornata nazionale del Trekking Urbano, in cui si esplorano arte, natura, letteratura e gusto.
Format che vince non si cambia! Ogni sabato tour storici-artistici itineranti e guidati, incursioni teatrali, momenti gastronomici con tappe dalla prima colazione al pranzo o all’aperitivo. La domenica invece passeggiate naturalistiche con guida, soste di contemplazione del paesaggio, tappe in abbazie, pievi o antiche rocce, pranzi e pic nic nel verde in agriturismi, aziende agricole e/o cantine.

Essendo a ottobre il mese del vino e dell’olio il fil rouge è quello di Carmignano, zona vocata a queste due eccellenze enogastronomiche, con passeggiate domenicali immersi tra i vigneti e la vendemmia.
Gran Finale dom 31 Giornata Nazionale del Trekking Urbano in collaborazione con Turismo Industriale.

Programma completo su www.eatprato.it – tour del sabato dai 12 ai 25 euro, trekking domenica 20 euro – eventi su prenot. eatprato.eventbrite.it

Porrettana Express

Tre domeniche per esplorare natura, piccoli borghi e i segreti della Seconda Guerra Mondiale, tra ex fabbriche di munizioni, tunnel e rifugi, ma anche fauna selvatica ed enogastronomia.

Domenica 3, 17 e 31 ottobre si parte, a bordo di meravigliosi treni d’epoca e su una delle vie ferrate più antiche d’Italia, per un viaggio di conoscenza e piacere. Ogni viaggio ha un tema diverso con tappe differenti lungo i binari partendo dal Deposito dei Rotabili Storici di Pistoia, altro luogo ricco di fascino, visitabile prima del fischio del treno. 

Domenica 3 ottobre si percorre l’intera tratta, da Pistoia a Porretta Terme alla scoperta di uno dei più amati frutti della stagione autunnale, la castagna, nei “Castagneti parlanti” di Granaglione. Immancabile una degustazione a tema. 


Domenica 17 ottobre itinerario del ferro dell'Associazione Ecomuseo della Montagna Pistoiese con visita ai poli museali dell’antica Ferriera a Maresca (già attiva nel 1388) ed il Museo del Ferro e Giardino dell’Energia Rinnovabile a Pontepetri tra documenti, attrezzi e utensili.

Domenica 31 ottobre il viaggio ripercorre la storia della zona montana pistoiese durante la Prima e la Seconda Guerra Mondiale con visite guidate al museo e ai rifugi sotterranei della SMI.

Deposito dei Rotabili Storici di Pistoia - dalle 8.15 si visita il Deposito, alle 10 partenza, rientro alla Stazione di Pistoia alle 17.50 – info e prenot. www.porrettanaexpress.it

San Giovanni d’Asso, la regina delle Crete

Nei weekend di sabato 13 e domenica 14 e sabato 20 e domenica 21 novembre, va in scena la trentacinquesima edizione della Mostra Mercato del Tartufo Bianco delle Crete Senesi. Una festa ricca di proposte, dallo “Square Food”, stand gastronomici delle eccellenze locali dove pranzare e cenare a km 0, alla “Cerca del tartufo” insieme ai tartufai senesi e i loro cani. Per chi vuole vivere esperienze di un’altra epoca, c’è un antico treno a vapore che, partendo da Grosseto e da Siena, porta attraverso una ferrovia non più in servizio fino al Castello di San Giovanni. E’ il famoso “Treno Natura” per scoprire paesaggi inconsueti della campagna senese.
Protagonisti insieme al cosiddetto “Diamante bianco”, ci sono formaggi pecorini a latte crudo, insaccati, carni di Chianina e Cinta Senese, olio extravergine di grande qualità, il vino della Doc Orcia e, dopo la fusione con Montalcino, anche sua maestà il Brunello.

Non mancano visite ad aziende agricole, al Museo del Tartufo, cantine, frantoi e caseifici, trekking fra boschi e campagne passando per il parco archeologico di Pava, stand gastronomici e una rete di ristoranti specializzati che propongono piatti e menù dove protagonista è il Diamante Bianco accompagnato da tutti i prodotti tipici locali. Sul sito e sulla pagina Fb tutte le info e il programma completo della manifestazione.


