Cerca

Risultati per: toscana


Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Warning: date() expects parameter 2 to be int, string given in /opt/sites/www.firenzespettacolo.it/web/tags.php on line 188

Vinci, riapre il Museo Leonardiano

Per queste prime settimane, l'accesso al pubblico è consentito solo il venerdì, sabato e domenica, con orario 9.30-19, mentre la Casa natale di Leonardo ad Anchiano è aperta tutti i giorni con orario 10-19.

La riapertura è stata possibile grazie all'impegno dell'Amministrazione comunale che in queste settimane si è adoperata per dotare i locali museali di tutti i dispositivi necessari a garantire la visita in sicurezza.

Per quanto riguarda la mostra “Leonardo e la pittura” alla Villa del Ferrale, il Comune di Vinci conta di riaprirla nel mese di giugno.

Verso l'estate: Isola d'Elba, un mare di ... animali

Un’antica leggenda narra che quando la Venere Tirrenica nacque dagli abissi marini, la collana di perle che portava al collo si ruppe e le gemme, spargendosi nel mare, diedero vita alle isole dell’Arcipelago Toscano e tra queste all’Isola d’Elba.
Oggi, l’Elba è il cuore del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, un’area protetta che si estende per circa 180 kmq, e della Riserva della Biosfera MaB UNESCO, un prestigioso programma dedicato alle risorse della biosfera e alla tutela delle riserve naturali.

Qui, tra i profumi della macchia mediterranea, l’Elba ospita una vivace e originale varietà di fauna selvatica: dai fenicotteri ai fieri rapaci, come il falco pellegrino, alle operose api; dalla piccola lucertola muraiola, endemica dell’Elba, alle colorate farfalle.
Proprio queste creature affascinanti sono ospiti e protagoniste del Santuario delle farfalle, creato in una zona nei pressi del Monte Capanne. Un sentiero tematico che racconta la vita delle farfalle, un mondo magico dove prati e zone rocciose si animano tra lo sbattere di ali della Lycaeides villai e della Coenonympha elbana, due specie endemiche delle isole toscane. Un luogo dove fragili e splendidi esemplari si incontrano, definito “santuario” per la sua sacralità, che costituisce un ambiente ideale per la vita di queste farfalle uniche e dove è stata registrata la presenza di oltre 50 specie, alcune molto particolari e diverse rispetto a quelle presenti nelle zone vicine.
Tra le più incredibili la vistosa Cleopatra dai colori sgargianti, la Tecla della quercia dalle ali blu scuro, le variopinte ed eleganti Giasone, Podalirio e Macaone. Inoltre, è stata osservata la Vanessa multicolore, che non si registrava all'Elba dal 1916 e veniva ormai considerata estinta! Nel 2019, grazie al lavoro di un gruppo di ricercatori, Legambiente, Parco Nazionale e l’associazione culturale le Macinelle, è stata inaugurata una nuova area del Santuario delle farfalle: l’Oasi della farfalla di San Piero, l’unica area al mondo dove vive la rara farfalla di San Piero, grazie alla presenza delle piante nutrici, le Aristolochie.

Continuando a volare tra la natura dell’Elba, si arriva anche all’Orto dei semplici dell’Eremo di Santa Caterina, in cui “l’uomo che sussurra alle api” – Roberto Ballini, classe 1944, ex ciclista professionista – si prende cura delle arnie. Negli anni Ballini ha sviluppato un sistema di comunicazione con i preziosi impollinatori che distinguono due differenti frequenze sonore. Attraverso queste modulazioni di voce riesce a dialogare con loro impartendo semplici indicazioni, in armonia con l’incredibile biodiversità dell’Orto dei Semplici, un luogo quasi mistico e di grande essenzialità che conserva esemplari di piante autoctone dell’isola, tra cui anche sei varietà rare di frutti originari dell’Elba, come il Pero Angelica dell’Elba o il Pesco Sanguigno settembrino dell'Elba.

L’ambiente marino dell’Isola, incontaminato e attraversato da correnti ricche di cibo, ospita una sorprendente varietà di forme di vita. Già dalla riva si possono scorgere i primi pesciolini e poi, nuotando al largo con la maschera, si possono ammirare praterie di posidonie, triglie di scoglio e castagnole; polpi sinuosi e cavallucci marini; rombi e barracuda; pesci luna, gorgonie e aragoste. Ma i protagonisti del mare sono i cetacei, come le stenelle e i tursiopi, che spesso vengono avvistati intorno all'isola e che con un po’ di fortuna è possibile ammirare anche da vicino durante piacevoli escursioni in barca.