Il borgo di San Giovanni d’Asso è raccolto ma grazioso. A balzare subito all’occhio è il suo Castello medievale, imponente e suggestivo, i cui sotterranei trecenteschi ospitano oggi il Museo e centro didattico del Tartufo Bianco e delle erbe spontanee. Si tratta del primo museo italiano dedicato al tartufo. Imperdibile!

Piazza Antonio Gramsci, 1, 53020 San Giovanni d’Asso, tel. 0577 803268 - Aperto solo ven-sab-dom, 10:30-18:30 - www.tartufodisangiovannidasso.it

Ferragosto in Pineta, sulla Bolgheri Coast!

Il Park Hotel Marinetta, immerso in una pineta a Marina di Bibbona, è un’oasi di tranquillità e coccola i suoi ospiti, con spiaggia privata, Spa e diversi ristoranti e punti ristoro.
In particolare nel giorno di Ferragosto lo Chef Daniele Arzilli propone sfiziosità e menù ricercati adatti a tutti i gusti e momenti del giorno. Durante la giornata ogni angolo dell’albergo è teatro di  momenti di festa con stili diversi, così come sono differenti gli ospiti e le loro preferenze: una vera e propria Sagra ricca di streetfood sfiziosi; una festa in stile hawaiano in spiaggia; tre ristoranti à la carte, fra cui Crudo di Mare il ristorante gourmet direttamente sulla spiaggia, sofisticato e romantico; un Gran Buffet; persino un menù vegano. E per concludere la giornata, ben tre spettacoli musicali.

Il motto del team e della Direzione del Park Hotel Marinetta è "Passione per l'accoglienza" e il Ferragosto rappresenta un’occasione speciale di incontro e scambio con gli ospiti. Per regalare a tutti attenzioni speciali, quest’anno il Park Hotel Marinetta ha previsto tante proposte diverse, che si declinano dalla mattina alla sera, in vari luoghi della struttura. Grandi, bambini, coppie, famiglie, gruppi di amici, gourmet o sportivi, curiosi, nottambuli o amanti della comodità…ognuno troverà il modo di festeggiare il suo Ferragosto ideale.

La “Sagra” del Park Hotel Marinetta
Dalle 18 nel parco dell’albergo, una selezione di street food toscani e internazionali: la Porchetta di Daniele, verace, genuina e squisita; 5e5 e una spumina, la vera torta di ceci livornese preparata in casa; il Cono di verdure fritte del Marinetta, gustose e croccanti; selezione di Marshmellows.

La festa hawaiana del Cafè del Mare
Per tutta la giornata del 15 agosto 2022 al Cafè del Mare, direttamente sulla spiaggia privata, grab&go di una selezione di poké e un allestimento in puro stile hawaiano.

I menù dei ristoranti del Park Hotel Marinetta
Crudo di mare (94 euro a persona bevande escluse, acqua minerale e caffè inclusi)
Al ristorante Fine Dining direttamente sulla spiaggia cena romantica, cullati dal rumore delle alla luce della luna e delle stelle di una indimenticabile serata estiva.
Menù
Ostrica Gillardeaux aromatizzata al Lagavulin 16y
In abbinamento una flûte di Spumante Brut Millesimato Montresort (100% Pinot Nero)
Tortino caldo di alici e patate su coulis di datterini
Gran crudo del Tirreno (scampi, gambero rosa e rosso, orata, ricciola, tartufo di mare, cannolicchi, cicala)
Sorbetto alla maracuja
Cuore di panna cotta alla vaniglia con morbido alla fragola su salsa al frutto della passione
Caffè Espresso servito con sablé homemade

Granace (Pranzo dalle 12.30 alle 14)
Menù a la Carte rivisitato con piatti speciali, come Spaghetti alla chitarra allo sgusciato di mare.
(Cena a partire dalle 20)
Menù Degustazione di 6 portate 74 euro a persona bevande escluse, acqua minerale e caffè inclusi
Chips di fiori di zucca, Ricotta del pastore alle erbette
Servito con Vino Spumante di Qualità Brut Fèlsina, Fattoria di Felsina (Sangiovese 60%, Pinot Nero 20%, Chardonnay 20%)
Tartare di Scottona piemontese, frolla salata con verdure fermentate e tartufo scorzone selezione Calugi
Raviolo come una parmigiana, ripieno di melanzane fumé, coulis di pomodoro San Marzano tiepido e spuma di mozzarella di bufala
Risotto mantecato al pecorino toscano, frutta secca tostata e sfilacci di manzo
Grigliata di costine di cinta senese massaggiata alle erbe aromatiche e cotte a bassa temperatura servita con insalatine di campo selvatiche croccanti
Bavarese alla vaniglia e frutti rossi
Caffe' espresso servito con Bomboloncino tiepido con la crema

Terrazza dell’Ombra della Sera
Menù degustazione a base di pesce nell’esclusiva Terrazza (84 euro bevande escluse, acqua minerale e caffè inclusi)
Tartare di gambero rosso, stracciatella e spuma di basilico
In abbinamento: Flûte di Spumante Brut Millesimato Montresor (100% Pinot Nero)
Ricciola del tirreno marinata agli agrumi, crema di rape rosse, germogli e frutta in carpione
Risotto Carnaroli Riserva al verde, con fettuccine di calamaro fresco marinato e bottarga di muggine di Cabras
Tortelli all’astice mantecati con la sua salsa e terra al nero di seppia
Spigola selvaggia arrostita, crema di patate viola e pomodorini gialli grigliati
Semisfera al cioccolato bianco, mousse alla pesca, crumble al pistacchio
Caffè Espresso servito con sablé homemade

Menù degustazione vegano (74 euro a persona bevande escluse)
Pappa al pomodoro con olio extra vergine di oliva “Chiodo Fisso” dell’Az. Agricola Francalacci di Vada, profumato al basilico
Hummus di ceci con pinzimonio croccante e cialdina integrale
Risotto al limone con fragole al balsamico
Caserecce con crema di piselli e pomodori Pachino confit
Zucchine tonde ripiene con piccola mirepoix di verdure filanti
Biscotto di frolla con crema alla soia, frutti di bosco e cioccolato fondente
Caffè Espresso

Per gli ospiti che scelgono il supplemento Ombra della Sera per la mezza pensione:
Tartare di gambero rosso, stracciatella agrumata e spuma di basilico
In abbinamento: flûte di Spumante Brut Millesimato Montresor (100% Pinot Nero)
Astice al vapore con salsa olandese
Salmone selvaggio marinato allo zenzero, gazpacho di piselli e misticanza
Tataki di filetto di chianina con salsa di soia, sesamo e cipollotto
Tortino di pecorino toscano su coulis di pomodoro costoluto
Caserecce al tartufo di mare e salicornia
Cannolo di crepes alle verdure con fonduta di pecorino toscano
Maltagliati prodotti dallo Chef al ragù di Cinghiale
Pappa al pomodoro con frutti di mare
Tortello ai crostacei con salsa rosa ai gamberetti
Trancio di pescato del giorno alla griglia con verdure grigliate di stagione
Fritto di calamari, gamberi e paranza
Carré di vitello alla griglia con patate arrosto
Filetto di maialino di cinta in porchetta con patate al forno
Zucchine tonde ripiene con piccola mirepoix di verdure filanti
Dessert tradizionale del Park Hotel Marinetta
Semifreddo alla pesca
Tagliata di frutta
Sorbetto al limone

Il tradizionale Gran Buffet di ferragosto (Incluso nel trattamento di mezza pensione o a 69 Euro a persona bevande escluse)
Veri percorsi culinari creati dagli Chef alla scoperta delle Ostriche al Lagavulin, l'aragosta tradizionale, il Maialino toscano di Cinta, le tartare di carne, i primi di pasta "homemade".
Antipasti:
Barchette di pasta brisée al salmone fresco, Vol au vent ai gamberetti, Alici marinate, Code di gamberone in crosta, Alici fritte saporite, Selezione di salumi misti toscani, Tartare di tonno e mango, Conchiglie di gamberi con avocado, Tartare di manzo tradizionale, Carpacci misti di mare, Selezione di formaggi, Insalata mista, Spiedini di insalata caprese, Sformatino di carote su fonduta di pecorino di fossa.