L’Elba è anche un punto di riferimento per gli appassionati di birdwatching grazie alla ricchissima avifauna costituita da uccelli stanziali e migratori. Tra gli ambienti più ricchi di vita si segnalano: capo d'Enfola, dove le scogliere offrono un riparo agli uccelli e sono perfette per ospitare i nidi del Gabbiano Reale; il Monte Capanne e il Monte Serra, luoghi ideali per osservare il volo sontuoso dei rapaci. Tra quelli che nidificano sull'isola è d’obbligo segnalare il più veloce predatore alato, il falco pellegrino, ma si possono trovare anche il barbagianni, il gheppio, il gufo comune e la poiana. Di grande richiamo sono le colonie di berta maggiore e minore e di gabbiano corso. A testimonianza delle importanti risorse biologiche che il territorio dell’Isola d’Elba offre, il bacino delle antiche saline di San Giovanni torna ad ospitare i fenicotteri rosa, già avvistati negli anni scorsi e ancora una volta conferma della ricchezza di vita dell’area della Baia di Portoferraio popolata anche da aironi, pavoncelle e chiurli.

Non meno preziosi, il Monte Calamita e il già citato Monte Capanne sono siti di grande importanza per il loro valore naturalistico. Il Calamita si è accreditato nel corso della storia come luogo di assoluta suggestione per la rarità delle specie ospitate: tra gli arbusti della macchia mediterranea si possono scorgere capre selvatiche e lepri, mentre dalla sommità è possibile avvistare una delle più vaste colonie di gabbiano reale (Punta Calamita è anche detta Costa dei Gabbiani, per la presenza dei numerosi nidi). Sul Capanne, invece, potreste imbattervi nella martora lungo i sentieri che in alcune stagioni dell’anno regalano lo spettacolo della fioritura della viola corsica ilvensis, specie endemica dell’Isola dell’Elba.

Scopri di più su Visit Elba al sito www.visitelba.info e nel blog blog.visitelba.info

Segui Visit Elba su Facebook, Instagram e Twitter @visitelbait

Il Girone dei Tartufi

La Sagra del Girone si fà! L'organizzazione ha fatto un grosso sforzo per essere in regola e offrire la possibilità di degustare le mitiche specialità al tartufo anche quest'anno.

Da sabato 4 Settembre e per ben 23 giorni, riapre la Sagra del Tartufo e Festa del Volontariato, della S.M.S. Croce Azzurra di Pontassieve, sezione del Girone, che costituisce un appuntamento fondamentale oltre che essere  la principale forma di autofinanziamento per gli scopi sociali della Sezione (servizi di accompagnamento, ambulanza, gestione ambulatori medici, assistenza anziani, ecc.), quest’anno ancora più necessario.

Il menù è a base di tartufo con le tradizionali gustosissime specialità a prezzi convenienti anche in tempi di crisi: Carpaccio, Sformati, Taglierini, Tortelli, Lasagne, Uova, Tartare, Bistecche e Tagliate alla griglia, Hamburger, Tartare, Carpaccio, Pizze… e anche nuove proposte.
Per chi non ama il tartufo nessun problema, le stesse specialità si trovan anche senza tartufo, da provare assolutamente la bistecca per due!


La Sagra è organizzata insieme al Circolo ricreativo culturale ARCI Il Girone e si svolge tutti i giorni fino al 26 settembre, nei locali al coperto accanto allo stesso circolo, in Piazza Pertini al Girone (Fiesole).

Prenotazioni anche sul sito web, dove è anche possibile ordinare prima di arrivare, attraverso il  menù, avrete così la precedenza per sedervi!