Bellavista:
Aragosta al vapore con maionese, salsa rosa e citronette in abbinamento
Selezione di Ostriche su ghiaccio pilé con lime
Carré di vitello al forno con patate arrosto
Maialino di cinta in porchetta con patate arrosto
Pescato del giorno in bellavista alla griglia


PARK HOTEL MARINETTA**** - via dei Cavalleggeri Nord 3 - Marina di Bibbona - 0586 600598 - www.hotelmarinetta.it

Camelie in fiore in Lucchesia

 In programma concerti, degustazioni e visite guidate per la Mostra Antiche Camelie della Lucchesia.
Torna la primavera nel Borgo delle camelie, che nei tre fine settimana di sabato 12-domenica 13, sabato 19-domenica 20 e sabato 26-domenica 27 marzo, apre i cancelli del Camellietum Compitese per la 33esima Mostra delle Antiche Camelie della Lucchesia, organizzata dal Centro Culturale Compitese.

Si gode dello spettacolo multicolore offerto dalla fioritura delle camelie, cui si aggiungono passeggiate nel verde, escursioni nella natura, degustazioni di prodotti tipici, mostre fotografiche, concerti e molto altro ancora.


La vera protagonista è la camelia, la cui origine, in Lucchesia, risale addirittura alla fine del Settecento. Inoltre il camelieto di Sant'Andrea di Compito (Capannori, Lucca) è uno dei pochi "giardini d'eccellenza" riconosciuti a livello internazionale (il 14esimo in Europa e il secondo in Italia). Su di una superficie superiore ai diecimila ettari, ospita più di 1.500 piante - alcune molto rare, altre antichissime - e un migliaio di specie differenti per forma e colore. Nel momento della fioritura il Borgo delle camelie si tinge di milioni di sfumature diverse. Rosse, rosa, bianche, striate.

Il Camellietum, aperto anche nei giorni feriali, rappresenta la scenografia naturale anche per numerosi eventi, da mostre fotografiche fino all'antica cerimonia del tè giapponese (in costume), dalle visite guidate alla fioritura della camelia japonica fino alle escursioni con guida ambientale sui sentieri del camelieto, dai concerti fino ai percorsi di educazione alimentare a cura di Slow Food insieme alle comunità del cibo del Monte Amiata e della Garfagnana.

Programma completo su camelielucchesia.it


Il ritorno di TASTE. Un Gusto inaspettato!

Taste the unexpected! È il tema della nuova edizione della rassegna di Pitti Immagine dedicata al cibo e alle sue evoluzioni contemporanee. Da Sabato 26 a Lunedi 28 marzo una tre giorni per esplorare nuovi sapori, protagoniste le aziende con i loro prodotti, in allestimenti ampi e flessibili all’interno della nuova location che da quest’anno ospita la manifestazione.

Dopo le felici esperienze di Pitti Uomo e Pitti Bimbo si è scelto, anche per il Taste, la Fortezza da Basso. Una sede ampia dove si è potuto dare spazio anche alla creatività. Un design in linea con la manifestazione, che quest’anno veste gli abiti della pop art e dello stile cartoon grazie alla nuova campagna grafica che l’accompagna. Attese migliaia di persone tra buyer internazionali, operatori specializzati, stampa italiana ed estera e il pubblico di appassionati. Oltre 400 le aziende protagoniste, di cui 130 nuovi ingressi, tutte con prodotti esclusivi manifesto del proprio territorio, della passione artigiana e dell’innovazione. Non mancano incursioni del kitchen lifestyle e uno speciale shop.
Il mondo del food è al centro anche di un ricco calendario di eventi, talk e incontri. Tornano i Taste Ring curati da Davide Paolini e tante altre collaborazioni importanti con esperti, chef e innovatori del mondo food.

Da segnalare:
Sabato 26
L’osservazione degli ecosistemi: un metodo per l’elaborazione di nuovi prodotti con Valeria Mosca.
Domenica 27 ore 16 Spreco Zero: quanto è possibile recuperare nella ristorazione con Vito Mollica chef di Chic Nonna di Firenze, Alessandro Cozzolino chef di Belmond Villa San Michele di Fiesole e Paolo Lavezzini chef di Four Seasons di Firenze.
Sempre domenica 27 ore 17 presentazione del libro Confesso che ho mangiato di Davide Paolini.
Lunedì 28 ore 11 Nuovi modelli distributivi per i prodotti di filiera corta con Oscar Farinetti (Eataly), Marco Porcato (Cortilia), Riccardo Uleri (Longino&Cardenal), Alessio Badia (Postalmarket), Chiara Brandi (Genuino.zero). Per il programma completo clicca qui.

ANCHE QUEST’ANNO FUORIDITASTE (programma completo qui) porta in città le iniziate gourmet e gli eventi legati ai prodotti della fiera. Un ricco calendario di cene, degustazioni a tema, spettacoli, performance, talk e nuovi modi di interpretare il food. Un programma che unisce le aziende che partecipano alla manifestazione e alcune tra le location e i locali più belli della città, che di edizione in edizione registra un interesse e una partecipazione in crescita tra gli appassionati gourmet. Al momento in cui scriviamo il calendario è in divenire, nelle pagine seguenti alcune segnalazioni ma, per il programma completo, nei giorni precedenti l’inizio della kermesse potete visitare il nostro sito e/o quello di Taste.

Last but not least, come gli altri saloni di Pitti Immagine, anche Taste ha la sua vetrina digitale attraverso la piattaforma Pitti Connect: un prezioso supporto che si concrettizza in progetti editoriali e focus, e che fà conoscere le aziende e i prodotti selezionati anche al di fuori dei confini temporali e geografici del salone.

Fortezza da Basso – orario compratori e rappresentanti sab e dom 9.30-19.30, lun 9.30-16.30- orario produttori e pubblico sab e dom 14.30-19.30, lun 9.30-16.30 – info e ticket taste.pittimmagine.com

Che Vita a Villa Dianella!

Tra le colline di Vinci svetta questa elegante tenuta vinicola dei Conti Passerin d’Entreves. Immerso nel verde dei vitigni un felice borgo ci aspetta e propone tante occasioni per godere a pieno della bella stagione alle porte. Un mondo del vino a 360° che ci connette con la natura e la condivisione attraverso esperienze uniche da vivere insieme.
Tra la Tenuta, la Cantina e i suoi vini e il Wine Resort, ecco i primi appuntamenti in aprile

Annunciata l’apertura del ristorante da mercoledì 13 aprile: “Cantina con cucina” è aperto la sera dalle 18.30 per l’aperitivo con food pairing in giardino o in cantina, il tutto curato dal barman Thomas Martini. Qui sono serviti solo prodotti toscani e, ad esempio, tra i cocktail alcuni sono realizzati anche con i vini Dianella. Anche il menù è in linea e propone piatti creativi con ingredienti di stagione.

TOUR DELLE CANTINE & DEGUSTAZIONE DEI VINI DIANELLA 

La visita guidata delle cantine si snoda attraverso le diverse zone di lavorazione e conservazione dei prodotti, dalla cantina con le botti in rovere, alla cantina sotterranea, fino all’area di invecchiamento e all’attuale cantina di vinificazione. Lungo il percorso molti macchinari non più in uso testimoniano i vecchi sistemi di imbottigliamento, filtraggio, etichettatura e tappatura. Ogni oggetto esposto ha una storia da raccontare che prende voce grazie all’intervento della guida.
A conclusione della visita degustazione dei vini nella sala adiacente al wine shop accompagnata da prodotti tipici toscani.

DEGUSTAZIONE “DONNA IDA”: bruschette con l’olio extra vergine biologico Dianella e degustazione di tre vini. 
18 euro a persona 

DEGUSTAZIONE “DONNA RITA”: selezione di bruschette, salumi, formaggi e degustazione di tre vini.
25 euro a persona

DEGUSTAZIONE “DONNA EMMA”: selezione di bruschette, salumi, formaggi, un primo piatto di stagione, cantucci toscani alla mandorla e degustazione di tre vini e della vendemmia tardiva Dianella.
40 euro a persona 

DEGUSTAZIONE “DONNA VERONICA”: selezione di bruschette, salumi, formaggi, un primo piat- to, un secondo con contorno, cantucci toscani e degustazione di tre vini e della vendemmia tardiva Dianella.
50 euro a persona

Via Dianella 48, Vinci - 0571508166 – info@villadianella.it - www.villadianella.it

Piccoli Champagne a Montecatini

IV edizione dell’evento dedicato allo Champagne dei piccoli vignerons, piccole realtà produttive perlopiù a carattere familiare, prodotti di alta qualità a prezzi accessibili. Sono Champagne che non si trovano abitualmente sul mercato italiano, occasione rara quindi per poter assaggiare dei prodotti particolari e magari acquistare anche qualche bottiglia.