Prenotazione obbligatoria con due turni alle 19,30 e alle 21,15, per poter rispettare le normative anti Covid19 e Green-pass obbligatorio.
informazioni: 331 4480285 (dalle 16 alle 18) - tutti i giorni dalle 19.30 - sagratartufo@gmail.com - Pagina Fb - parcheggio gratuito


Estate fusion in Maremma

Maremma is the New Carribe, complice il  post lockdown, la natura di terra e mare di questa zona è ancora più ricca e rigogliosa, e quindi perché non avventurarsi per calette romantiche come Cala Violina, Cala Civette, Cala Martina, Cala Francese…

SPIAGGE

CALA VIOLINA è la celebre suggestiva caletta della riserva naturale delle Bandite di Scarlino. Il particolare che la rende così conosciuta ed unica consiste nel suono che emette la sabbia quando la si calpesta, in assenza di altre forti fonti sonore, ricorda le dolci note di un violino. È facilmente raggiungibile per due percorsi: 

1) PERCORSO PANORAMICO: Provenendo da Follonica, percorrete la strada provinciale verso Castiglione della Pescaia (Strada della Collacchie); e in Località Puntone, dopo il semaforo, girare a destra e percorrere il Lungomare Garibaldi costeggiando il Porto turistico. Prima di raggiungere il ristorante "Il Cantuccio”, parcheggiate e da lì, percorse poche decine di metri, troverete una sbarra da dove parte il sentiero che porta a Cala Violina, percorribile solo a piedi o in bicicletta. La strada è sterrata, ma facilmente accessibile. Dopo 2 km si raggiunge Cala Francese e Cala Martina; lungo il sentiero un monumento in onore di Garibaldi, che qui si fermò per rifornirsi di munizioni prima dello sbarco in Sicilia. Ancora 2 km e ci siete. Sono 4 km e impiegherete 1 ora circa. 

2) PERCORSO AGEVOLE: Da Follonica verso Castiglione della Pescaia (Strada della Collacchie) seguite la segnaletica. Al km10, a 400 mt dal distributore di benzina di Pian D’Alma, l’indicazione sulla destra per Cala Violina. Una strada sterrata vi porta ad un ampio parcheggio a pagamento (8-20 - 250 posti), in Val Martina. Da li 2 km a piedi, mezz’ora circa, o in bici.

Proseguendo lungo il sentiero incontrerete altre tre suggestive calette

CALA CIVETTE - non è facile da raggiungere via terra, molto meglio arrivarci per mare. La sabbia è bianchissima e fine, la cala molto riservata è protetta da una collina ricoperta da rigogliosa macchia mediterranea ed in alto la Torre Civette, dalla quale prende il nome. Il mare è limpido e popolato da una ricca fauna marina. Fantastica per un pomeriggio romantico.

CALA DEL BARBIERE, sfruttata sin dai tempi più antichi prima dagli Etruschi e poi dai Romani per i loro commerci marittimi, ha la spiaggia bianca come quella di Cala Violina ed è famosa perché nel ’73 vi fu girato il film L’anitra all’arancia con Ugo Tognazzi.

ed inoltre:

Viale della Principessa (San Vincenzo): grandi spiagge dalla sabbia bianchissima.
Buca delle Fate (San Vincenzo) angolo nascosto non facile da raggiungere, ma per i più avventurosi la vista di questo angolo di paradiso è il miglior premio.
Golfo di Baratti: profilo elegante dell'insenatura, che dall'alto svetta con Populonia, spiaggia bianca ed enormi prati per picnic.
Parco della Sterpaia (Riotorto) grandi spiagge nella riserva naturale. Qui non fatevi scappare una puntata al Nano Verde! La Ristomoyteria, avvolta nel parco dei pini, serve dalle 18 Mojito e Pererito (variante con peperoncino fresco): piedi sulla spiaggia e musica dal vivo (ogni sabato un concerto).
Torre Mozza (Follonica) Acqua cristallina con il profilo elegante della torre antica.
Carbonifera ( Follonica) perfetta per i vostri amici a 4 zampe, dog beach.
Spiaggia Toni's (Follonica) Play Area vietato non divertirsi e giocare a qualsiasi cosa vogliate, racchettoni, pallavolo, calcetto... 
Le Rocchette (Castiglione della Pescaia) Un Must.
Puntala (La Vela e Golf Beach)

TACCUINO

SAN VINCENZO 

Aperitivo al tramonto allo Zanzibar (drink and food9, un must. Locale elegante e di design, barman entusiasti pronti a stupirvi con le ultime tendenze, drink ghiacciati, il sole che cala sui profili delle barche a vela e musica dei dj della costa a incorniciare il tutto. Se decidete di rimanere a cena ottime proposte di pesce.