AIS (Associazione Italiana Sommelier) accompagna le degustazioni ed effettua le Master Class e le AIS Wine School “pillole di degustazione”, con approfondimenti sulle varie cuvée presenti all’evento. Le Master Class e le Pillole di AIS sono gratuite. Anche stand gastronomici, performance artistiche e dj set all’ora dell’aperitivo.

MAISON PRESENTI: Champagne Pierre Courtois, Champagne Marc Hennequiere, Champagne Vignon Père & Fils, Champagne Charton Guillaume, Champagne Couvreur Philippart, Champagne Vincent Metivier, Champagne Bergeronneau Marion, Champagne Godmé Sabine, Champagne Léguillette Romelot, Champagne Bullescence.

Terme del Tettuccio – Piazza Domenico Giusti, Montecatini – dalle 15.30 alle 23 - ingresso 20 euro con 5 degustazioni, flute e porta flute inclusi – champagnepertutti.it

Il Festival del Chianti Classico

MEET CHIANTI CLASSICO EXPERIENCE - Arte contemporanea diffusa nel territorio, concerti di musica classica in cantina, spettacoli di teatro contemporaneo nelle piazze e tante esperienze da vivere tra i filari del Gallo Nero. L’estate del Chianti Classico è animata da un cartellone di iniziative pensato dal CONSORZIO VINO CHIANTI CLASSICO per arricchire sempre di più l’offerta culturale di uno dei terroir più amati e visitati al mondo.
 
MEET ART. Sette opere d’arte in sette borghi del Chianti Classico. Le opere partono da una «tela» uguale per tutti, pensata per rappresentare la simbiosi vino e territorio: una grande bottiglia di Chianti Classico di circa quattro mt altezza, che ogni artista personalizza e rende unica con la sua opera. Gli artisti, coinvolti con i giovani curatori Davide Sarchioni, Fiammetta Poggi e Isacco Praxolu, sono giovani in forte ascesa: Camilla Falsini, Clet, Thomas Lange, Numero Cromatico, Francesco Bruni, Eliseo Sonnino, Corn79. Ne esce una mostra diffusa, itinerante, A(rt) message in a (Chianti Classico) bottle, che interagisce con le opere già presenti in alcune cantine e con quelle installate nei comuni nell’ambito del progetto “Chiantissimo”.

MEET MUSIC. Tra il 9 luglio e la fine di agosto il paesaggio chiantigiano dialoga anche con la musica classica eseguita dagli allievi dell’Accademia Musicale Chigiana. Alcune cantine del Chianti Classico ospitano una linea speciale di appuntamenti musicali del Chigiana International Festival and Summer Academy 2022. Le esibizioni sono precedute da degustazioni di vino e prodotti del territorio.
 
MEET THEATRE. In scena anche “diVINUM”, uno spettacolo di teatro dedicato al vino e pensato per superare la barriera linguistica attraverso un evento-spettacolo, con un linguaggio accessibile a tutti, anche a stranieri. Lo stile drammaturgico è quello del Circo Contemporaneo, plasmato da una regia che racconta attraverso varie discipline: teatro di piazza (fuoco, trampoli, acrobatica), teatro/danza, videoproiezione e musica. Prodotto dall’Associazione Arca Azzurra di San Casciano V.P. e sostenuto dal Consorzio, attraverserà il territorio con repliche in alcune piazze del Chianti.



MEET CHIANTI CLASSICO. A completare l’offerta torna la Chianti Classico Card, la carta “a punti” che comprende oltre 150 esperienze nelle cantine del Chianti Classico, prezzi riservati per acquisto di prodotti, accessi ai Musei del territorio e tate altre iniziative da scoprire su card.chianticlassico.com. 
Tra maggio e settembre anche degustazioni “open air”, per assaggiare il Chianti Classico presentato direttamente dai suoi produttori passeggiando tra i borghi del territorio e in particolare a: Radda nel Bicchiere (Radda in Chianti); Pentecoste a Castellina(Castellina in Chianti); I Profumi di Lamole (Lamole); EXPO Chianti Classico (8-11 settembre, Greve in Chianti); Vino al Vino (Panzano, 16-18 settembre); Montefioralle Divino (Montefioralle, 24-25 settembre).
 