Sale, il Sal8 (food drink and more) - Un angolo di pura bellezza, sulle colline di San Vincenzo, nello splendido Relais Poggio ai Santi, con vista mozzafiato, su San Vincenzo, Elba e Gorgona. Il tramonto ha davvero un altro sapore. Km zero, prodotti nostrani e accurata scelta di eccellenze, arredi chic e eleganza in ogni dettaglio, con un menù bello da vedere e da toccare. Cucina raffinata e aperitivo insolito. Distillati ricercati e fusion di innovazione e tradizione in un solo drink: partendo da ricette con oltre 150 anni, nate nel pre-proibizionismo americano fino ad arrivare all'esotico mondo del tiky style, lo charme bohemien europeo di inizio ‘900, per approdare infine agli attuali e molto di moda ‘winetails’ (cocktail a base di vino). Un consiglio: assaggiate Clorofilla.

FOLLONICA

Limonaia, RistoBoutique - Sapori travolgenti come la simpatia e cordialità del giovanissimo proprietario. La filosofia è il vero KM zero e quindi un menù autentico e autoctono; carne e di pesce seguono il ritmo della stagionalità e la filiera corta. La carne è davvero succosa, pezzature selezionate e frollatura d'eccellenza; proposte di pesce un capolavoro, con cotture giuste che esaltano la materia prima. Più la pizza, cotta a legna con condimenti gourmet. Via Roma, 15 – 0566 41660

Malibù Kitchen Bar, FoodDesign - Ambiente frizzante, rispecchia il mood dei giovanissimi proprietari. Ricorda un Pier Californiano fronte mare, pura luce in una fusion design. Il pesce è la specialità che lo Chef di origine pugliese sa bene come esaltare. Da non perdere il suo polpo e la speciale mayonnaise. La saletta riservata è perfetta per l’aperitivo o per un dopo cena sorseggiando sul lungomare un fantastico cocktail. Viale Italia 42 – 0566 1903793

Santarino - Chi non ha mai assaggiato il polpo di Santarino non può dire di conoscere davvero questa parte della costa. Siete amanti del pesce? Qui lo si cucina davvero bene. Ristorante storico passa da generazioni i suoi preziosi segreti culinari di padre in figlio, se siete degli amanti dei crostacei non fatevi scappare i tagliolini all'astice. Avvolti da “bavaioloni” e dotati dei giusti attrezzi potete affondarvi in un trionfo goloso. Piazza 24 Maggio 21 – 0566 41665

e la novità di quest'anno MU HOUSE... leggi qui:
https://www.firenzespettacolo.it/mu-house-follonica-5285https://www.firenzespettacolo.it/mu-house-follonica-5285

a cura di Giulia Maria Ricci

Visite Guidate a Firenze e in Toscana

AKROPOLIS
Info, orari e prenot 055 461428 - akropolis.cultura@libero.it - akropoliscultura.oneminutesite.it
mercoledì 4 Palazzo Magnani Feroni
sabato 7 Cappella Brancacci e affreschi di Masaccio e Masolino
lunedì 9 Librerie storiche fiorentine
mercoledì 11 Museo delle Pietre Dure
venerdì 13 Fondazione Mello
mercoledì 18 Museo degli Innocenti
sabato 21 Oratorio di Sant’Antonio Abate detto “la buca”
lunedì 23 mostra di Tomàs Saraceno a Palazzo Strozzi
mercoledì 25 Chiesa dei SS. Francesco e Chiara e convento dei Cappuccini di Montughi
sabato 28 Orvieto e Civita di Bagnoregio

CITTÀ NASCOSTA
Info, orari e prenot 055 6802590 - www.cittanascosta.it
mercoledì 4 Immagini del mondo contemporaneo: come decifrarle? Lezione 1: Dalla storia dell’arte alla storia delle immagini
giovedì 5 Lussuosi palazzi di piazza Ognissanti
domenica 8 festa della donna: Donne pittrici in un percorso a palazzo Pitti
mercoledì 11 Immagini del mondo contemporaneo: come decifrarle? Lezione 2: Dal falso al fake, alla post produzione
sabato 14 Beato Angelico al museo di San Marco
domenica 15 mostra di Tomás Saraceno a Palazzo Strozzi
mercoledì 18 Immagini del mondo contemporaneo: come decifrarle? Lezione 3: Iconoclastia e invisibilità
domenica 22 Trekking urbano tra i grattacieli medioevali

ENJOY FIRENZE
Info, orari e prenot 055 5520407 - enjoyfirenze.it
sabato 7 I volti della Dea. Rappresentazioni della donna tra archeologia e simbolismo; Le Navi Antiche di Pisa
sabato 14 La Chiesa Ortodossa della Natività
sabato 21 La Fortezza di Arezzo, Mimmo Paladino e “La Regola di Piero”
domenica 22 La Firenze di Dante e Boccaccio
domenica 29 La Certosa del Galluzzo

AMIR - Accoglienza, musei, inclusione e relazione
Info e prenotazioni: 328 7084059 - amirmuseums@gmail.com
sabato 7 Chiesa di Santa Maria a Peretola
domenica 15 Museo degli Innocenti
domenica 22 Museo Bandini, Fiesole e Collezione d’Arte della Fondazione CR Firenze
sabato 28 Museo Primo Conti, Fiesole
domenica 29 Museo Civico Archeologico e Area Archeologica di Fiesole

Coronavirus, le nuove date dei maggiori concerti

Pinguini Tattici Nucleari al Mandela Forum
Previsto il 3 marzo > recupero il 24 ottobre

Ruggero dei Timidi alla Flog
Previsto il 7 marzo > recupero l'8 maggio

Angelo Duro al TuscanyHall
Previsto il 13 marzo > recupero il 5 aprile

Giovanni Lindo Ferretti alla Flog
Previsto il 13 marzo > recupero il 9 maggio

Anastasio al TuscanyHall
Previsto il 16 marzo > recupero il 17 ottobre

Le Vibrazioni e Orchestra di Beppe Vessicchio
Previsto il 27 novembre > recupero il 7 aprile

Teho Teatrdo al Teatro Puccini
Previsto il 17 marzo > recupero il 14 aprile

Gemitaiz e Madman al TuscanyHall
Previsto il 31 marzo e 1 aprile > recupero il 29 aprile

Willie Peyote al TuscanyHall
Previsto il 13 marzo > recupero il 4 maggio

Renzo Arbore al Teatro Verdi
Previsto il 3 marzo > recupero il 1° ottobre

Aiello al TuscanyHall
Previsto il 2 aprile > recupero il 12 maggio

Raf & Tozzi al Teatro Verdi
Previsto l'8 marzo > recupero il 17 maggio

Marracash al Mandela Forum
Previsto il 16 aprile > recupero il 26 ottobre

Info biglietti e rimborsi www.bitconcerti.it per i concerti alla Flog www.flog.it

A Lucca e a Pisa piani concreti e NO ZTL

Nel diluvio di provvedimenti, task force, leggi, DPCM, ordinanze e chi-più-ne-ha-più ne-metta ci ha colpito nei giorni scorsi quanto deciso dal Comune di Lucca e dal Sindaco Tabellini, peraltro reduce dalla malattia coronavirus, per fortuna sua e nostra ben guarito.

 

Ecco quanto disposto a Lucca:

  • spenti i varchi telematici della ZTL del centro fino al 31 agosto (per adesso)
  • pacchetto complessivo di interventi di 12milioni di euro a favore di imprese e attività commerciali
  • tributi locali cancellati o dimezzati
  • annullata TOSAP fino al 31/12/20
  • annullata tassa di soggiorno
  • annullati i ticket turistici
  • rinviata al 30/11 la tariffa sui rifiuti (salvo i costi fissi)
  • fondo speciale per pagamento fondi commerciali rimasti vuoti
  • parcheggi gratuiti

 A PISA il piano "Riapri Pisa" del Comune prevede un investimento complessivo di 15 milioni di euro.

  • contributo straordinario di 700mila euro per sostegno affitti commerciali e professionali
  • riduzione 30% affitti immobili di proprietà comunale
  • azzerata tassa suolo pubblico per tutto il 2020
  • azzerata tassa di soggiorno per tutto il 2020
  • abbattimento TARI per aziende chiuse causa coronavirus
  • apertura ZTL estiva nottunra sui lungarni
  • sosta gratuita prime 2 ore parcheggi S. Antonio e S. Caterina

Non sono annunci roboanti, ma fatti concreti. Noi li preferiamo, e Voi?