Abbiamo voluto valorizzare ancor di più l’esperienza di un viaggiatore che identifica da sempre il nostro territorio con il Vino che qui si produce” afferma Giovanni Manetti, Presidente del Consorzio Vino Chianti Classico. “Il cartellone è stato studiato per far dialogare artisti provenienti da tutto il mondo con le migliori energie locali, in una sintesi che in qualche modo rappresenta l’apertura che questo territorio ha sempre avuto verso il mondo. Una vocazione che ogni anno porta nelle nostre strade migliaia di amici nazionali e internazionali attratti dal nostro territorio e da ciò che questo rappresenta: l’arte del buon vivere”.

Un cartellone di oltre 100 iniziative durante tutta l’estate. Programma completo qui.
Il progetto Meet Chianti Classico Experience è sostenuto dall’Unione Europea e ha ottenuto il patrocinio di tutti i Comuni del Chianti.
 
IL PROGRAMMA
Sabato 9 luglio, Chigiana & Chianti Classico Experience a Badia a Coltibuono
Concerto degli allievi del corso di Chitarra e musica da camera – Oscar Ghiglia, docente.
Mercoledì 20 luglio, Chigiana & Chianti Classico Experience a Castello di Brolio
Concerto degli allievi del corso di Flauto – Patrick Gallois, docente.
Domenica 24 luglio, Chigiana & Chianti Classico Experience a Felsina
Concerto degli allievi del corso di Quartetto d’archi – Clive Greensmith, docente.
Info e prenotazioni: 0577 1523789 / 388 8047352
Venerdì 29 luglio, diVINUM, Greve in Chianti, Piazza Matteotti
Degustazione h. 20.00  -spettacolo h. 21.00
Martedì 2 agosto, Chigiana & Chianti Classico Experience a Rocca delle Macìe
Concerto degli allievi del corso di Contrabbasso – Pino Ettorre, docente
Venerdì 5 agosto, diVINUM, Greve in Chianti, Piazza Matteotti
Degustazione h. 20.00  -spettacolo h. 21.00
Martedì 9 agosto, diVINUM, Greve in Chianti, Piazza Matteotti
Degustazione h. 20.00  -spettacolo h. 21.00
Venerdì 12 agosto, Chigiana & Chianti Classico Experience a Castello di Meleto
Concerto degli allievi del seminario Cinque secoli di Chitarra – Eliot Fisk, docente.
Venerdì 26 agosto, Chigiana & Chianti Classico Experience a Villa Calcinaia
Concerto degli allievi del corso di Violino – Salvatore Accardo, docente.
8-11 settembre, Expo del Chianti Classico 50esimo, Greve in Chianti
Degustazioni dei vini del territorio nella piazza di Greve
16-18 settembre, Vino al Vino, Panzano in Chianti
Degustazioni dei vini di Panzano in Piazza Bucciarelli
16-18 settembre, Montefioralle Divino, Montefioralle
Degustazioni dei vini di Montefioralle nel centro del borgo
18 settembre, Granfondo del Gallo Nero, Partenza e arrivo Radda in Chianti
La Gara ciclistica ufficiale del Chianti Classico

Jazz & Wine in Montalcino

Le stelle del jazz mondiale festeggiano i 25 anni del festival nato dalla collaborazione tra l’azienda vinicola Banfi, la famiglia Rubei dell’Alexanderplatz di Roma ed il Comune di Montalcino, con la direzione artistica di Eugenio Rubei. Nel paese del Brunello arrivano Richard Galliano, Ron Carter, John Patitucci, Paula e Jacques Morelenbaum, Mario Biondi e - in prima assoluta - l’Orchestra Nazionale Alexanderplatz.