L'Albergaccio di Castellina in Chianti

Dal 1989 Francesco Cacciatori in sala, Sonia Visman e il figlio Pietro in cucina. Si punta al cuore senza effetti speciali, se non quelli della tradizione e di ingredienti sempre freschi e locali. Come la Chianina IGP e l’Agnello pomarancino. Il menù cambia ogni mese per privilegiare ed esaltare i prodotti di stagione. Stesso discorso vale per i vini ben selezionati attraverso una degustazione precedente e senza guardarne la fama.


Ovviamente operando nella zona del Chianti Classico e con un menù prevalentemente di terra con poche scelte di pesce, ampio spazio è riservato ai rossi. Non mancano però le bollicine, bianchi e dolci, per un totale di 350 etichette. Ambiente rustico-elegante con elementi tipici della zona rurale come cotto, travi in cipresso e pareti in pietra alberese. Cucina fresca di ristrutturazione. 

CENE IN VIGNA 2021 in collaborazione con la Tenuta Querceto di Castellina

SABATO 19 GIUGNO alla Tenuta Querceto di Castellina immersi nella vigna

Aperitivo servito sulla terrazza panoramica
Donzelle con prosciutto toscano DOP
Cecina croccante con baccalà mantecato e pomodorino confit
Tartelletta di cipolle caramellate, pinoli e uvetta

Cena circondati dal Vigneto Livia nel cuore del Chianti Classico

Risotto ai funghi Porcini cotti e crudi, rafano e prezzemolo
Fagottelli ripieni di stracotto di Chianina IGP, vignarola e pecorino
Carrè di cinghiale con flan di spinaci e carote
"Magnum" alla vaniglia e pralinato di nocciole

In degustazione i Vini dell'Azienda Agricola Querceto di Castellina

Caffè e Acqua - 98 euro a persona

SABATO 17 LUGLIO alla Tenuta Querceto di Castellina immersi nella vigna

Aperitivo servito sulla terrazza panoramica
Donzelle con prosciutto toscano DOP
Cecina croccante con baccalà mantecato e pomodorino confit
Tartelletta di cipolle caramellate, pinoli e uvetta

Maremmani ripieni di spinaci spadellati e ricotta di capra, burro ed essenza di salvia 
Risotto al piccione, fegatini al Vin Santo e menta 
Diaframma di Chianina IGP alla griglia, pepe Timut e melanzana alla parmigiana 
Zuccotto Toscano ripieno di ricotta con zabaione al Vin Santo

In degustazione i Vini dell' Azienda Agricola Querceto di Castellina

Caffè e Acqua - 98 euro a persona

Altre date:  sabato 7 agosto e  sabato 4 settembre

Cene a metà prezzo nel nostro E-STORE

Castellina in Chianti - via Fiorentina 63 - 0577 741042 (chiuso mar e mer) - ristorantealbergaccio.com

Crowdfunding per Nottilucente

Torna Nottilucente, la festa della cultura di San Gimignano che si terrà sabato 26 giugno per le vie e le piazze del comune.
L'associazione Culture Attive in collaborazione con il Comune di San Gimignano e altri 13 partner, ha lanciato una campagna di crowdfunding sulla piattaforma eppela per permettere a cittadini, amici, aziende e commercianti di poter contribuire in maniera diretta alla realizzazione di progetti artistici che daranno spazio alla giovane creatività e a visioni inusuali all'interno della manifestazione.

Quest'anno il tema è l'adolescenza come “rEVOLUZIONE”: una parola potente che assume in sé molte sfaccettature ma che vuole e deve essere proiettata anche all’attualità più stringente: una rivoluzione che è quella dell’età di passaggio dall’infanzia all’essere adulti e, insieme, un’evoluzione, una crescita umana, personale e collettiva, una presa di coscienza a un anno dallo scoppio della pandemia. Installazioni video-fotografiche, rappresentazioni teatrali, performance, musica, dj e vj set, live musicali, passeggiate poetiche, salotti all’aperto, mostre, laboratori per bambini.

Per sostenere la campagna di crowdfunding, dal 14 maggio fino al 20 giugno, si può donare un contributo sulla piattaforma eppela o effettuare direttamente un bonifico intestato ad ASSOCIAZIONE CULTURE ATTIVE, IBAN: IT32N0867372000009006091492 inserendo la causale “donazione liberale per progetto NOTTILUCENTE X”

La campagna è realizzata all’interno dell’iniziativa Let’s Crowd sostenuta da Fondazione Monte dei Paschi di Siena in collaborazione con Feel Crowd e Vernice Progetti Culturali.

Radicondoli Festival: Il Cielo dentro di noi

Riscoprire il mondo e rielaborarlo in sé, dopo questo lungo tempo sospeso, diventa desiderio e necessità insieme dell’arte come luogo di progettazione del futuro. In questo senso il Festival di Radicondoli ha scelto per la XXXV edizione lavori che sono espressione artistica del cambiamento contemporaneo, facendo diventare il territorio uno spazio privilegiato per il dialogo interculturale e intergenerazionale, dove si intersecano differenti linguaggi, dalla danza ai segni visivi contemporanei, alla musica, agli spazi video e sonori e che fa anche tesoro delle esperienze locali.

Un punto di incontro tra la comunità, artisti affermati e emergenti, nazionali e territoriali, per dare vita a un rito collettivo, fra la festa popolare e la performance artistica. Il tutto valorizzando gli angoli unici dell’area, ricettività e prospettive di un paesaggio, che si fa ancora più esteso rispetto alle precedenti edizioni. 

Ne abbiamo parlato con Massimo Luconi, direttore artistico del festival.

Radicondoli compie 35 anni. Raccontaci questa edizione post Pandemia, quali sono gli spettacoli da non perdere?
Non vorrei indicare qualche evento in particolare ma sottolineare la dimensione di un progetto artistico e spettacolare che si sviluppa in un piccolo centro come Radicondoli, estremamente decentrato e fuori dalle rotte di maggiore flusso turistico e che richiede un rapporto profondo con il territorio, inteso come comunità e come luoghi valorizzati attraverso gli interventi artistici. In tal senso la 35^ edizione si dilata nello straordinario patrimonio paesaggistico ambientale che circonda il paese, in luoghi ricchi di fascino architettonico e di memorie. 

In maniera parallela e complementare al festival di teatro, ben consolidato a livello nazionale, affianchiamo installazioni e performances di giovani artisti, in luoghi che per motivi diversi nel corso degli ultimi anni sono stati dismessi o male utilizzati, rivitalizzandoli in una nuova dimensione in rapporto con la comunità. 

Radicondoli insomma come un luogo magmatico dove si intersecano differenti linguaggi, dal teatro tradizionale, alla danza, ai segni visivi contemporanei, alla musica, agli spazi video e sonori e che fa anche tesoro delle esperienze del territorio intorno alle tematiche culturali e alla capacità associazionistica. Un luogo dove si compie una osmosi fra artisti, professionisti e comunità, in una forma di antico rito collettivo, fra la festa popolare e la performance.

Nel nutrito panorama dei Festival Toscani, qual è secondo te il punto di forza di Radicondoli?

Oltre a elaborare un buon programma con proposte originali in equilibrio fra tradizione e ricerca, credo proprio che la forza del festival sia un luogo speciale come Radicondoli che nelle ultime edizioni è diventato sempre più protagonista, utilizzando gli spazi naturali come scenografie e location degli spettacoli. Questa alchimia è molto magnetica e alla lunga si è rivelata vincente per la comunità e per gli addetti ai lavori.

Da quasi 10 anni sei alla guida, con successo, di questo Festival. Altri progetti in cantiere?

Ne avrei molti…ma se prima era difficile montare un nuovo spettacolo, ora nella fase post covid è quasi impossibile, speravamo che ci fossero maggiori osmosi e aperture, invece tutto si è chiuso ancora di più. Il progetto che più mi sta a cuore in questo momento è il rapporto oramai decennale, con il mio gruppo di attori a St Louis, nel nord del Senegal al confine con la Mauritania, con il quale ho iniziato da poco un nuovo progetto su un testo di Brecht.