PROGRAMMA

Martedì 19 luglio ritmo di samba al Castello Banfi con la voce immensa di Paula Morelenbaum accompagnata dal violoncello di Jacques Morelenbaum e il suo CelloSam3aTrio.
Mercoledì 20 luglio il leggendario Ron Carter apre i concerti in Fortezza a Montalcino. Insieme a lui: Jimmy Greene, Renee Rosnes e Payton Crossley.
Giovedì 21 luglio la prima assoluta dell’Orchestra Nazionale Alexanderplatz. Una sezione di fiati jazzistica e dieci archi, diretti dal Maestro Franco Piana. Da sottolineare la partecipazione del Maestro Paolo Vivaldi, importante autore di colonne sonore. La serata continua con Francesco Bruno & his 4et.
Venerdì 22 luglio ritmo New Tango e New Musette, con la star mondiale Richard Galliano con la sua fisarmonica, insieme a Adrien Moignard (chitarra) e Diego Imbert (contrabbasso).
Sabato 23 luglio Il grande bassista jazz John Patitucci, vincitore di due Grammy Awards, con Rogerio Boccato (batteria) e Yotam Silberstein (chitarra) danno vita a un trio jazz dalle sonorità brasiliane.
Domenica 24 luglio concerto straordinario che Mario Biondi e i fratelli Scannapieco, cresciuti musicalmente all’Alexanderplatz Jazz Club di Roma, dedicano alla memoria di Paolo Rubei, amico di una vita e compagno di mille avventure musicali.

JAZZ & WINE IN MONTALCINO
Fortezza di Montalcino (salvo diversa indicazione) - ore 21.45 - jazzandwinemontalcino.it

Versilia: gli "Incontri del Principe" raddoppiano la location!

Stefano Zurlo intervista personaggi di politica, cultura, informazione, imprenditoria e intrattenimento. Personaggi molto noti al grande pubblico nell’edizione 2022 de “Gli Incontri del Principe”, la rassegna di talk show organizzata dal Grand Hotel Principe di Piemonte di Viareggio con la conduzione dell’inviato de "Il Giornale" Stefano Zurlo.
Alla sua terza edizione e dopo i grandi successi ottenuti nei primi due anni, la manifestazione raddoppia le sue location ed è ancora a ingresso libero.
Quattro appuntamenti sono pomeridiani, con inizio alle 18, all’interno del Grand Hotel che è stato ristrutturato e proprio quest’anno festeggia il suo centenario con una veste ancor più scintillante, degna delle cinque stelle lusso di cui si fregia.

Ma la novità è che i talk show si svolgono anche all‘esterno, nella suggestiva piazza Maria Luisa, sulla Passeggiata di Viareggio, dove viene allestito un palco e dove gli appuntamenti sono serali con inizio alle 21.15. Questo consente un più facile afflusso delle persone che affollano il lungomare nelle calde serate di luglio e agosto.



Prossimi appuntamenti:
 
Andrea Orlando – Rosario Rasizza, Lunedì 18 Luglio ore 21.15 in Piazza Maria Luisa a Viareggio.
Jonella Ligresti, Giovedì 21 Luglio ore 21.15 in Piazza Maria Luisa a Viareggio.
Sonia Bruganelli, Venerdì 22 Luglio ore 21.15 in Piazza Maria Luisa a Viareggio.
Antonella Boralevi, Sabato 23 Luglio ore 21.15 in Piazza Maria Luisa a Viareggio.
Carlo Calenda, Giovedì 28 Luglio ore 18.00 al Grand Hotel Principe di Piemonte.
Maria Elena Boschi, Sabato 30 Luglio ore 21.15 in Piazza Maria Luisa a Viareggio.
Gemma Calabresi, Martedì 2 Agosto ore 21.15 in Piazza Maria Luisa a Viareggio.
Alessandro Sallusti, Domenica 7 Agosto ore 21.15 in Piazza Maria Luisa a Viareggio.
Maurizio Belpietro, Venerdì 12 Agosto ore 21.15 in Piazza Maria Luisa a Viareggio.
Vittorio Sgarbi, Sabato 13 Agosto ore 21.15 in Piazza Maria Luisa a Viareggio.
Matteo Renzi, data da confermare, ore 21.15 in Piazza Maria Luisa a Viareggio.

Ingresso gratuito ma con accesso limitato - Diretta streaming sui canali YouTube e Facebook del Grand Hotel Principe di Piemonte - Appuntamenti alle 18 e alle 21.15
 
Infoline www.principedipiemonte.com


site map