PROGRAMMA 

Sabato 17 luglio Palazzo Bizzarrini (ore 17.30) mostra di Simone Gori, Antonello/Ghezzi “Come complicarsi la vita e guardare le nuvole”

Domenica 18 luglio installazione sonora di Antonio Aiazzi (Loc. Pianetto, ore 18.30) e video documentario “Watermark” di Jennifer Baichwal, Edward Burtynsky, a cura Lo Schermo dell’arte (Pieve Vecchia della Madonna ore 21.15).

Lunedì 19 luglio Piazza Collegiata ore 21.15, Greta Panettieri in concerto.

Martedì 20 luglio Pieve Vecchia della Madonna ore 21.30, Michele Crestacci, drammaturgo e attore, è diretto da Alessandro Brucioni in “Mascagni”.

Mercoledì 21 luglio Roberto Visconti viene diretto da Giancarlo Cauteruccio, fondatore di Teatro Krypton, in “Filippo Brunelleschi – Nella divina proporzione”.


Giovedì 22 luglio Podere la Fonte ore 19 Silvia Frasson è la protagonista di “La vita salva”, una storia di solidarietà tra sconosciuti. Segue alla Pieve Vecchia della Madonna ore 21.15 il documentario di Massimo Luconi su Dani Karavan.

Venerdì 23 luglio Pieve Vecchia della Madonna, ore 19 Ciro Masella interpreta “Per tutta la vita ho fatto solo cose che non sapevo fare” di Remi de Vos (prima nazionale).

Sabato 24 luglio Pieve Vecchia della Madonna,ore 21.15 Alessandro Benvenuti riprende il suo diario dal lockdown “Panico ma rosa, diario di un non intubabile”.

Domenica 25 luglio Podere la Fonte ore 19, Mariella Celia di Sosta Palmizi in “Bisbigliata Creatura #Terra- site specific”. Segue alla Pieve Vecchia della Madonna ore 21.15 “Utoya” testo di Edoardo Erba diretto da Serena Sinigaglia, con Arianna Scommegna e Mattia Fabris.

Lunedì 26 luglio Pieve Vecchia della Madonna ore 21.15 Arianna Scommegna è la protagonista di “E bastava un’inutile carezza a capovolgere il mondo. Vita anarchica e poetica di Piero Ciampi” (prima nazionale). 

Martedì 27 luglio doppio appuntamento: Chiesa Collegiata ore 18 il concerto con Gabriele Giacomelli all’organo e Elena Romanazzi al canto.  A seguire alla Pieve Vecchia della Madonna ore 21.30 Monica Nappo con “L’esperimento” (prima nazionale). 

Mertedì 28 luglio a Belforte ore 18 un concerto di musica da camera, con i giovani musicisti del paese.

Segue alla Pieve Vecchia della Madonna ore 21.15 “Pierre e Jean” dal romanzo di Guy di Maupassant, con Raffaele Ausiello e Carlo Caracciolo: prod. Radicondoli festival.

Giovedì 29 luglio Agriturismo Belcanto ore 19.15 concerto di Jazz brasiliano del duo Lune&Soleil.

Segue in prima nazionale alla Pieve Vecchia della Madonna ore 21.15: “L’importante è che ci sia qualcuno, una storia da A. B. Yehoshua” della compagnia Marcido Marcidorjs e Famosa Mimosa, con Maria Luisa Abate e la regia di Marco Isidori.

Venerdì 30 luglio Palestra ore 21.15 “Unterwasser/Maze”, live performance di ombre: sculture e corpi sono proiettati su un grande schermo.

Sabato 31 luglio chiusura alla Pieve Vecchia della Madonna ore 21.15 con Florina Cangino in arte Flo con “Brave ragazze”, con Cristiano Califano (chitarra) e Michele Maione (percussioni).

E inoltre: “Premio Radicondoli per il teatro” (domenica 25 al Poggio, ore 16), Raccontafiabe, laboratori, stages di danza, “Incamminarsi” Percorso per amatori sulle tracce del proprio corpo progetto Sosta Palmizi, un laboratorio sul suono. Una radio web trasmette durante il festival e intervista i protagonisti.

RADICONDOLI FESTIVAL
XXXV edizione - Il cielo dentro di noi - Esercizi per una cultura necessaria - Direzione artistica: Massimo Luconi

Radicondoli (Si) - Vari luoghi - info, programma completo, biglietti: radicondoliarte.org

site map